Lo chef Carmelo Floridia porta un tocco di sicilianità a Vienna e Zurigo

In cucina Lo chef modicano conferma la sua uscita sua dalla Locanda Gulfi, il ristorante della cantina Gulfi, ed annuncia una nuova collaborazione con il 25Hours Hotel

«A breve, molto presto avrò il piacere di comunicare il luogo dove rivederci». Così lo chef Carmelo Floridia a quanti gli chiedono dove sarà possibile continuare a gustare la sua buona cucina dopo la notizia circolata in questi giorni sulla sua uscita dalla Locanda Gulfi. Una notizia che Floridia oggi conferma preannunciando allo stesso tempo importanti novità sulla sua futura carriera lavorativa. Si chiude un’importante parentesi della vita dello chef modicano che in un certo senso ha visto nascere, mattone dopo mattone, il ristorante della cantina Gulfi. Lì l’avventura in cucina era iniziata nel 2009, poi vi fu una interruzione di quasi due anni per poter seguire dei progetti personali, ed ecco di nuovo il suo ingresso nella cucina della famiglia Catania dove è rimasto sino ad oggi.

«Questa esperienza mi lascia molto sia dal punto di vista professionale che umano -spiega Carmelo Floridia-. Ho imparato davvero molte cose, scontrandomi tutti i giorni con un territorio non proprio semplice, ma comunque straordinario ed unico, accogliendo ospiti provenienti da tutto il mondo. Ho fatto tanti sacrificianche nell’ambito personale e familiare, ma ho sempre avuto il supporto di una grande azienda agricola come la Gulfi e naturalmente della mia famiglia che mi ha permesso di riuscire a portare avanti quella che io considero una missione. E poi ci sono stati loro, i miei colleghi di lavoro, un gruppo fantastico, una seconda famiglia che ringrazio di cuore così come vorrei ringraziare tutti i nostri ospiti che hanno scelto di trascorrere dei momenti molto belli da noi apprezzando la mia cucina»

Nei mesi scorsi, intanto, la confermata professionalità dello chef Floridia lo ha portato fuori Italia grazie alla collaborazione con il 25Hours Hotel. Sia a Vienna, al Museums Quartier, che a Zurigo (al Zurich West) sono stati da poco inaugurati i due ristoranti Ribelli, siti all’interno degli hotel facenti parte della prestigiosa catena alberghiera. Il menu è stato studiato con la sua consulenza. «I miei amici di Ladoppia Factory, il concept partner di 25Hours, mi hanno proposto di curare la carta dei ristoranti Ribelli – ci racconta Floridia-. Ho accettato con estremo piacere consapevole della sfida di dover rispettare tutte le esigenze di un grande gruppo alberghiero. Mi ha molto stimolato il lavoro di selezione delle materie prime con le quali ho potuto ideare piatti contemporanei ma fermamente ancorati alla tradizione italiana. Adesso sia a Vienna che a Zurigo c’è un tocco di sicilianità reale, depurata dal folclore che caratterizza spesso progetti simili. La sintonia con tutto i team di Ladoppia Factory ha fatto poi il resto»

Carmelo Floridia sa trasformare la qualità di ogni singolo ingrediente prescelto in sapori inattesi, mai banali, e le sue proposte si trasformano inevitabilmente in una esaltante esplorazione del gusto. In ogni piatto ideato c’è studio, tecnica e naturalmente cultura. “A volte più che spiegare le ricette – racconta lo chef- mi trovavo a spiegare la storia e le tradizioni che si celano in ogni piatto della cucina italiana. Ed anche questa per me è stata una grande soddisfazione!”. Floridia, che nella sua carriera professionale vanta anche la collaborazione con l’Istituto Arti Culinarie ETOILE di Sottomarina di Chioggia (VE) e con il Four Seasons di Milano, continuerà sempre il suo impegno di presidente nell’Associazione Provinciale Cuochi Iblei preparandosi ai nuovi progetti di cui a breve potrà dire di più.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.