La Federazione Italiana Sommelier sbarca in Sicilia

Galleria Catania Sheraton Hotel, 18 dicembre 2014. La cerimonia di inaugurazione allo Sheraton di Catania

Grande successo di pubblico per l’evento di inaugurazione della Fondazione Italiana Sommelier Sicilia. Centinaia le presenze registrate ieri all’hotel Sheraton di Aci Castello tra addetti ai lavori, semplici appassionati e produttori di vino. Trentasei le aziende provenienti da tutta Italia che hanno partecipato, ciascuno con il proprio spumante, al brindisi inaugurale del 2015 che vedrà partire dal prossimo marzo i corsi su Catania e Palermo. «Il nostro sarà un corso unico – spiegano Paolo Di Caro e Maria Antonietta Pioppo, responsabili per la Sicilia orientale e per la Sicilia occidentale della federazione –, anche se suddiviso in tre livelli daremo l’opportunità a tutti di avvicinarsi al mondo del vino, sia a coloro che vorranno approfondire le proprie conoscenze sia a coloro che vorranno fare del sommelier un lavoro. Inoltre, nei prossimi mesi organizzeremo delle visite guidate alla scoperta dei diversi territori della nostra regione».

Il programma di studio, sviluppato su tre livelli, permette di accedere al mondo del vino partendo dalle basi. Un percorso didattico alla portata di tutti: ideale per chi ricerca una formazione completa ma anche per il wine lover che desidera approfondire i propri interessi.

Il primo livello si propone di introdurre le tecniche di degustazione, gli assaggi e i principi basilari della viticoltura, fra tradizione e innovazione. Con il secondo livello, il processo formativo dello studente si arricchisce con uno studio più approfondito dei vini e dei vitigni nazionali ed internazionali. L’ultimo livello, il terzo, rappresenta lo stadio finale di avvicinamento alla professione, con l’approccio metodologico dell’abbinamento tra vino e cibo. Prossimo appuntamento a gennaio con l’inaugurazione dei corsi a Palermo.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.