mercoledì 15 agosto 2018

mercoledì 15 agosto 2018

MENU

1

Il "si" di Celeste e Roberta: «Ci amiamo e ora siamo una famiglia»

Omnibus

Le due donne, una romana l'altra catanese, si sono unite alla Masseria Carminello di Valverde con una cerimonia privata celebrata da un amico


di Redazione SicilyMag

Dopo tre anni di convivenza Celeste Lubrano e Roberta Bellante coronano il loro sogno d’amore. Vanno all’altare, sfidando i no dei genitori, e lo fanno «non per ostentazione” come tengono a precisare ma «perché ci amiamo veramente e vogliamo sancire questo sentimento». Il loro sì a Masseria Carminello di Valverde. A sposarle un amico.
«Siamo felici di ospitare questo matrimonio – spiegano i titolari Antonio Rosano e Giovanni Samperi – abbiamo accolto sin da subito queste due belle spose con le quali ci siamo trovati in grande sintonia. Ci hanno chiesto un luogo dove potersi scambiare le fedi, dopo gli atti burocratici già fatti al Comune di pertinenza, e noi le abbiamo ospitate con piacere. Cercavano un ambiente familiare per festeggiare la loro unione e senza remore abbiamo detto sì».
«Per le nostre nozze volevamo un posto che ci facesse sentire come a casa» commentano le due donne.

Roberta Bellante e Celeste Lubrano spose

Celeste e Roberta si sono conosciute per chat. La prima è romana, la seconda catanese. «Una chat nella quale eravamo iscritte quasi per caso – raccontano in coro unanime – dopo il nostro incontro ne siamo uscite entrambe». Celeste ha 31 anni, Roberta 27. Alle spalle storie difficili, amori sbagliati, storie complicate. Cercavano la serenità. L’hanno trovata una nelle braccia dell’altra.
Sul loro futuro hanno le idee piuttosto chiare: «Ci sposiamo ma non avremo figli. Lo abbiamo scelto insieme». «Doneremo il nostro amore ai nostri cani e gatti» interviene Celeste con un sorriso disarmante. Poi con tono più serio aggiunge: «Tutto quello che abbiamo lo abbiamo costruito da sole e non abbiamo voluto chiedere l’aiuto di nessuno. Le nostre famiglie non accettano il nostro modo di essere, e si chiedono ancora che bisogno c’era di arrivare all’altare. Ho provato a spiegare che voglio vivere la mia vita con lei e voglio gli stessi diritti di un coniuge. Se un giorno dovesse star male voglio poterle stare accanto come moglie».
E insieme chiariscono: «Ci piace sottolineare che non ci siamo sentite discriminate, né a lavoro né tra gli amici. Ci dispiace per le nostre famiglie, ma quel che più conta per noi è che io e lei siamo diventate un nucleo familiare, il resto non conta».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 03 maggio 2018




TI POTREBBE INTERESSARE

112 numero unico per le emergenze, la Sicilia al via da Catania

Dal 20 giugno parte dal Centro Unico di Risposta, operativo all'Azienda ospedaliera per l'emergenza Cannizzaro di Catania, il numero unico di emergenza europeo 112 per i distretti telefonici di Catania e Caltagirone. In esso convogliano 113, 115 e 118 che restano, però, attivi. Dal 18 luglio il Nue 112 coprirà anche i distretti di Siracusa e Ragusa. E a breve si aggiungeranno Messina e Enna. Tempi più lunghi sono previsti per la Sicilia occidentale. Disponibile l'app 112 Where are u

Il 21 marzo è la Giornata nazionale per ricordare le vittime delle mafie

Oggi la Camera dei deputati ha approvato in maniera definitiva con 418 voti favorevoli, nessuno contrario, di istituzionalizzare l'appuntamento di Libera, nato nel 1996, con l'impegno e la giustizia sociale nel ricordo delle vittime innocenti di mafia

"Franca e le altre", in camper contro la violenza

Dal 18 al 28 ottobre Maria Andaloro - ideatrice della campagna "Posto occupato" - e Serena Maiorana - autrice del libro "Quello che resta. La storia di Stefania Noce" - gireranno la Sicilia a bordo di un camper per ascoltare e informare, ma anche smuovere coscienze e offrire supporto, alle donne che vivono nelle periferie

Sulle Madonie il più importante polo astronomico italiano

Domenica 11 settembre al parco astronomico Gal Hassin di Isnello sarà inaugurato il grande planetario di Fontana Mitri, un polo didattico divulgativo aperto al pubblico e alle scuole. Il sito osservativo astronomico più alto d’Italia entro due anni ospiterà anche il prototipo dell’innovativo telescopio fly-eye che darà la caccia agli asteroidi potenzialmente pericolosi per la Terra

Palermo chiama, l'Italia risponde nel nome di Falcone

Manifestazioni in varie città italiane nel 24° anniversario della strage di Capaci, organizzato dalla Fondazione "Giovanni e Francesca Falcone" con la Direzione generale per lo Studente del Ministero dell'Istruzione. L'evento per ricordare anche i morti di via D'Amelio

Col vento della legalità in poppa

Nei giorni della memoria di Borsellino e Montana cinque ragazzi del progetto di riabilitazione “Velegalmente” saranno i protagonisti di un viaggio di rinascita, in barca a vela, da Palermo a Catania