Inizia casting per un film su Salvatore Crisafulli

A Catania è in preparazione un film sulla storia di Salvatore Crisafulli, il quarantasettenne catanese scomparso il 21 febbraio del 2013, che, risvegliatosi dal coma dopo un incidente stradale avvenuto l’11 settembre del 2003, ha rivelato che durante lo stato vegetativo fino alla morte sentiva e vedeva tutto. Una storia che ha affascinato molti studiosi, medici, scienziati e politici di fama internazionale.
Salvatore Crisafulli, dalla condizione in cui si trovava, con l’aiuto di un sofisticato computer e del fratello Pietro, ha descritto lo stato vegetativo come una condizione di immobilità ma di piena coscienza, come fosse “imprigionato nel suo corpo”. Nel libro “Con gli occhi sbarrati” di Tamara Ferrari, Salvatore racconta anche della sua lotta per risvegliarsi da quello stato. Il film, che in parte si ispira anche al libro, racconta la vita di Crisafulli, che, seppur costretto sempre a letto dalla sindrome di “locked-in”, si è sempre battuto contro ogni forma di eutanasia e si è schierato anche a favore delle cellule staminali del “metodo Stamina Vannoni”.
“Ho voglia di vivere”, che sarà prodotto da “Sicilia Risvegli Onlus”, associazione fondata da Salvatore e Pietro Crisafulli, verrà girato in Sicilia, nel centro Italia e anche in Austria.
I casting si apriranno questa mattina alle ore 9 nel locale “Barbecue”, in piazza del Carmelo 38. Si cercano aspiranti attori e attrici dai 18 ai 75 anni, bambini e bambine dai 5 anni in su. Tra i protagonisti del film, Alfredo Li Bassi, Luigi Maria Burruano, Tony Sperandeo, Costantino Comito, Gianni Franco, Andrea Spadoni, già noti al pubblico del piccolo e del grande schermo.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.