E’ “Il traditore” di Marco Bellocchio il film italiano che si candida agli Oscar

La Commissione di selezione per il film italiano da designare all’Oscar istituita dall’ANICA lo scorso giugno, su incarico dell’ “Academy of Motion Picture Arts and Sciences”, riunita davanti a un notaio e composta da Roberto Ando’, Laura Bispuri, Stefano Della Casa, Daniel Frigo, Gianni Quaranta, Mario Turetta, Alessandro Usai, Anne-Sophie Vanhollebeke, Alessandra Vitali, ha votato

Il Traditore di Marco Bellocchio quale film che rappresenterà l’Italia alla 92ma edizione degli Academy Awards nella categoria “International Feature Film Award”, che è la nuova dicitura dellas ezione per il film straniero. L’annuncio delle nomination è previsto per il 13 gennaio 2020, mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles domenica 9 febbraio 2020.

Il film, che sarà nelle sale americane dal 27 novembre, narra le vicende di Tommaso Buscetta, nel film interpretato da Pierfrancesco Favino, mafioso e successivamente collaboratore di giustizia, grazie a Giovanni Falcone, pilastro del primo maxiprocesso a Cosa Nostra. “Il traditore” ha incassato oltre 4 milioni e settecentomila euro in Italia e ha trionfato ai Nastri d’argento con sette premi (dei quali uno doppio, come miglior attore non protagonista a Luigi Lo Cascio e Fabrizio Ferracane).

Una scena del film Il traditore di Marco Bellocchio, al centro Favino-Buscetta

Una scena del film Il traditore di Marco Bellocchio, al centro Favino-Buscetta

Soddisfazione è stata espressa da Pierfrancesco Favino su twitter dove si è dichiarato orgoglioso della candidatura:

 

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.