Laura Marinoni e il cast di “Elena”

Teatro e opera Il 22 maggio a Siracusa l'incontro l'incontro l'attrice protagonista e parte del cast dell'opera di Euripide in scena al Teatro Greco

Luara Marinoni è Elena, foto Maria Pia Ballarino

Luara Marinoni è Elena, foto Maria Pia Ballarino

La Casa del Libro Mascali di via Maestranza 20 a Siracusa ospita la compagnia che quest’anno mette in scena (a giorni alterni fono al 22 maggio) “Elena” di Euripide, con la regia di Davide Livermore, per una conversazione aperta con il pubblico. Saranno presenti presenti il sovrintendente dell’Inda Antonio Calbi, Laura Marinoni (Elena), Sax Nicosia (Melenao), Giancarlo Judica Cordiglia (Teoclimeno), Linda Gennari (messaggero), Maria Grazia Solano (vecchia), Silvio laviano (coro). Introduce Daniela Sessa.

Sax Nicosia è Menelao in Elena

Sax Nicosia è Menelao in Elena

Nell’opera Euripide propone una inquietante dialettica tra vero e falso, tra realtà e apparenza. A interpretare Elena è stata chiamata Laura Marinoni, che si esibirà davanti al pubblico delle rappresentazioni classiche per la quarta volta dopo essere stata Io nel “Prometeo incatenato” diretto da Luca Ronconi, Andromaca per la regia di Luca De Fusco e Giocasta nell’”Edipo Re” con la regia di Daniele Salvo. Nel cast di Elena anche Viola Marietti (Teucro), Mariagrazia Solano (la Vecchia), Simonetta Cartia (Teonoe), Linda Gennari e Maria Chiara Centorami (messaggeri), Federica Quartana (la corifea), Bruno Di Chiara, Marcello Gravina, Django Guerzoni, Giancarlo Latina, Silvio Laviano, Turi Moricca e Marouane Zotti (coro di Dioscuri). La traduzione è di Walter Lapini, le scene di Davide Livermore, i costumi di Gianluca Falaschi, le musiche di Andrea Chenna, le luci di Antonio Castro, videomaker è Paolo Jep Cucco.

Il coro di Elena

Il coro di Elena

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.