venerdì 20 settembre 2019

venerdì 20 settembre 2019

MENU

Il marsalese Francesco Bonomo entra nella nazionale italiana del Cous Cous

In cucina

Lo chef, responabile di cucina dell'azienda che produce i pasti per l'ospeale di Salemi, ha vinto il Cous Cous World Championship – Selezione Conad 2019, e farà parte della squadra italiana in gara al Campionato del mondo del cous cous che si disputerà in occasione della prossima edizione del Cous Cous Fest, in programma a San Vito Lo Capo dal 20 al 29 settembre


di Redazione SicilyMag

Lo chef marsalese Francesco Bonomo, responsabile di cucina presso l’azienda che produce e distribuisce pasti all’Ospedale di Salemi (Trapani) farà parte della squadra italiana in gara al Campionato del mondo del cous cous che si disputerà in occasione della prossima edizione del Cous Cous Fest, in programma a San Vito Lo Capo dal 20 al 29 settembre. Bonomo si è aggiudicato, infatti, il Cous Cous World Championship – Selezione Conad 2019, il concorso dedicato agli chef siciliani promosso da Conad, in collaborazione con l’agenzia Feedback, per scoprire e valorizzare nuove promesse della cucina siciliana. Sono stati nove gli chef, selezionati prima sul web e poi sul campo, a sfidarsi in quattro semifinali disputate nei Conad Superstore di Trapani, Modica e Palermo. Lo chef marsalese ha conquistato il palato di una giuria tecnica e una popolare con una ricetta dal titolo “Incanto", un cous cous con zuppa di pesce scorfano, in tutte le sue consistenze, olio d'oliva Nocellara del Belìce, quenelle di scorfano e tartare dello stesso pesce con zeste di limoni Costa Amalfi Igp caramellate e clorofilla di prezzemolo.

Francesco Bonomo

«Il cammino di Conad e Cous Cous Fest è cominciato nove anni fa, nel 2010 - ha spiegato Vittorio Troia, direttore generale di Conad Sicilia -. Una collaborazione che nel corso degli anni è cresciuta insieme al festival, andando oltre la semplice sponsorizzazione. Oggi Conad attraverso il Festival si vuole fare portavoce di valori importanti come la multiculturalità, lo spirito di aggregazione ma soprattutto l’attenzione ai territori, alle tradizioni e alle culture locali, propri del nostro modo di fare impresa. Il contest è stata l’occasione per raccontare quanta importanza dedichiamo alla cultura del cibo. Perché il nostro mestiere non è solo quello di vendere ma soprattutto di comprendere e condividere con i clienti la ricchezza di sapori, saperi ed eccellenze che offre il nostro territorio, promuovendo nei punti vendita Conad talenti emergenti della cucina siciliana con ricette che valorizzano il meglio della nostra terra».

Incanto, il cous cous di Francesco Bonomo che ha vinto il Cous Cous World Championship

La prossima edizione del festival si svolgerà a San Vito Lo Capo dal 20 al 29 settembre e avrà come slogan “Make cous cous not walls”. Saranno dieci giorni tra degustazioni, sfide di cucina, cooking show, concerti e spettacoli all’insegna dello scambio e del dialogo tra i popoli attraverso il cous cous.

Anche quest’anno Conad sarà tra i main sponsor del festival, con tante attività in un’area nuova dedicata ad un viaggio alla scoperta della cultura del cibo, la Casa del cous cous “Sapori e dintorni del Mediterraneo”. In programma le master cooking class, dedicate agli appassionati di cucina, in cui grandi chef mostreranno al pubblico come preparare tante fantastiche ricette e, tra le novità, le Kids Master Class, lezioni di cucina per i bambini di 10-11 anni che prepareranno insieme a grandi chef una sana merenda, per promuovere la corretta alimentazione.

Bonomo con premio e giuria


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 22 luglio 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

Valeria Raciti: «La mia cucina è il giardino segreto della gioia»

La chef di Acireale, campionessa di Masterchef Italia 2019, racconta la "sua" scuola di cucina tra i fornelli della nonna Maria che le ha trasmesso l'amore per i piatti della tradizione e la curiosità di sperimentare nuovi orizzonti. E mentre progetta di aprire prima o poi un suo ristorante in Sicilia, si prepara a una nuova "sfida" televisiva: "La prova del cuoco"

Gianluca Graci rivisita il tipico "muffuletto" licatese

Il pluripremiato pizzaiolo di Licata ha reinterpretato il panino speziato tipico del periodo pasquale: «Pur mantenendo il legame con il passato ha una veste diversa - dice Graci - e, soprattutto, è realizzato con un impasto speciale di grani antichi siciliani»

Giuseppe Costa: «In cucina sperimento con le eccellenze siciliane»

Lo chef alcamese, una stella Michelin per il suo "Bavaglino" di Terrasini, e che con "Dispensa" ha inaugurato a Palermo una nuovo modo di fare ristorazione, ha a cuore "il dono" tanto che l'8 luglio, per il compleanno del suo locale, organizza l'evento di beneficenza TEN - Terrasini Event Night che quest'anno sostiene l'associazione "Amici Onlus"

Cotto e mangiato,
le "putie" alimentari diventano bistrot

La nuova formula easy della ristorazione coniuga qualità a prezzi contenuti. Così da Palermo a Villabate, da Campobello di Mazara a San Cataldo, da Linguaglossa a Ragusa, le tradizionali salumerie e le macelleria si trasformano in bistrot gourmet in cui si consumano pasti "non convenzionali" preparati con alimenti di primissima qualità, dando una mano all'economia locale

«Per cucinare ci devi “mettere testa”, sacrificio, vita, passione»

Per il cuoco termitano, il volto televisivo più conosciuto tra i protagonisti siciliani dei fornelli grazie alla sua presenza da 14 anni a "La prova del cuoco", in questo mestiere bisogna esserci a 360 gradi, perché copre tante ore al giorno e lo si condivide con tante persone: «Intorno al cibo serve una bella atmosfera, perché la tavola porta bene, porta bellezza e affari»

Eliana Carroccetto, la chef psicologa: «In cucina ci vuole amore e rispetto»

Con il marito Giuseppe Oriti, allevatore di suino nero dei Nebrodi, condivide l'attità dell'agriturismo Vecchio Carro a Caronia. Attività che non le ha impedito di studiare e laurearsi: «Sono davvero convinta che basti volere e potere e che niente è impossibile». E i risultati si vedono: il Vecchio Carro ha vinto il premio Best in Sicily come miglior trattoria