lunedì 22 luglio 2019

lunedì 22 luglio 2019

MENU

Nasce a Messina la colomba pasquale che profuma di Sicilia

Dolci

E' opera di Francesco e Giuseppe Arena il dolce col sorbetto al mandarino di Ciaculli e la mandorla di Avola


di Redazione SicilyMag

Il dolce pasquale per eccellenza, la colomba tradizionale, incontra il fresco sorbetto al mandarino di Ciaculli e la mandorla di Avola. L’eccellente combinazione di sapori da vita ad un dolce elegante e ricco dei profumi della Sicilia, l’isola in cui è stato ideato. L’iniziativa è di due messinesi, l’Ambasciatore del Gusto Francesco Arena, che ha recentemente ricevuto il premio di “Miglior Fornaio Best in Sicily 2019” (dal Giornale di enogastronomia Cronache di gusto), e del maestro gelatiere Giuseppe Arena, specializzato nella preparazione di granite, sorbetti e gelati artigianali. Legati da una amicizia di lungo corso, i due professionisti hanno messo insieme le loro abilità per creare un dolce che parlasse di Sicilia.

La colomba di Francesco Arena e Giuseppe Arena

La colomba tradizionale realizzata dal Panificio Masino Arena è preparata con la ricetta classica, a lievitazione naturale. «Per la sua preparazione – spiega Francesco Arena – occorrono 48 ore di lievitazione. E’un dolce che faccio personalmente, che ha bisogno di tanta cura, e mi piace avere il controllo sui prodotti primari del mio panificio».
Per la colomba viene utilizzato lievito madre (con un’età di 20 anni), farina di forza W 400, burro di altissima qualità, canditi di arancia e cedro, miele di acacia, vaniglia del Madagascar, scorza di limone e arancia. Per rifinire la colomba viene utilizzata una glassa di mandorle e nocciole.

Francesco e Giuseppe Arena

Il sorbetto al mandarino tardivo di Ciaculli e mandorle di Avola realizzato dal Bar Gelateria Export viene preparato con le migliori materie prime siciliane, su base acqua. Il suo consumo è quindi adatto agli intolleranti al latte e ai vegani. Il mandarino tardivo di Ciaculli deve il suo nome alla borgata palermitana in cui è stato scoperto ed al periodo di maturazione, (che avviene a marzo). Le sue origini sono naturali, il contenuto zuccherino, la buccia sottile fanno di questo mandarino un agrume dal gusto inconfondibile. Ricco di vitamine C, B1 e B2, F e betacarotene, questo mandarino è presidio Slow Food. Le mandorle originarie della zona di Avola sono le cultivar più pregiate sui mercati internazionali. Il risultato è un sorbetto in cui i due sapori si legano perfettamente.

«Abbiamo scelto questo abbinamento – spiega Giuseppe Arena – perché il mandarino richiama i canditi mentre la mandorla richiama la glassa che ricopre la colomba. Il risultato è un dolce fresco, perfetto per completare il pasto delle feste Pasquali»


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 15 aprile 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

A Messina realizzata una pignolata da guinness dei primati

L'opera dolciaria, oltre 100 kg di bontà alta circa 1,30 mt, è stata realizzata da un team di professionisti: il maestro gelatiere Giuseppe Arena, il pasticcere Lillo Freni e il fornaio Francesco Arena, coaudiuvati dai pasticceri Rosario Zappalà, Massimo Riggio, Lillo Todaro e Umberto Maimone

A Palermo rivivono i dolci profumi del convento di S. Caterina d'Alessandria

A piazza Bellini, di fronte la chiesa della Martorana, il Fondo edifici di culto della Curia, tramite la cooperativa Pulcherrima Res, ha aperto la pasticceria "I segreti del chiostro" che riprende le antiche ricette delle suore di clausura che hanno vissuto fino a poco tempo fa nell'antico monastero del XIV secolo che Maria Oliveri ha raccolto in un libro prossimo alla ristampa

Il parfait di mandorle di Scorzonera&Cannella

La storia del dolce freddo e spumoso comincia a corte di Luigi XIV e presto si è diffuso anche in Italia e, naturalmente, in Sicilia terra di nascita del sorbetto e del gelato

L'agnello a Pasqua mangiatelo di marzapane

Nella storia della gastronomia siciliana la più antica e famosa preparazione fatta con il marzapane è la Frutta Martorana ma a Pasqua il delizioso impasto prende la forma di agnello come simbolo del Cristo risorto: "A picuredda", normalmente decorata, che però propongo secondo il mio minimalismo gastronomico

Il dulce de leche
una bontà che viene da lontano

Come il tango questa crema spalmabile dolce ben rappresenta il carattere dell'argentina, provocando un turbine dei sensi e della fantasia

PanettonTour
il gusto glocal delle feste siciliane

Tra chi li produce tutto l'anno e chi invece si dedica a questo prelibato dolce solo durante le festività, quello tra i panettoni made in Sicily è un tour goloso dalle mille sfaccettature che, provincia per provincia, è declinato da alcuni ingredienti essenziali: passione per l'arte pasticcera, impegno, rigore nella scelta delle materie prime e, soprattutto, tanta tanta pazienza