La Compagnia nazionale di danza storica il 31 dicembre ospite di “Detto fatto”, la trasmissione di Rai2 condotta da Caterina Balivo

Il 31 dicembre, a partire dalle ore 14, la Sicilia sarà protagonista su Rai2, all’interno del programma “Detto Fatto” condotto da Caterina Balivo. In onda sulla rete nazionale andranno storia e cultura, rappresentate attraverso il percorso che la Compagnia nazionale di danza storica – diretta e presieduta dal catanese Nino Graziano Luca – ha intrapreso per raccontare la letteratura dell’800 al ritmo di valzer.

Reduce dal successo dello spettacolo andato in scena in Russia, al Teatro dell’Opera di Astrakhan – accreditato punto di riferimento per la danza internazionale – con un grande riscontro di pubblico e di critica, la Compagnia continua a rappresentare l’eccellenza nostrana, esportando un modello di Sicilia legato alle tradizioni e all’arte.

Tra gli ultimi riconoscimenti internazionali, quello recentemente ricevuto dalla televisione americana PBS (Public Broadcasting Service), che nel suo “Dream of Italy” ha dedicato un’intera puntata alle dame e ai cavalieri in abiti d’altri tempi; e la grande opportunità di partecipare alle riprese del film su Giuseppe Verdi, girato proprio in questi giorni dalla regista francese Anne Camille Charliat, con la partecipazione straordinaria di Gaia Verdi.

Il prossimo appuntamento con il palcoscenico sarà quello che si svolgerà a Roma con il Gran Ballo Russo, che sarà ospitato sabato 10 gennaio nel lussuoso Hotel St. Regis, dove la letteratura europea farà da sfondo all’evento di overture del nuovo anno: quello nato dalla penna più celebre in Russia, Alexander Pushkin. A lui ed al suo capolavoro Eugenio Onegin l’Italia renderà omaggio in occasione di uno degli eventi più attesi del 2015.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.