mercoledì 24 ottobre 2018

mercoledì 24 ottobre 2018

MENU

La Casa del Libro Mascali di Siracusa riconosciuta libreria storica

Imprese

La Soprintendenza di Siracusa ha riconosciuto l'interesse culturale della libreria nata nel 1930 in via Maestranza a Ortigia e divenetata negli Anni 40 grazie a Rosario Mascali un salotto letterario, frequentato già da allora da i grandi nomi della nostra letteratura. L'attuale proprietaria Marilia Di Giovanni: «Il nostro primo passo verso il centenario»


di Redazione SicilyMag

E' siciliana la prima libreria storica tutelata dalla legge: è la "Casa del libro Rosario Mascali" di Siracusa aperta il 22 marzo 1930 in Via Maestranza a Ortigia. Dopo le normali procedure amministrative tese a verificare il possesso dei requisiti richiesti, è stato riconosciuto dalla Soprintendenza di Siracusa il valore di bene culturale nella tipologia prevista dall’art. 10 del D.Lgs n. 42/2004 (Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio) della Casa del libro Rosario Mascali di Siracusa.

Si inaugura così una tipologia di bene vincolato per la prima volta in Sicilia (probabilmente anche in Italia) con la quale, la “Casa del libro Rosario Mascali” è la prima libreria storica tutelata dalla legge. Su proposta della proprietaria Marilia di Giovanni e delle sollecitazioni del mondo intellettuale, la Soprintendenza di Siracusa, con il personale dell’unità operativa Beni bibliografici ed Archivistici, ha analizzato tutta la documentazione relativa ed ha accertato la sussistenza dell’interesse culturale come espresso art. 13 del Codice. Questo si traduce con l’obbligo, da ora in poi, che “in quel luogo” non può che esserci la “libreria” intesa come spazio di interesse culturale, attività che viene collegata ad un luogo (il Palazzo del Governo) che era comunque già sottoposto alle prescizione di interesse culturale.

Marilia Di Giovanni alla casa del Libro Mascali di Siracusa

La Libreria Mascali era nata come Deposito delle Pubblicazioni di Stato (come recita la targa conservata all’interno della libreria stessa) e nel 1942 Rosario Mascali la trasformò nel salotto culturale della città e, due anni dopo, vi affiancò un piccola casa editrice che editerà, dal 1944 al 1985, ben 65 titoli.

Compito di una Soprintendenza è tutelare i beni ma il bene prima di essere tutelato va “riconosciuto” come tale. Vi sono tra i compiti istituzionali delle Soprintendenze proprio l’attenzione al territorio affinché realtà locali vadano enucleati e questo significa studio dei processi socio economici, analisi delle fonti, verifica dei contesti e successive applicazioni di direttive ministeriali che, se correttamente utilizzate, possono contribuire a salvaguardare segmenti culturali di grande importanza. È quello che è successo a Siracusa, proprio nel cuore della città, Ortigia, che tra il sec. XVIII e XIX viene quasi puntinato da attività produttive legate al mondo dell’editoria e del libro e che si radicano nell’isola con una fioritura di sedi di giornali, tipografie, cartolerie e librerie; luoghi di comunicazione, culle di idee e centri propulsivi dove i maggiori rappresentanti della cultura locale e attori della vita intellettuale del tempo si confrontavano. Molti i nomi che hanno visitato la Libreria Mascali e tra questi Salvatore Quasimodo, Elio Vittorini, Vitaliano Brancati, Leonardo Sciascia, un fil rouge che arriva ai “frequentatori” di oggi tra i quali Roberto Andò e Roberto Alajmo e Luciano Canfora.

«Ecco qui, un passo è fatto per avviarci a festeggiare i cento anni a lavoro con i libri tra le stanze dove i nonni Saro e Tina e lo zio Lorenzo Mascali accoglievano grandi e piccoli lettori diffondendo l'amore per la parola scritta e declamata. Grazie a Claudia Giordano e il dipartimento beni bibliografici della Soprintendenza di Siracusa che hanno creduto nella nostra causa...» il commento a caldo della proprietaria Marilia Di Giovanni.

Leggi l'intervista a Marilia Di Giovanni, proprietaria della Libreria Mascali.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 23 luglio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Videobank, parte da Belpasso l'occhio televisivo sul mondo

Nata 23 anni fa nel centro etneo come web provider per mano dei coniugi Lino Chiechio e Maria Guardia Pappalardo, l'azienda oggi è uno dei principali produttori internazionali di broadcasting video che vanta 84 dipendenti in 11 sedi italiane, e 120 collaboratori freelance. Chiechio: «Volevo fare il pilota di aerei ma la vita mi ha portato verso l'alta tecnologia»

Serve un video sincero? A Palermo ci pensa Marìa

Alessandro Albanese, Carlo Loforti e Andrea Cammareri hanno creato l'agenzia creativa e casa di produzione specializzata in video chiamandola col nome... della zia: «Perché la zia? Perché ha gli stessi super-poteri di una mamma: è amorevole, sa di casa, ma è meno coinvolta, più lucida, e quindi più sincera rispetto a una mamma. E noi come le zie coccoliamo ma siamo sinceri»

Marilia Di Giovanni: «I libri sono come i profumi: una passione!»

Il nonno Rosario Mascali, quando creò a Siracusa la Casa del Libro, soleva dire: “Se avessi il tempo vorrei leggerli tutti”. La nipote Marilia, oggi erede di questo scrigno di cultura nel cuore di Ortigia, aggiunge: «E se non appassionano, i libri vanno buttati via». Tra i giganti della scrittura, Pasolini e Sciascia sono passati da qui: oggi la libreria vanta incontri e circoli letterari con il meglio degli autori contemporanei

Zafon, la scommessa profumata di due "architetti di città"

Livia Realmuto e Daniele Di Marzo sono una coppia di architetti che ha avviato in un "campo pilota" di Baucina, paesino alle porte di Palermo, la coltivazione del prezioso zafferano, il delicatissimo fiore viola scomparso da queste terre in cui veniva coltivato già nei primi dell'800. Ma il progetto dei due giovani pionieri dell'oro rosso siciliano è più ampio...

Acqua e zammù: patrimonio culturale e rito d'appartenenza

Goduria per l'olfatto e il palato, toccasana nelle giornate più calde. E' il celebre Anice Unico (zammu') che dal 1813 viene prodotto dalla famiglia Tutone, secondo una ricetta mantenuta segreta da sei generazioni, nel cuore del centro storico di Palermo. Un pezzo di storia della città oggi custodita anche dentro un museo

Zappalà e l'orgoglio di Sicilia, non solo un claim

L'azienda lattiero-casearia a capitale interamente siciliano, lancia uno spot che racconta la forza dell’azienda a partire dalla solidità della famiglia. «Ci abbiamo “messo la faccia” - spiega Rossano Zappalà -. Non abbiamo recitato nessuna parte, perché noi siamo fatti così. La coesione è il nostro vantaggio competitivo»