venerdì 22 giugno 2018

venerdì 22 giugno 2018

MENU

Con "MusT" si riapre il sipario del Teatro Musco di Catania

Teatro

Presentato il nuovo progetto teatrale ideato dal regista Giuseppe Dipasquale con l'attrice Valeria Contadino e i produttori Salvo Costantino, Marco Vinci e Roberta Russo, che rimette in gioco il palcoscenico catanese, per molti anni uno dei teatri in uso al Teatro Stabile, chiuso da un anno


di Redazione SicilyMag

Prosa e comicità. Musica e formazione. Workshop, incontri letterari, degustazioni ed eventi rivolti soprattutto alle nuove generazioni. Per esplorare in ogni sua espressione artistica il Teatro, che non è solo un luogo d’incontro per la cittadinanza, ma un incubatore contagioso e virale dove condividere, confrontarsi e contaminarsi. Venerdì 1 dicembre, nella sala dell’Angelo Musco (per molti anni in uso al Teatro Stabile di Catania, e chiuso un anno fa), è stato presentato il nuovo progetto “MusT Musco Teatro”, ideato e sviluppato dal regista Giuseppe Dipasquale (direttore dello Stabile etneo fino a due anni fa), insieme ai suoi compagni di viaggio: l’attrice Valeria Contadino, il produttore teatrale Salvo Costantino, Marco Vinci e Roberta Russo.

La presentazione di MusT Musco Teatro


«Il teatro è come una casa dove abitare – ha spiegato il direttore artistico Dipasquale - MusT sarà per noi una dimora che ci vedrà, con tutti i protagonisti che calcheranno il palco, impegnati a ri-consegnare alla città di Catania un luogo pieno di energia, una fucina per la creatività dove le arti s’incontreranno per dare vita a una nuova visione della realtà. Abbiamo voluto cambiare le sorti di questo luogo, destinato all’abbandono o alla riconversione, con una destinazione d’uso ben lontana dalla storia e dalla memoria collettiva. Vogliamo invece rilanciare questo spazio e aprirlo alla città, per proporlo con una nuova, rinnovata identità».
Con una stagione teatrale di ampio respiro e multidisciplinare, si alza ufficialmente oggi il sipario di un teatro che è stato, e continuerà ad essere cuore pulsante della grande tradizione teatrale siciliana: «Crediamo fortemente in questo progetto, portato avanti con grande impegno e passione: un laboratorio in continua crescita, dove convergeranno tutti coloro che credono nella cultura quale strumento di conoscenza e di crescita – ha affermato Valeria Contadino durante la conferenza – attraverso MusT metteremo insieme una serie di proposte diversificate che costituiranno un nuovo modo di vivere il presente, dove il pubblico sarà chiamato a giudicare e scoprire l’offerta, ma allo stesso tempo dovrà crescere insieme all’offerta».

Dalla rassegna di prosa che reinterpreta la grande tradizione con nuovi linguaggi espressivi, alla drammaturgia didattica rivolta agli studenti; dai percorsi che accolgono le nuove contaminazioni musicali ai festival nati dalla combinazione di teatro e degustazioni enogastronomiche, per poi passare ai cicli di conversazioni e letture con personaggi di spicco del panorama culturale. Un cartellone che si prospetta dunque ricco e ricercato, con la partecipazione di molteplici artisti e partner culturali: tra questi, Kidstrip – la piattaforma che mira a strutturare circuiti “family friendly”, che aprirà il teatro anche alle famiglie con bambini – e I PRESS, che ha rilanciato la comunicazione di questa nuova avventura, nata nel segno della creatività e della contemporaneità.
Il primo spettacolo, che inaugurerà il calendario 2017/2018 di MusT, andrà in scena l'1 dicembre: “La verità rende single” di Marco Bazzoni – Baz, scritto dallo stesso Bazzoni con Marzio Rossi, in programma - alle ore 21.00 - fino a domenica 3 dicembre. Una rappresentazione dal ritmo calzante dove si ride, si canta, ci si commuove e si riflette e che darà il via alla rassegna Comics curata dall’associazione culturale Ecco Godot di Marco Vinci e Roberta Russo.

Guarda il calendario di MusT Musco Teatro


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 01 dicembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

[De]generazioni, padri e figli a confronto sul palco del Biondo

Presentata la nuova stagione dell'ente teatrale palermitano diretto da Roberto Alajmo, 26 titoli che dalla commedia al teatro musicale, dal dramma al teatro di narrazione, affrontano temi e questioni dei nostri giorni. Alajmo: «Spettacoli che parlano di confronti e di scontri generazionali, mettono in scena le questioni scottanti dei nostri giorni o del recente passato»

Orestiadi di Gibellina, un tuffo tra la storia recente e il contemporaneo

Il 7 luglio il via della 37a edizione del festival, la prima firmata dal regista palermitano Alfio Scuderi, fondata nel ricordo del 50° anniversario del terremoto che rase al suolo la città, ma anche del travaglio politico e sociale di quello stesso anno, un vero e proprio terremoto culturale: «A Gibellina proveremo a raccontare la contemporaneità, come linguaggio vivo»

Aldo Rapè: «A Caltanissetta una stagione all’insegna della diversità»

Standing ovation al Teatro Regina Margherita per la prima di "Carte false" firmato dal nuovo direttore artistico

Teatro Stabile di Catania, per una ventata d'aria nuova bisognerà attendere

Il nuovo direttore artistico Laura Sicignano ha presentato la stagione 2018/2019 "Connessioni umane" che si aprirà il 9 ottobre con il suo pluripremiato spettacolo "Scintille", primo di 16 titoli di un cartellone trasversale, che però annovera troppi spettacoli già rappresentati. Intanto la Regione siciliana stanzia quasi 2 milioni e l'ente sogna finalmente la "normalità"

A Ragusa Ibla le opere "pocket" di 3drammi3

Dall'1 al 3 giugno la tragedia greca che fa capolino nei giardini e nei palazzi più belli di Ragusa Ibla. In programma le riduzioni di "Eracle", "Edipo a Colono", "Le troiane" guest star Roberto Vecchioni

Il ciclo classico diventa festival e Siracusa sogna di essere Avignone

Dal 10 maggio al 18 luglio va in scena, prevalentemente al Teatro Greco, la più lunga stagione di rappresentazioni classiche dell'Inda, da adesso Festival del teatro greco di Siracusa. L'ex commissario Pier Francesco Pinelli: «Coscienti di guidare un’eccellenza culturale». Il direttore artistico Roberto Andò: «Siracusa punto fermo mondo classico che deve essere vivo»