Moni Ovadia è il direttore artistico del Teatro Regina Margherita di Caltanissetta

Il teatro come centro del fermento culturale, tempio laico per promuovere arte e bellezza in una città desiderosa di riscatto. Il Teatro Regina Margherita di Caltanissetta torna a splendere di nuova luce e vitalità. L’amministrazione comunale del sindaco Giovanni Ruvolo, da sempre particolarmente attenta allo sviluppo culturale del territorio, ha deciso di affidare la direzione artistica del Teatro Regina Margherita a una delle figure più stimate e poliedriche del teatro italiano, Moni Ovadia.

Moni Ovadia

Moni Ovadia

L’ebreo errante del teatro italiano, reduce dal successo delle rappresentazioni classiche di Siracusa, firma la Stagione 2016 del Teatro Regina Margherita di Caltanissetta. «La cultura è strumento per lo sviluppo sociale ed economico del territorio – ha detto il sindaco Giovanni Ruvolo-, motore per la crescita della comunità, della sua coscienza civile, rinsalda legami e rende la vita degna di essere vissuta. Il nostro incontro con Moni Ovadia è stato decisivo. La sua eclettica attività artistica, infatti, è in piena sintonia con alcuni ideali essenziali per il riscatto del nostro territorio: giustizia, libertà e diritti civili».

La Stagione 2016 sarà presentata alla stampa giovedì 21 gennaio alle ore 10 al Teatro Regina Margherita, saranno presenti il sindaco Giovanni Ruvolo, il direttore artistico Moni Ovadia e l’assessore alla cultura Marina Castiglione.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.