​La Fondazione Inda aderisce a “Posto occupato”, la campagna contro la violenza sulle donne

Posto Occupato, Teatro Greco di Siracusa

La Fondazione Inda aderisce a “Posto occupato”, la campagna di sensibilizzazione nazionale contro la violenza sulle donne. L’iniziativa, che ha ottenuto migliaia di adesioni in tutta Italia, compresa quella del consiglio comunale di Siracusa, è un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza. Ciascuna di quelle donne prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Una sedia posta sulla scena prima di ogni spettacolo servirà proprio a riservare un posto a quelle donne che se non fossero state uccise avrebbero assistito agli spettacoli classici.

«Le notizie che arrivano da tutto il mondo sugli atti di violenza contro le donne purtroppo sono costanti – ha dichiarato il presidente della Fondazione Inda Giancarlo Garozzo -. E’ anche per questa ragione che come Fondazione Inda abbiamo subito colto l’invito ad aderire a questa campagna di sensibilizzazione perché sono atti inaccettabili contro i quali non bisogna restare in silenzio ma al contrario compiere gesti concreti perché nessuno dimentichi che seduta su quel posto, all’interno del nostro Teatro Greco così come della nostra società, ci sarebbe potuta essere una donna che invece è stata uccisa».

Tra i primi ad aderire all’iniziativa ideata da Maria Andaloro, Moni Ovadia regista della tragedia “Le Supplici” e Mario Incudine che ha curato le musiche e l’adattamento in siciliano dell’opera di Eschilo.
«Abbiamo accolto con grande consenso l’invito ad aderire a questa iniziativa – ha spiegato Ovadia – anche perché è un segnale forte che viene lanciato contro una vera e propria piaga della nostra società che rimane lontana da una soluzione contro la misoginia. Proprio per questo condividiamo in pieno e sosteniamo questa idea»

«Le Supplici è una tragedia che già nel 463 avanti Cristo – ha aggiunto Mario Incudine – parlava di donne che rifiutano la violenza maschile. Questa iniziativa è un manifesto della lotta contro la violenza e sotto questo punto di vista rappresenta un binomio perfetto perché ci troviamo davanti a un’opera che è un vero proprio grido contro la violenza»

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.