giovedì 18 ottobre 2018

giovedì 18 ottobre 2018

MENU

I cammini sacri di Isola Bella e Isola Lachea inseriti nelle "Vie Sacre in Sicilia"

Itinerari

Anche i "cammini sacri" delle riserve dell'isola taorminese e di quella di Aci Trezza realizzati dal cutgana dell'università di Catania, sono stati inseriti nella pubblicazione "Cammini e vie sacre di Sicilia". L'iniziativa sarà presentata al meeting dei cammini sacri siciliani di Caccamo dal 17 al 19 novembre


di Redazione SicilyMag

Anche i “cammini sacri” delle riserve naturali “Isola Bella” di Taormina e “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” di Aci Trezza, realizzati dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania, sono stati inseriti nella recente pubblicazione “Cammini e Vie Sacre di Sicilia”. Un opuscolo finalizzato a valorizzare la rete siciliana dei “cammini sacri” nata nel 2014, un network tra tutti i cammini tematici sacri in Sicilia tra escursionismo e pellegrinaggio. L’opuscolo è stato realizzato grazie all'assessorato regionale al Turismo e sarà presentato al quarto Meeting regionale “Cammini e Vie Sacre in Sicilia in programma a Caccamo e Eremo San Felice da venerdì 17 a domenica 19 novembre.

Nel dettaglio la Riserva naturale orientata “Isola Bella” di Taormina è stata inserita nell’itinerario denominato “La greenway verso Madonna della Rocca” che prevede la visita della “Perla del Mediterraneo” e successivamente del Santuario Madonna della Rocca situata sul ripido monte che sovrasta il particolare centro turistico internazionale caratteristico per il paesaggio naturale, le bellezze marine ed i monumenti storici.

Isola Bella di Taormina

La Riserva naturale integrale “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” di Aci Trezza, invece, è stata inserita nell’itinerario “Sulle orme degli anacoreti sull’Isola Lachea” grazie a cui i visitatori potranno ammirare, proprio sull’isolotto ciclopico, la particolare grotta che ha ospitato il Beato Rufino e l’Anacoreta Giovanni, eremiti cristiani del V e VII secolo. Un luogo meglio noto, non a caso, come la “Grotta dell’Eremita”.

Isola Lachea e i faraglioni di Aci Trezza

Per prenotare la visita guidata basta contattare il Cutgana (095.6139260, visite.cutgana@unict.it)

Riserva naturale orientata Isola Bella, Taormina
L’Isola Bella, considerata la "Perla del Mediterraneo" per l’alto valore paesaggistico, è stata dichiarata nel 1984 monumento di interesse storico-artistico di particolare pregio. Nel 1998 è stata elevata al rango di riserva naturale (rientra anche nei Siti di Interesse Comunitario). La riserva si estende per 10,49 ettari tra il Capo Sant’Andrea ed il Capo Taormina ed è caratterizzata dalla presenza della specie endemica Podarcis sicula medemi, lucertola dalla tipica colorazione rossa del ventre. Ricca anche l’avifauna rappresentata da uccelli marini (Gabbiano Reale, Gabbiano Corso, Martin Pescatore) e da quelli legati agli ambienti delle pareti rocciose (Falco pellegrino, Passero solitario, Rondone maggiore). Numerose anche le essenze endemiche di rilevante interesse scientifico come il Garofano rupicolo, il Cavolo biancastro, il Vedovino delle scogliere e il Limonium jonicum (esclusivo delle rocce marittime situate attorno all’isola e nel prospiciente Capo Taormina).

Riserva naturale integrale Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi, Aci Trezza
La riserva è stata istituita nel 1998 al fine di "conservare e tutelare la vegetazione algale e la fauna dei piani dal sopralitorale all'infralitorale, nonché al fine di salvaguardare la lucertola endemica Podarcis sicula ciclopica, Taddei". L'Isola Lachea, costituita prevalentemente da rocce basaltiche in più punti sormontate da argille pleistoceniche metamorfosate, è la più grande fra le Isole dei Ciclopi, ed è di origine vulcanica legata alle prime eruzioni sottomarine nel golfo di Acitrezza, risalenti a circa 500.000 anni fa. Secondo la leggenda l'origine è da imputare ai massi lanciati da Polifemo contro la nave di Ulisse-Nessuno. Oltre agli uccelli, presenti sia con specie stanziali che di passo, ed alla lucertola endemica Podarcis sicula ciclopica la fauna della riserva annovera numerosi invertebrati tra cui Isopodi, Diplopodi, Collemboli, Coleotteri, Imenotteri, Ortotteri e Lepidotteri, ed una ricca fauna e flora sommerse.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 16 novembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Con le Giornate Fai d'Autunno #salvalacqua

Il 13 e il 14 ottobre il Fondo Ambiente Italiano dedica due giorni alla sensibilizzazione dei cittadini sul valore dell'acqua, una risorsa preziosa ma sempre più scarsa. Nelle nove province siciliane saranno proposti itinerari a tema che indagano il profondo legame che la Sicilia ha sempre avuto con una delle principali risorse terrestri

Galati Mamertino dove le antiche tradizioni trainano il futuro

La bellezza della natura rigogliosa del borgo nebroideo, ancora popolata da numerose specie selvatiche, si lega a un progetto di sviluppo sostenibile che parte dall'enogastronomia e coinvolge agricoltura e turismo. Qui tanti giovani sono tornati ai mestieri "di una volta" con l'obiettivo di strappare i campi all'oblio e preservare il loro scrigno di biodiversità, puntando all'eccellenza

A spasso tra "Le Vie dei Tesori"...
in tutta la Sicilia

La più grande manifestazione dedicata alla promozione del patrimonio culturale prende il via il 14 settembre e si allarga all'intera Sicilia: ad Agrigento, Caltanissetta, Messina e Siracusa si aggiungono Trapani, Ragusa, Modica e Scicli. Dal 5 ottobre Palermo aprirà 130 siti e dal 19 ottobre si aggiungeranno anche Catania, Enna e quattro città del nord Italia

Alla scoperta di Scicli guidati dai "seguaci" della dea Tanit

“Tanit Scicli” è la scommessa di un gruppo di giovani con la passione per la storia e l’arte della Sicilia, ma soprattutto con una gran voglia di non mollare e di mettere le radici del proprio futuro in questa terra. Dal 20 luglio al 7 settembre, ogni venerdì, propongono un calendario di visite alla scoperta di percorsi storici, culturali e naturalistici unici della cittadina iblea

Trecastagni, dove la bellezza è un patrimonio da condividere

I cittadini del borgo alle pendici sud-orientali dell’Etna dopo l’azzeramento dell’amministrazione comunale reagiscono all’accusa di "mafiosità" tout court mostando l'aspetto più bello e sorprendente del territorio: una fucina di artisti e un movimento di imprenditori che riempiono le strade di colori, profumi e parole, e aprono le loro antiche case ai visitatori

Il "campanilismo" di Giarre e Riposto che affondò le sorti di Jonia

L'ostentazione dei campanili dei principali templi cristiani - il Duomo di Giarre e la basilica minore di Riposto dedicata a San Pietro -, dei due comuni attigui, tra i principali della costa ionica etnea, plasticamente vogliono quasi ribadire la "necessità" della separazione delle brevi sorti comuni, dal 1939 al 1945, racchiuse nel 1942 nel nome "fascistizzato" di Jonia