Donne, Madonne, Sante & Regine – Omaggio a Sant’Agata

Eventi Dal 26 gennaio al 26 aprile al Museum & Fashion di Catania le "Madonne Vestite” - manichini e ceroplastica – databili dal XVI secolo fino alla prima metà del XX secolo

“Donne, Madonne, Sante & Regine” – Omaggio a Sant’Agata”, mostra curata da Marella Ferrera

Alla presenza della Soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Catania, arch. Fulvia Caffo, e delle storiche dell’arte Carmela Cappa e Maria Teresa di Blasi, domenica 26 gennaio si è inaugurata al Museum & Fashion di Catania “Donne, Madonne, Sante & Regine” – Omaggio a Sant’Agata”, mostra curata da Marella Ferrera.

Si tratta di una collezione di “Madonne Vestite” – manichini e ceroplastica – databili dal XVI secolo fino alla prima metà del XX cui sono accostate alcune opere contemporanee del Maestro Giammona.

Recuperando un’antica tradizione pagana e cristiana, ovvero la vestizione delle statue lignee con ori e abiti preziosi, la stilista catanese che nel 2009 ebbe il compito di “vestire” le dee Dèmetra e Kore (gli Acroliti di Morgantina oggi esposti al Museo Archeologico di Aidone, Enna) presenta una collezione di statue di Madonne che indossano abiti da lei elaborati.

Le “Madonne” in mostra, da quelle del XVI secolo alla splendida “Maria tessitrice”, delicatissima opera del XVIII secolo di produzione siciliana, sono realizzate in cera, legno e stoffa con parti mobili per agevolarne la vestizione e presentano interi corredi: abiti, mantelli, capi di abbigliamento, elaborate parrucche; alcuni manufatti utilizzano come struttura portante il trespolo di legno e la stoppa e il filo di cotone, ma la maggior parte sono scolpiti in legno con gli arti snodati.

Le Madonne, e lo testimonia il busto di Sant’Agata portato in processione in occasione delle feste, come le donne vere devono “apparire”, anzi essere bellissime, adornate come regine; non bastano solo le vesti e i manti preziosi ma devono esibire, e la tradizione si mantiene immutata come nel caso di Sant’Agata, anche i loro corredi di gioielli frutto delle donazioni dei devoti.

Donne, Madonne, Sante e Regine velate e svelate, anzi “Svilate”, appaiono all’improvviso nelle grotte, si coprono di ori e di luci sugli altari, si muovono al ritmo tragico e festoso della Pasqua siciliana. Questa mostra, così come una festa, si mostra e si nasconde, si offre e si ritrae, si avvicina allo sguardo e lo cattura per poi svanire nel ricordo di un bagliore e di un luccichio assordante.

La mostra sarà visitabile fino al 26 aprile.

SERVIZI PREVISTI.

Visite didattiche per tutte le scuole di ordine e grado. Visite guidate per associazioni, gruppi e aziende

PRENOTAZIONI E VISITE GUIDATE Identitas / Dott.ssa Marina Cafà info@identitasicilia.com Cell. 392.02.27.703

ALLESTIMENTI G2 Labs

SU FACEBOOK

https://www.facebook.com/pages/MF-MuseumFashion/122102791197393?fref=ts

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.