Il Sovrintendente Francesco Giambrone entra a far parte del Board of directors di Opera Europa

Teatro e opera Il Sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo in occasione dell’Assemblea Generale straordinaria dei soci è stato nominato nuovo membro dell’organizzazione internazionale che ha sede a Bruxelles e che raccoglie tra i suoi associati più di 200 teatri d’opera europei

Francesco Giambrone, Sovrintendente del Teatro Massimo di Palermo e Presidente dell’ANFOLS, l’Associazione Nazionale delle Fondazioni Lirico Sinfoniche italiane, è stato nominato membro del Board of directors di Opera Europa, l’organizzazione internazionale che ha sede a Bruxelles e che raccoglie tra i suoi associati più di 200 teatri d’opera europei. La nomina è avvenuta in occasione dell’Assemblea Generale straordinaria dei soci di Opera Europa e della conferenza annuale in cui il Sovrintendente è stato invitato dal direttore Nicholas Payne a presentare una relazione sui programmi del Teatro Massimo e in particolare sulle attività sociali create negli ultimi anni per il territorio.

Insieme a Francesco Giambrone sono stati nominati Martin Glaser, General Director del National Theatre di Brno, Laura Berman, sovrintendente dello Staatstheater di Hannover e Dubravka Vrgoc, General Director del HNK di Zagabria. Sono associate a Opera Europa tutte le Fondazioni liriche italiane mentre, oltre a Francesco Giambrone, una sola altra italiana fa parte del board, in qualità di vicepresidente, Anna Maria Meo, General Manager del Teatro Regio Parma.
Le Fondazioni e i teatri aderenti a Opera Europa, in rappresentanza di 43 paesi diversi, beneficiano di molteplici opportunità condividendo tra loro database di piani di produzione e casting, volti a incentivare un mercato collaborativo di co-produzioni e scambi oltre a occasioni di networking specialistico e attività di advocacy professionale.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.