Giorno della memoria, a Palermo le pietre d’inciampo di Gunter Demnig per celebrare le vittime palermitane della Shoa

Storie Quattro giorni di eventi ed iniziative organizzate dal Comune di Palermo per celebrare il Giorno della Memoria, ricorrenza internazionale che si celebra il 27 gennaio per commemorare le vittime dell’Olocausto

Quattro giorni di eventi ed iniziative organizzate dal Comune di Palermo per celebrare il Giorno della Memoria, ricorrenza internazionale che si celebra il 27 gennaio per commemorare le vittime dell’Olocausto. Mercoledì 22 gennaio, Palermo ospiterà l’iniziativa dell’artista tedesco Gunter Demnig finalizzata, attraverso la posa di “Pietre d’inciampo”, alla memoria diffusa dei cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti. Su proposta di Leone Zingales, già vice-presidente nazionale dell’Unione cronisti italiani e referente dell’evento, sono state individuate per Palermo due figure emblematiche della tragedia della deportazione: la signora Maria Di Gesù che, dalla città di Poladove si era trasferita, è stata deportata prima ad Auschwitz e poi a Ravensbrück, per poi trascorrere il resto della vita a Palermo ed il signor Liborio Baldanza che in città ha vissuto ed ha lavorato in gioventù presso i Cantieri navali.

Gunter Demnig e una Pietra d’inciampo da lui realizzata

Sempre mercoledì 22 gennaio a Villa Niscemi verrà inaugurata la mostra fotografica “Immagini dai lager”. Una cerimonia per ricordare la permanenza a Palermo di Emilio Segrè, con la deposizione di una targa marmorea nell’area vicina ai luoghi dove ha vissuto, un evento davanti al vagone della Memoria, la presentazione del libro “Storia di una famiglia di origine ebrea a Palermo” all’Archivio storico comunale e la presentazione di un libro di Mauro Li Vigni “E poi venne la libertà” in collaborazione con l’I.S.C. Rita Levi Montalcini alla biblioteca di Borgo Nuovo, sono alcuni degli altri eventi programmati per la celebrazione che si concluderanno il 28 gennaio. In programma (27 gennaio) anche due iniziative del Rotary Club, alle 11 presso il Giardino dei Giusti e alle 17 a Palazzo delle Aquile. Verrà ricordato Jan Karski, l’uomo che scoprì l’olocausto, con la presentazione di un libro edito da Rizzoli Lizardi a cura dei giornalisti Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso. Entrambi questi due appuntamenti hanno il patrocinio del Comune di Palermo. «Anche quest’anno – dichiara il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – celebriamo il Giorno della Memoria con tanti momenti di incontro e di riflessione dedicati alle vittime della Shoah a conferma della profonda esigenza di risvegliare e custodire la memoria di quei tragici eventi».

Emilio Segrè

Di seguito il programma delle iniziative.

Mercoledì 22 gennaio: h. 9,00, posa della “Pietra d’inciampo” davanti ai Cantieri navali in memoria di Liborio Baldanza; h. 10,00 posa della “Pietra d’inciampo” in via Turrisi Colonna, davanti al civico 7, in memoria di Maria Di Gesù; h. 11,30 a Villa Niscemi il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, inaugura la mostra “Immagini dai lager”; h. 12,00 a Villa Niscemi (Sala delle carrozze) presentazione del libro di Leone Zingales dedicato alle “pietre d’inciampo” d’Europa.
Domenica 26 gennaio: h. 9.00 – 13.00 apertura straordinaria dell’Archivio Storico Comunale in occasione della visita guidata del quartiere ebraico.
Lunedì 27 gennaio: h. 09:00 al vagone della Memoria evento con le scuole, gli studenti daranno vita ad un reading di brani scelti sul tema dell’Olocausto; h. 11.00 alla Biblioteca di Borgo Nuovo presentazione del libro di Mauro Li Vigni “E poi venne la libertà” in collaborazione con l’I.S.C. Rita Levi Montalcini; h. 16.30 all’Archivio Storico presentazione del libro “Delle vicissitudini dei giudei di Sicilia. Gli ebrei a Palermo tra il XIV e il XV secolo” di Girolamo Mazzola e cdoncerto di musiche ebraiche eseguite dal Coro Sancte Joseph diretto dal M. M. Visconti, con la irezione artistica di Elvira Maiorca Italiano.
Martedì 28 gennaio: h. 9,30 in  Piazza Francesco Crispi inaugurazione targa marmorea dedicata al fisico Emilio Segrè; h. 16.00 alla Biblioteca di Villa Trabia presentazione del libro “Storia di una famiglia di origine ebrea a Palermo”, di Alessandro Hoffmann.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.