mercoledì 17 luglio 2019

mercoledì 17 luglio 2019

MENU

Il parfait di mandorle di Scorzonera&Cannella

Dolci

La storia del dolce freddo e spumoso comincia a corte di Luigi XIV e presto si è diffuso anche in Italia e, naturalmente, in Sicilia terra di nascita del sorbetto e del gelato


di Monica Cecere

La storia del parfait comincia a corte di Luigi XIV grazie al pasticcere del re, il quale, dopo innumerevoli esperimenti riesce ad ottenere “una crema mai vista: morbida, vellutata e totalmente priva di granelli di ghiaccio” (da: “Il Pasticcere del Re” di A. Cappella). Questo dolce freddo e spumoso si diffuse anche in Italia e, naturalmente, in Sicilia terra di nascita del sorbetto e del gelato.

In Sicilia il parfait più famoso dell’isola è quello di mandorle. Questo straordinario dolce vide la luce negli anni Sessanta grazie ai fratelli Salvatore e Francesco Paolo Cascino. I due grandi chef palermitani lo crearono in occasione di un banchetto organizzato per il principe Paolo di Castelcicala presso il loro rinomato ristorante La Botte di Monreale. Il dessert originariamente venne chiamato “Alì Pascià”, visto che il semifreddo venne servito all’interno di un “turbante” di croccante di mandorle caramellate e definito da una colata di cioccolato caldo.

Come ha raccontato il maestro Maurizio Cascino, figlio di Salvatore, “I semifreddi facevano già parte della cucina classica e furono mio zio Francesco Paolo e mio padre Salvatore a portarli in Sicilia e presumibilmente, nel meridione. Il primo gusto che realizzarono negli anni ‘40, personalizzando la ricetta, fu di caffè (al ristorante Extrabar Olympia di piazza Politeama a Palermo). Per la preparazione dell’Ali Pascià si variarono alcuni procedimenti ed ingredienti e si aggiunse un tocco di sicilianità con le mandorle di Avola caramellate, versando poi sul semifreddo dell’ottima cioccolata calda”. L’Alì Pascià divenne il dolce preferito in tutti i periodi dell’anno, sdoganando così la stagionalità dei dessert freddi.

E dopo tante parole eccovi la mia ricetta del Parfait di Mandorle, realizzata con le uova pastorizzate così da non avere eventuali problemi per l’utilizzo di questo ingrediente a crudo.

Ingredienti
Per il croccante:
500 gr. di mandorle sgusciate; 450 gr. di zucchero; un pizzico di sale.
Per la crema: 8 uova; 250 gr. di zucchero; 1 bicchierino di brandy o rum; 1 litro di panna semi montata; vanillina; un pizzico di sale.
Per la colata di cioccolato: 250 gr. di cioccolato extra-fondente; qualche cucchiaio di latte o acqua.

Procedimento: Vi sembrerà, in prima lettura, un po’ complicato a causa del procedimento di pastorizzazione delle uova. In verità, è molto più semplice a farsi che a dirsi, dunque non vi scoraggiate e provate questa squisitezza che, sono certe, inebrierà i vostri ospiti e familiari.
Iniziamo con la preparazione del croccante, mettendo in una casseruola antiaderente gli ingredienti richiesti e, a fiamma moderata, a far caramellare lo zucchero senza farlo bruciare. Nel frattempo, preparate su un ripiano che non teme il calore un foglio di carta da forno, sul quale verserete il composto di zucchero e mandorle non appena pronto. Lasciatelo raffreddare e, quindi, tritatelo o con il robot da cucina - senza polverizzarlo, però – oppure con un batticarne avendo cura di mettere sopra il croccante un altro foglio di carta da forno.
Adesso possiamo passare alla preparazione della crema, per la quale ci vorrà un po’ di pazienza.

Separate i tuorli dagli albumi avendo cura di mettere i primi in una ciotola molto capiente che dovrà contenere, alla fine, tutto il composto, e i secondi in un’altra ciotola.
Montate i tuorli con 50 gr. di zucchero e, nel frattempo, con altri 100 gr. di zucchero e 25 gr. di acqua preparate uno sciroppo scaldandolo, a fiamma media, fino ad una temperatura di 121° C. Monitorate la temperatura con un termometro da cucina. Versate lo sciroppo a filo sui tuorli continuando a sbattere con la frusta finché non otterrete una crema soffice. Procedete allo stesso modo per gli albumi utilizzando 50 gr. di zucchero ed un pizzico di sale per cominciare a montare i bianchi e 50 gr. di zucchero e 25 gr. di acqua per preparare lo sciroppo come sopra da aggiungere a filo sugli albumi sempre lavorandoli con la frusta.

A questo punto, unite ai tuorli il croccante tritato e qualche cucchiaio di albumi a neve. Mescolate delicatamente con una spatola, dal basso verso l’alto, continuando ad aggiungere, pian piano ed alternando, la panna montata e gli albumi. Una volta che avrete ottenuto un composto aeroso ed omogeneo, versatelo in uno stampo a vostro piacimento e riponete in freezer per almeno 8 ore.

Per servirlo, intanto preparate la colata di cioccolato mettendo in un pentolino antiaderente il cioccolato fondente tritato e qualche cucchiaio di latte e fare fondere a fiamma molto moderata fino ad ottenere un composto liscio. Poi, avete due alternative o servite il semifreddo in coppa o lo sformate e lo servite nei piattini da dessert non dimenticando la dolce e profumata colata di cioccolato.

Buone cose gelate e croccanti a tutti

Se questa ricetta ti è piaciuta, leggi le altre proposte di Monica su "Scorzonera&Cannella"


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 18 giugno 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Nasce a Messina la colomba pasquale che profuma di Sicilia

E' opera di Francesco e Giuseppe Arena il dolce col sorbetto al mandarino di Ciaculli e la mandorla di Avola

A Messina realizzata una pignolata da guinness dei primati

L'opera dolciaria, oltre 100 kg di bontà alta circa 1,30 mt, è stata realizzata da un team di professionisti: il maestro gelatiere Giuseppe Arena, il pasticcere Lillo Freni e il fornaio Francesco Arena, coaudiuvati dai pasticceri Rosario Zappalà, Massimo Riggio, Lillo Todaro e Umberto Maimone

A Palermo rivivono i dolci profumi del convento di S. Caterina d'Alessandria

A piazza Bellini, di fronte la chiesa della Martorana, il Fondo edifici di culto della Curia, tramite la cooperativa Pulcherrima Res, ha aperto la pasticceria "I segreti del chiostro" che riprende le antiche ricette delle suore di clausura che hanno vissuto fino a poco tempo fa nell'antico monastero del XIV secolo che Maria Oliveri ha raccolto in un libro prossimo alla ristampa

L'agnello a Pasqua mangiatelo di marzapane

Nella storia della gastronomia siciliana la più antica e famosa preparazione fatta con il marzapane è la Frutta Martorana ma a Pasqua il delizioso impasto prende la forma di agnello come simbolo del Cristo risorto: "A picuredda", normalmente decorata, che però propongo secondo il mio minimalismo gastronomico

Il dulce de leche
una bontà che viene da lontano

Come il tango questa crema spalmabile dolce ben rappresenta il carattere dell'argentina, provocando un turbine dei sensi e della fantasia

PanettonTour
il gusto glocal delle feste siciliane

Tra chi li produce tutto l'anno e chi invece si dedica a questo prelibato dolce solo durante le festività, quello tra i panettoni made in Sicily è un tour goloso dalle mille sfaccettature che, provincia per provincia, è declinato da alcuni ingredienti essenziali: passione per l'arte pasticcera, impegno, rigore nella scelta delle materie prime e, soprattutto, tanta tanta pazienza