domenica 27 maggio 2018

domenica 27 maggio 2018

MENU

I cammini sacri di Isola Bella e Isola Lachea inseriti nelle "Vie Sacre in Sicilia"

Itinerari

Anche i "cammini sacri" delle riserve dell'isola taorminese e di quella di Aci Trezza realizzati dal cutgana dell'università di Catania, sono stati inseriti nella pubblicazione "Cammini e vie sacre di Sicilia". L'iniziativa sarà presentata al meeting dei cammini sacri siciliani di Caccamo dal 17 al 19 novembre


di Redazione SicilyMag

Anche i “cammini sacri” delle riserve naturali “Isola Bella” di Taormina e “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” di Aci Trezza, realizzati dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania, sono stati inseriti nella recente pubblicazione “Cammini e Vie Sacre di Sicilia”. Un opuscolo finalizzato a valorizzare la rete siciliana dei “cammini sacri” nata nel 2014, un network tra tutti i cammini tematici sacri in Sicilia tra escursionismo e pellegrinaggio. L’opuscolo è stato realizzato grazie all'assessorato regionale al Turismo e sarà presentato al quarto Meeting regionale “Cammini e Vie Sacre in Sicilia in programma a Caccamo e Eremo San Felice da venerdì 17 a domenica 19 novembre.

Nel dettaglio la Riserva naturale orientata “Isola Bella” di Taormina è stata inserita nell’itinerario denominato “La greenway verso Madonna della Rocca” che prevede la visita della “Perla del Mediterraneo” e successivamente del Santuario Madonna della Rocca situata sul ripido monte che sovrasta il particolare centro turistico internazionale caratteristico per il paesaggio naturale, le bellezze marine ed i monumenti storici.

Isola Bella di Taormina

La Riserva naturale integrale “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” di Aci Trezza, invece, è stata inserita nell’itinerario “Sulle orme degli anacoreti sull’Isola Lachea” grazie a cui i visitatori potranno ammirare, proprio sull’isolotto ciclopico, la particolare grotta che ha ospitato il Beato Rufino e l’Anacoreta Giovanni, eremiti cristiani del V e VII secolo. Un luogo meglio noto, non a caso, come la “Grotta dell’Eremita”.

Isola Lachea e i faraglioni di Aci Trezza

Per prenotare la visita guidata basta contattare il Cutgana (095.6139260, visite.cutgana@unict.it)

Riserva naturale orientata Isola Bella, Taormina
L’Isola Bella, considerata la "Perla del Mediterraneo" per l’alto valore paesaggistico, è stata dichiarata nel 1984 monumento di interesse storico-artistico di particolare pregio. Nel 1998 è stata elevata al rango di riserva naturale (rientra anche nei Siti di Interesse Comunitario). La riserva si estende per 10,49 ettari tra il Capo Sant’Andrea ed il Capo Taormina ed è caratterizzata dalla presenza della specie endemica Podarcis sicula medemi, lucertola dalla tipica colorazione rossa del ventre. Ricca anche l’avifauna rappresentata da uccelli marini (Gabbiano Reale, Gabbiano Corso, Martin Pescatore) e da quelli legati agli ambienti delle pareti rocciose (Falco pellegrino, Passero solitario, Rondone maggiore). Numerose anche le essenze endemiche di rilevante interesse scientifico come il Garofano rupicolo, il Cavolo biancastro, il Vedovino delle scogliere e il Limonium jonicum (esclusivo delle rocce marittime situate attorno all’isola e nel prospiciente Capo Taormina).

Riserva naturale integrale Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi, Aci Trezza
La riserva è stata istituita nel 1998 al fine di "conservare e tutelare la vegetazione algale e la fauna dei piani dal sopralitorale all'infralitorale, nonché al fine di salvaguardare la lucertola endemica Podarcis sicula ciclopica, Taddei". L'Isola Lachea, costituita prevalentemente da rocce basaltiche in più punti sormontate da argille pleistoceniche metamorfosate, è la più grande fra le Isole dei Ciclopi, ed è di origine vulcanica legata alle prime eruzioni sottomarine nel golfo di Acitrezza, risalenti a circa 500.000 anni fa. Secondo la leggenda l'origine è da imputare ai massi lanciati da Polifemo contro la nave di Ulisse-Nessuno. Oltre agli uccelli, presenti sia con specie stanziali che di passo, ed alla lucertola endemica Podarcis sicula ciclopica la fauna della riserva annovera numerosi invertebrati tra cui Isopodi, Diplopodi, Collemboli, Coleotteri, Imenotteri, Ortotteri e Lepidotteri, ed una ricca fauna e flora sommerse.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 16 novembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Oltre il castello, Mussomeli al di là delle tracce ancora vive di Manfredi Chiaramonte

Gli studenti del Liceo classico e alberghiero Virgilio il 10 giugno organizzeranno una nuova visita guidata dell'antico maniero del paese nisseno, il Nido d’aquila fuso nella rupe, ma chi ha voglia di scoprire per bene (rigorosamente a piedi) lo storico borgo troverà numerosi scorci, piazze e monumenti che ne richiamano i fasti di una volta

Ragalna, trait d'union tra il Simeto e l'Etna

Meno famoso dei centri con i quali il vulcano viene identificato, la ricchezza e la varietà della vegetazione del borgo del Catanese lo rendono uno dei polmoni verdi del mondo etneo. Per il suo legame storico con Paternò, cuore strategico del territorio simetino di cui fu frazione, è punto di congiunzione fra la vasta area del fiume ed il vulcano

Sambuca di Sicilia, la resilienza a passo slow

Nel borgo agrigentino, "il più bello d'Italia" nel 2016, la gentilezza - anche nei confronti del territorio - è una qualità di cui non si può fare a meno. Nonostante le difficoltà del momento economico e la posizione geografica, che certo non li favorisce, i sambucesi tentano una rivoluzione sociale riappropriandosi dei modi e dei tempi del passato ma guardando al futuro

Il piacere di riscoprire Biancavilla

La cittadina etnea, balzata all'onore delle cronache per problemi di inquinamento da amianto, va anche raccontata per i suoi gioielli culturali ed ambientali, la bellezza delle chiese del centro storico, l'armonia urbanistica della sua piazza centrale ed anche gli splendori delle pendici che portano all'Etna

La chiesa di Cristo al Monte, il gioiello rococò di Paternò

Augusto Ciancio, uno dei proprietari della chiesa un tempo appartenente alla Compagnia dei Bianchi, ci guida alla scoperta di uno dei tesori paternesi (presto fuibile dal pubblico) le cui origini si perdono nella notte dei tempi, ma che di certo ha ospitato a lungo i condannati a morte, e che nel 1743 divenne il più importante esempio di tardo-barocco della cittadina etnea

E' arrivata la primavera
è tempo di andare a spasso con il Fai

Sabato 24 e domenica 25 marzo in occasione delle Giornate di Primavera il Fondo Ambiente Italiano apre in Sicilia 119 siti, per un week end all'insegna della bellezza. Anche quest'anno saranno guide eccezionali gli studenti delle scuole, apprendisti ciceroni, che illustreranno gli aspetti storico-culturali dei monumenti, dei palazzi, dei luoghi visitabili nei grandi e nei piccoli centri dell'Isola