Le Orestiadi di Gibellina cercano donne “felliniane”

Teatro e opera Le Orestiadi di Gibellina, in questa edizione dedicata al "sogno”, propongono un laboratorio performativo sull’immaginario onirico femminile del cinema di Fellini, a cura di Alfio Scuderi e Claudia Puglisi. Il laboratorio è rivolto alle donne dai 18 anni in su e si svolgerà il 5 e 6 agosto, per concludersi l’8 agosto con la partecipazione alla performance “Lì dove nascono i sogni” al Cretto di Burri, con la partecipazione di Francesco Scianna e Roy Paci. Candidature entro l'1 agosto

“Musa, ossessione, sogno erotico, dea, ninfa, madre, amante… queste sono le Donne di Fellini, le tante donne che lo hanno ispirato e che il regista ha omaggiato nelle sue pellicole.” Le Orestiadi di Gibellina, in questa particolare edizione dedicata al “sogno”, propongono un laboratorio performativo sull’immaginario onirico femminile del cinema di Fellini, a cura di Alfio Scuderi e Claudia Puglisi. Il laboratorio è rivolto alle donne dai 18 anni in su e si svolgerà a Gibellina il e 6 agosto, per concludersi l’8 agosto con la partecipazione alla performance finale delle Orestiadi “Lì dove nascono i sogni” al Cretto di Burri, con la partecipazione straordinaria di Francesco Scianna e Roy Paci.

Uno schizzo felliniano

Disponibilità richiesta: 5, 6 e 8 agosto dalle ore 17 alle ore 21. Caratteristiche: donne dai 18 anni in su, che possano evocare l’immaginario femminile felliniano. Per partecipare inviare entro sabato 1 agosto una mail all’indirizzo festival@orestiadi.it specificando nomecognomeluogo e data di nascitaeventuali altre esperienze artistiche (non indispensabili), segnalare eventuale conoscenza dei film di Fellini indicando il film preferito (non indispensabile), allegare una foto a figura intera.

Sandra Milo in “Giulietta degli spiriti” di Federico Fellini

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.