Gianni Dessì firma il manifesto del 53° Ciclo di rappresentazioni classiche di Siracusa

Teatro e opera Una scultura in ceramica raku che raffigura un capro-joker, realizzata da uno dei più importanti artisti contemporanei, è l'immagine scelta dall'Inda per le prossime rappresentazioni classiche

Nasce da un’opera di Gianni Dessì, uno dei più importanti artisti contemporanei con un profondo legame con il teatro, il manifesto ufficiale del Festival 2017 al Teatro greco di Siracusa. Dessì, che oltre ad essere pittore e sculture è anche uno scenografo ha realizzato le scene per spettacoli importanti rappresentati a Salisburgo, al Teatro alla Scala di Milano, ad Amsterdam e al Teatro dell’Opera di Roma. «Una mia scultura realizzata in ceramica raku – ha raccontato Dessì – si “affaccia” e si mostra, a metà sospesa com’è tra autoritratto, capro e joker nella sua materia che la fiamma viva ha in parte fatto decadere carbonizzando l’argilla con cui è fatta mentre quella dipinta dagli smalti invece, l’alta temperatura, invetria e preserva. Questa oscillazione tra materia e colore, tra espressione e no, tra apparire e il suo contrario mi hanno fatto pensare al teatro e alle tante sue maschere che l’attore indossa».

53° ciclo di rappresntazioni teatro greco di Siracusa

«Si tratta di un’operazione culturale importante – ha dichiarato il commissario straordinario della Fondazione Inda Pier Francesco Pinelli – con l’Inda che sposa l’arte contemporanea». Anche quest’anno a occuparsi prevalentemente del manifesto per il Festival 2017 è stata l’associazione “Amici dell’Inda”. «Quella di rappresentare la stagione degli spettacoli classici al Teatro greco di Siracusa con un manifesto d’autore è un’antica tradizione rilanciata da Enrico Di Luciano nel 2006 – ha spiegato Giuseppe Piccione, presidente dell’associazione Amici dell’Inda -. Una tradizione ripartita con Igor Mitoraj che poi ha visto alternarsi grandi artisti e che quest’anno vede protagonista un’opera di Dessì. Crediamo molto in questo connubio e per questa ragione la nostra intenzione è quella di organizzare ogni anno una mostra che le opere dell’artista che realizza il manifesto per il Festival al Teatro greco»

Se le rappresentazioni classiche a Siracusa sono il momento centrale di tutte le attività della Fondazione Inda, grande importanza riveste per l’istituto anche il Festival internazionale del teatro classico dei giovani a Palazzolo Acreide. La rassegna, nata nel 1991 da una grande intuizione di Giusto Monaco, quest’anno partirà il 7 maggio e si concluderà il 4 giugno con 2.300 studenti protagonisti.

«Consiglio vivamente a tutti di prendersi mezza giornata e assistere agli spettacoli a Palazzolo perché si tratta di una bellissima manifestazione, una vera e propria festa – ha dichiarato Pinelli -. Per l’Inda è un investimento importante perché ogni anno impieghiamo parte delle nostre risorse in questa grande operazione di trasmissione della cultura classica. Quest’anno abbiamo voluto una rassegna più lunga con un numero maggiore di scuole, oltre 80, provenienti in gran parte dall’Italia ma anche da 8 paesi stranieri. Mi piace anche sottolineare che l’anno scorso 37.500 studenti hanno assistito agli spettacoli classici a Siracusa”. A Palazzolo Acreide sono attesi ragazzi da Russia, Grecia, Germania, Spagna, Serbia, Belgio, Francia e Tunisia. “E’ un grande onore e un piacere ospitare una manifestazione di così alto profilo e risonanza internazionale – ha dichiarato Luca Russo, vicesindaco di Palazzolo Acreide -. Per noi è anche un’importante occasione per presentare e far conoscere le bellezze della nostra città»
Il commissario straordinario della Fondazione Inda ha poi sottolineato il grande successo che sta ottenendo la tournée in Italia degli allievi del terzo anno dell’Accademia d’arte del dramma antico. Gli allievi, con la regia di Carlo Boso, le musiche di Salvatore Sampieri e le coreografie di Dario La Ferla, stanno mettendo in scena Baccanti di Euripide. «In 11 repliche – ha detto Pinelli – abbiamo registrato 4.800 spettatori. E’ un grandissimo successo per quest’opera di promozione e contaminazione culturale»

La Fondazione Inda presenterà a Roma, giovedì 23 marzo, i cast e gli eventi inseriti nel programma del 53° ciclo di rappresentazioni classiche al Teatro greco di Siracusa.Saranno presenti il commissario straordinario della Fondazione Inda Pier Francesco Pinelli, il direttore artistico Roberto Andò e i tre registi: Marco Baliani per “Sette contro Tebe” di Eschilo, Valerio Binasco per “Fenicie” di Euripide e Giorgio Barberio Corsetti per “Rane” di Aristofane.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.