Il Teatro Ditirammu torna nella storica sede della Kalsa

Teatro e opera Per l'ultimo mese di programmazione del 2021 lo storico teatrino di Vito Parrinello torna a vivere nella storica sede di via Torremuzza, nel quartiere Kalsa, con un calendario ancora molto ricco di incontri e spettacoli

A dicembre il Teatro Ditirammu riapre le porte della sua storica sede, nel quartiere Kalsa di Palermo, e presenta un calendario ancora molto ricco per l’ultimo mese di programmazione della Stagione 2021 …E venne il tempo.
Si comincia giovedì 2 dicembre con l’appuntamento, ore 21, di #Oravicunto che vede protagonisti i fratelli Fabrizio e Federico Sansone, che converseranno con Elisa e Giovanni Parrinello all’interno dello storico Teatro di via Torremuzza, 6.
Venerdì 3 dicembre, con replica sabato 4 (ore 21.00), doppio appuntamento: il Ditirammu ospita Cuntabilli Story di e con Daniele Billitteri e Stefania Blandeburgo, Marco Manera, Nico Podix e Virginia Maiorana nel nuovo allestimento prodotto dallo stesso Ditirammu.

Marco Manera e Daniele Billitteri

Il Teatro Carlo Magno (via Collegio di Santa Maria, 17.00), invece, mette in scena, in prima assoluta, OpraKunta, da un’idea di Enzo Mancuso con la Compagnia Carlo Magno, Nino Nobile e Giovanni Parrinello.
Lo spettacolo si ispira al Boiardo e all’Ariosto: partendo dall’epica cavalleresca che costituisce la base del repertorio dell’Opera dei Pupi, il puparo Enzo Mancuso, erede di una delle famiglie più antiche di interpreti e di costruttori di pupi, costruisce con i suoi pupi e gli artisti in scena una sorta di cronaca da cuntastorie, con protagonisti Angelica e Orlando, attraverso percorsi ed escursioni nella modernità e nel Folk in una fusione originale delle tre espressioni artistiche e teatrali tipiche della tradizione popolare siciliana.

La Compagnia Carlo Magno

Mercoledì 8 dicembre, alle 18.30, secondo appuntamento per #Oravicuntu con Pamela Villoresi, attrice e direttrice del Teatro Biondo di Palermo, che si racconterà sul palcoscenico insieme a Elisa Parrinello.
Malaùni, scritto e diretto da Elisa Parrinello, con Tony Colapinto e le musiche originali di Giovanni Parrinello è in programma, sempre al Teatro Ditirammu, nei giorni venerdì 10 e sabato 11 dicembre (ore 21.00) e domenica 12 (alle ore 18.00).

Venerdì 17 e sabato 18, ore 21.00, il Ditirammu ospita “Jò sugnu sicilianu. Percorso poetico – musicale sulla Sicilia che cambia”, scritto e diretto da Giuseppe Vultaggio con Piero Corso; il weekend successivo, a cavallo delle festività natalizie, in programma il consueto appuntamento con “Ninnarò, il presepe raccontato”, di Vito Parrinello, Rosa Mistretta, Elisa Parrinello, con Gigi Borruso e tanti altri artisti (repliche il 25, 26 e 27 dicembre – ore 21.00).

Nicù e il Canto di Natale

“Nicù e il Canto di Natale”, è in programma al Teatro Jolly (Via Costantino Domenico, 54/56,), nei giorni martedì 28, 29 e 30 dicembre (ore 17.30).
Gli appuntamenti domenicali pensati per i più piccoli si svolgono al Teatro Jolly in un orario mattutino (ore 11.30). In programma lo spettacolo Nicù e la Bella addormentata (forse) con repliche il 5, 12 e 19 dicembre.

I biglietti degli spettacoli si possono acquistare online sul sito www.teatroditirammu.it oppure al botteghino sul posto.

La Stagione 2021 “…E venne il tempo”, seconda parte, è realizzata grazie al sostegno del Ministero della Cultura (MiC) Direzione Generale Spettacolo dal Vivo, dell’Assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo e dell’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.