Il berretto a sonagli

Eventi Lo spettacolo firmato da Sebastiano Lo Monaco apre domenica 11 dicembre la nuova stagione del Teatro Regina Margherita di Caltanissetta, si replica il 12 a Noto, il 13 a Enna, il 17 e 18 dicembre ad Agrigento

Sarà il più classico dei testi di Luigi Pirandello affidato a un grande mattatore della scena siciliana ad inaugurare domenica 11 dicembre la nuova stagione del Teatro Regina Margherita di Caltanissetta firmata da Moni Ovadia e realizzata dal Comune grazie al supporto di due prestigiosi sponsor: Crodino e Caltaqua. Una stagione di alto profilo dedicata a Dario Fo e che per questo motivo viene rappresentata proprio da “Lisistrata” (tecnica mista su tela, cm 208 x 151), opera realizzata nel 2012 dal Premio Nobel recentemente scomparso, concessa dal figlio Jacopo Fo che si è detto molto onorato per questo omaggio del Comune di Caltanissetta.
Domenica 11 dicembre alle ore 20.30 darà il via alla stagione “Il berretto a sonagli” il fortunato spettacolo acclamato dal pubblico di mezza Italia di cui è regista e interprete Sebastiano Lo Monaco che in scena vestirà i panni di Ciampa, un personaggio apparentemente grottesco, ma eroico e pieno di umanità, considerato il più moderno degli eroi pirandelliani.
E moderna è anche questa commedia in due atti, che Lo Monaco svecchia e attualizza pur rimanendo fedele al testo originale scritto un secolo fa, che ruota intorno alla vicenda di quest’uomo, apparentemente vinto, ma che in realtà non è disposto a trasformarsi in un burattino in balìa di una donna gelosa. Un tema drammatico, ambientato in una scena particolare e minimalista firmata da Keiko Shiraishi, che in questa messinscena risulta essere ancora più attuale anche grazie alle musiche originali di Mario Incudine che accompagnano la storia fino a giorni nostri.

Sebastiano Lo Monaco eMaria Rosaria Carli in Il Berretto a Sonagli - ph Tommaso Le Pera

Sebastiano Lo Monaco e Maria Rosaria Carli in Il Berretto a Sonagli – ph Tommaso Le Pera

«Tutti gli attori di questo spettacolo – scrive Sebastiano Lo Monaco nelle note di regia – hanno cercato di essere personaggi vivi e veri, più di noi che respiriamo, alternando pianto e riso durante tutto lo svolgimento del dramma. Mi preme però dire la ragione per la quale mi sono appassionato a questo progetto: il personaggio di Ciampa, apparentemente grottesco, ma in realtà straziante. Un personaggio affrontato dagli attori alla fine della propria carriera, ad ogni modo avanti con gli anni. Questo travisava la forza drammatica del personaggio, così eroico e pieno di umanità, una umanità silenziosa e astuta che gli dà la forza di difendere la sua infelicità coniugale, contro la società ridicola di quel tempo. Un personaggio insomma apparentemente piccolo ma infinitamente grande».

Lo spettacolo, che vede in scena anche Maria Rosaria Carli (Beatrice Fiorica) Clelia Piscitello (La Saracena) Lina Bernardi (Fana), Rosario Petix (Delegato Spanò), Claudio Mazzenga (Fifì La Bella) Maria Laura Caselli (Nina, la moglie di Ciampa) e la superlativa Gianna Giachetti nel ruolo di Assunta La Bella, sarà proposto lunedì 12 dicembre al Teatro Tina di Lorenzo di Noto e martedì 13 dicembre al Teatro Garibaldi di Enna, per la stagione firmata da Mario Incudine, il 17 e 18 dicembre al Teatro Pirandello di Agrigento

IL BERRETTO A SONAGLI
di Luigi Pirandello
Regia Sebastiano Lo Monaco
Scene Keiko Shiraishi
Costumi Cristina Da Rold
Musiche Mario Incudine
Luci Nevio Cavina
Con Sebastiano Lo Monaco, Maria Rosaria Carli, Clelia Piscitello, Gianna Giachetti, Lina Bernardi, Rosario Petix, Claudio Mazzenga, Maria Laura Caselli, con la partecipazione di Gianna Giachetti

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.