Dopo dieci anni di oblio a Palermo riapre il Finocchiaro: un teatro votato al varietà

Teatro La sala palermitana, sprangata da 10 anni, ritorna alla vita come teatro di intrattenimento, votato al varietà e al café chantant

Sprangato da dieci anni, uno dei gioielli liberty di Palermo riapre le sue porte. Dopo il varietà di capodanno che ha visto giungere centinaia di spettatori, via alla mini stagione del Finocchiaro che ritorna alla vita come teatro di intrattenimento, votato al varietà e al café chantant.

L'interno dell Teatro Finocchiaro

L’interno dell Teatro Finocchiaro

Sabato 10 gennaio alle ore 19 appassionati e curiosi potranno scoprire gratuitamente la bella sala liberty di via Roma, partecipando ad una visita “teatralizzata” con cui giovani attori e musicisti racconteranno la storia della struttura e le innumerevoli storie ad essa legate. La visita sarà divisa in tre momenti e occuperà l’intero teatro, dal foyer alla sala, all’elegante sala da tè. Una prima parte più classica racconterà la nascita del teatro nel 1922, l’eleganza delle soirée, l’amore dei palermitani per il nuovo spazio borghese. Aiuteranno il racconto teatralizzato, un pianoforte e un trio d’archi. Una seconda parte tutta siciliana sarà affidata agli attori Ciccio Randazzo e Diego Sammartino, alla cantante Linda Armetta e al violinista Ivan Greco. Infine, pillole di gran varietà, can can e burlesque. degli anni ’30, ’40 e ’50. Ospite, il giovane fisarmonicista valdericino Pietro Adragna, specializzato in repertorio Variété che ha studiato con Frederich Deschamps. Adragna ha vinto due volte, nel 2009 e nel 2011, il titolo di campione del mondo di fisarmonica.

Esposte opere pittoriche degli allievi di Franco Reina, Liceo artistico Catalano.

Il sipario e il boccascena  del Teatro Finocchiaro

Il sipario e il boccascena del Teatro Finocchiaro

Domenica 11 gennaio alle ore 18 si apre la stagione: l’intero spettacolo di Palermo Felicissima Gran Varietà della compagnia I Bohemiens, con le soubrette Noemi e Simona Cannella, Floriana Canino, Adriana Salemi, una piccola orchestra – Benny Amoroso (tromba), Giuseppe Ricotta (pianoforte), Luca De Lorenzo (contrabbasso), Sergio Calì (batteria e percussioni) – i vocalist Federica Amoroso e Nonuccio Cammarata, gli attori Stefania Vitale, Katiuska Falbo e Casimiro Alaimo. Costumi di Amalia Lo Pinto, coreografie di Adriana Salemi, direzione musicale di Benny Amoroso. Regia di Katiuska Falbo e Casimiro Alaimo. Gran buffet curato dallo chef Carmelo Criscione.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.