giovedì 21 febbraio 2019

giovedì 21 febbraio 2019

MENU

Con Seeyousound la musica è di scena al cinema

Visioni

Dal 22 al 24 novembre Palermo ospita Seeyousound International Music Festival, il festival cinematografico che racconta la musica. Tra i film ijn programma “Jululu” di Michele Cinque e “Il muro era caduto da poco” su Cesare Basile


di Redazione SicilyMag

In Italia è l’unico festival cinematografico a raccontare la musica. E per la prima volta sarà a Palermo, per tre giorni, con corti e videoclip, documentari e film sonorizzati, performance e dj-set. Seeyousound International Music Festival fa capolino così nel cuore del centro storico, da giovedì 22 a sabato 24 novembre. Al polo museale d’arte moderna e contemporanea Palazzo Belmonte Riso arriva la prima edizione dell’appuntamento che nasce a Torino, volerà anche a Pisa e Lecce e che, in appena quattro edizioni, è diventato il punto di riferimento in Europa per il cinema a tematica musicale.

Da Jululu di Michele Cinque

Duecento posti a sedere, due maxi schermi e un allestimento inedito e interattivo che catapulta lo spettatore in una vera e propria esperienza. Non solo cinema, così, ma anche musica. Due lungometraggi al giorno per tre giorni, alle 19.30 e alle 21.30, anticipati da corti e videoclip, accompagnati anche da performance dal vivo, sonorizzazioni, panel, produzioni multimediali e dj-set saranno i protagonisti al civico 365 di via Vittorio Emanuele, all’interno del Museo Riso. Taglio del nastro giovedì 22 novembre alle 19.30con “Gosh”, il videoclip di Jamie XX firmato da Romain Gavras, e con “Liberation day”, il documentario di Morten Traavik sulla prima rock band mai esibita in Corea del Nord.
Alle 21.30, stesso giorno, Michele Cinque, uno dei siciliani protagonisti di questa edizione del festival, presenta un cortometraggio sulla storia di un cantastorie che attraversa le piantagioni di pomodoro della provincia di Foggia in cerca di “Jululu”, l’anima dell’Africa. Dopo il cortometraggio, va in scena “Berlino sinfonia di una grande città”, il documentario sperimentale tedesco del 1927 sulla quotidianità all’interno della capitale tedesca. Il film muto di Walter Ruttmann, sarà sonorizzato dal vivo da Domenico Sciajno e Giovanni Corgiat, quest’ultimo, peraltro, protagonista di una performance musicale dal vivo a seguire.

Venerdì 23, alle ore 17, il secondo giorno di Seeyousound porta a Palazzo Riso il panel “How to make a doc music” a cura di Stephan Plank, regista e fondatore dell’etichetta discografica Krautpop. Alle ore 19.30, invece, è tempo di “No reason”, il videoclip di Bonobo, con la regia di Oscar Hudson e, a seguire, di “America Valhalla”, il documentario Josh Homme e Andreas Neumann sulla genesi del disco ‘Post Pop Depression’, il diciassettesimo del padrino del punk Iggy Pop. Alle 21.30, infine, si vola in Spagna con il cortometraggio del regista Adrià Pagès Molina su Ringo Star. Subito dopo, sarà trasmesso il documentario di Giuseppe Lanno sull’esperienza umana e musicale di Cesare Basile, “Il muro era caduto da poco”. Sarà l’autore siciliano in persona a eseguire una performance musicale dal vivo.
L’ultimo giorno del festival, sabato 24 novembre alle ore 17, si apre con il panel “Freak, antieroi e normalità”. Silvia Clo Di Gregorio spiegherà l’importanza del character design nei videoclip. Alle 19.30 s’inizia con “Post requisite”, il videoclip di Flyng Lotus, e si prosegue con “Sympathy for the devil”, il documentario di Jean-Luc Godard su uno dei brani più celebri dei Rolling Stones che sarà introdotto da Ypsigrock, il festival di musica indie. Ultimi appuntamenti del festival, alle 21.30, sono la graphic novel animata “Shinigami”, un vero e proprio cortometraggio sulle atmosfere surreali vicine al mondo manga anime nipponico a cura di Bruno ‘Mezzacapa’ D’Elia, e “Conny Plank - The potential of noise”, il film di Stephan Plank e Reto Caduff sul sound designer che ha rivoluzionato la scena musicale tra gli anni ‘60 e ’80.

Tre giorni di cinema e musica che culminano con un party, a partire dalle 23.15. In apertura Daniele Celona, musicista torinese di origini sarde e siciliane per il quale le canzoni sono una sorta di terapia attraverso cui comprendere certe dinamiche sociali e denunciare, con voce e chitarra, tutto ciò che non va nella realtà in cui vive. A seguire i Bangover Crew che, con la rassegna che dal 2014 porta in giro per il mondo un sound dal gusto tutto siciliano chiamata SYS come il primo nome del capoluogo siciliano, animeranno Palazzo Riso di musica elettronica. Infine il dj set di Rills, dj e produttore torinese che colleziona e suona dischi da ormai quasi 20 anni. House e techno in tutte le loro possibili sfumature sono gli ingredienti prediletti nei suoi set. Ha prodotto dischi per importanti etichette internazionali come Visionquest, All Inn, 8bit eGet Physical.
Nato a Torino nel 2015, è il primo anno che il festival volerà anche a Lecce e Pisa. A Palermo, intanto, porterà sperimentazioni, idee e occasioni per celebrare sul grande schermo la musica in tutte le sue forme. Le proiezioni delle 19.30 costano 4 euro, quelle delle 21.30 con sonorizzazione invece 6 euro. Il party di chiusura costa 5 euro. Il festival è organizzato dall’Associazione Choobamba, con il sostegno di Compagnia dei Caraibi, Goethe-Institut, Polo Museale D’arte Moderna e Contemporanea Palazzo Belmonte Riso in collaborazione con Freschette.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 19 novembre 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

La Siracusa tra fantascienza e storia di Paolo Boriani: «È più importante ciò che non filmo»

Il regista lombardo, dopo l'inaccessibile Saviano a New York di "Faccia gialla", nel docu-film "Accolla (e il cavallino rosso a Siracusa)" parte dalla luce acceccante della città aretusea e, citando Kubrick, narra la vicenda umana del pittore outsider: «Ho tolto tutto il folcloristico della città. Salvatore vive in una sua Siracusa vissuta nelle ore più solitarie, proprio per non vederla»

Nanni Moretti e quella storia umana che diventa gesto politico

Dall'alto di Belvedere di Siracusa si vede la Sea Watch 3 col suo carico di disperati ostaggio di un'Europa indifferente. Al cine Aurora di Belvedere, intanto, il regista presenta "Santiago, Italia", il docu-film su quella "bella Italia" che accolse i cileni orfani di Allende, fuggiti dalle torture di Pinochet. Moretti, però, ci ricorda che "L’Italia di ora assomiglia al Cile di allora, del golpe"

Alfredo Lo Piero spiega il dramma dei migranti agli studenti

Il regista catanese porta il suo docu-film "La libertà non deve morire in mare" nelle scuole di tutta Italia. Si comincia il 26 gennaio al Cine Star dei Portali di San Giovanni la Punta con gli studenti del De Nicola di Catania

Salvatore Greco, l'uomo che visse due volte

Esordio dietro la macchina da presa per l'autore, regista e produttore catanese: "Esame di lealtà" è un film dal taglio documentaristico-sperimentale, frutto di una ricerca filosofica e spirituale della vita: «E' meta-cinema. Partito da alcuni archetipi, durante la lavorazione ho pensato che questi si potessero rendere concreti attraverso la recitazione».

Franco Maresco: «Ho riscoperto il valore dell’immagine ferma»

Il regista palermitano è presidente di giuria della XVII edizione di Magma Festival, la mostra di cinema breve che si svolge ad Acireale dal 29 novembre al 2 dicembre

Sicilia Film Commission pubblica la graduatoria delle opere cofinanziate

Delle oltre 70 istanze pervenute sono state selezionate per il cofinanziamento 34 produzioni, di cui 20 lungometraggi, 9 documentari e 5 cortometraggi