venerdì 20 settembre 2019

venerdì 20 settembre 2019

MENU

Con "I Treni storici del Gusto" la Sicilia si racconta

Itinerari

Partirà da Siracusa sabato 27 aprile il primo treno della seconda edizione: "Il treno dei dolci delle feste" che farà tappa a Noto, nell'Oasi di Vendicari, sull'Isola delle Correnti e a Ispica. 50 gli itinerari fino all'8 dicembre


di Redazione SicilyMag

Parte il 27 aprile da Siracusa la seconda edizione de "I Treni storici del Gusto", dalla città aretusea muoverà "Il treno dei dolci delle feste" che farà tappa a Noto, nell'Oasi di Vendicari, sull'Isola delle Correnti e a Ispica. L'ultima corsa, invece, è in programma l'8 dicembre da Palermo: "Il treno dello sfincione e della frutta d'inverno" che farà sosta a Bagheria e Cefalù.

In mezzo, altri cinquanta itinerari, tre dei quali riguardano manifestazioni inserite nel Calendario dei Grandi Eventi in Sicilia: Chocomodica, Salina Isola Slow e la Fiera mediterranea del cavallo che si terrà dal 10 al 12 maggio nella Tenuta di Ambelia e che, per tutte le tre giornate della rassegna equina, sarà possibile raggiungere a bordo della vaporiera del Gruppo 685 risalente al 1912.
Il programma è stato presentato nella sede della Presidenza della Regione Siciliana dal governatore Nello Musumeci, dall'assessore al Turismo Sandro Pappalardo e da Luigi Cantamessa, direttore generale della Fondazione Ferrovie che, anche quest'anno, ha messo a disposizione un ricco e prezioso parco di locomotive, automotrici e carrozze d'altri tempi.
«La Sicilia - ha detto il presidente Musumeci - vive un momento magico in termini turistici ma non possiamo tuttavia cullarci sugli allori. Abbiamo il dovere di lavorare e di fare molto di più, aumentando la qualità dei servizi anche attraverso la collaborazione con enti pubblici e privati. I treni storici raggiungeranno località impensabili, facendo degustare ai viaggiatori prodotti tipici locali. Lo scorso anno hanno preso a bordo oltre diecimila turisti e adesso, per questa nuova edizione, le corse cominceranno prima, ad aprile e non a luglio. Siamo convinti che puntando su questo tipo di programmazione che fa leva sulla passione della gente - dal ciclismo all'equitazione, dai viaggi in treno alle prelibatezze per il palato - riusciremo a rendere la nostra offerta sempre più appagante e stimolante per tutti ed è così che la nostra regione cresce».


Il progetto, al quale collaborano anche Slow Food Sicilia e Fce Ferrovia Circumetnea, si articola in una vera e propria narrazione della Sicilia attraverso i suoi sapori caratteristici e i suoi luoghi più suggestivi: borghi, castelli, aree archeologiche, parchi, oasi e riserve naturali. Una proposta turistica, dunque, rivolta a chi è attento ai paesaggi e alle testimonianze storico-artistiche ma anche alle produzioni locali e ai cibi che rappresentano l'identità più vera e profonda delle comunità che vivono sul territorio.
«Per il secondo anno consecutivo - ha detto il direttore generale della Fondazione FS Luigi Cantamessa - i nostri treni storici torneranno a percorrere le linee ferroviarie della Sicilia che si conferma una delle regioni italiane che investono maggiormente nel settore del turismo ferroviario. Nel 2018 le locomotive hanno raggiunto i principali centri turistici dell'Isola contribuendo, in maniera determinante, al successo di tante manifestazioni culturali organizzate di concerto con gli enti locali. E anche quest'anno, da parte nostra, ci sarà un grande sforzo che testimonia la volontà di incrementare ulteriormente il nostro impegno nell'Isola grazie all'investimento che il governo ha voluto attribuire a questo settore».
Per alcuni collegamenti saranno utilizzati pullman che viaggeranno, comunque, lungo percorsi paralleli ai tracciati delle ferrovie dismesse. Tra le novità di questa seconda edizione, le "vie d'acqua" verso Mozia, Favignana, Lipari e Salina, con itinerari di viaggio che hanno l'obiettivo di rimarcare la ricca complessità culturale della Sicilia intesa come "isola tra le isole".
Per l'assessore al Turismo Sandro Pappalardo,«la Regione, visto il precedente successo che si è registrato, ha deciso di puntare con grande convinzione su questo tipo di iniziativa tanto da avere stipulato con le Ferrovie dello Stato un nuovo accordo di durata biennale. Consentirà di cominciare già a elaborare il calendario 2020 con l'obiettivo di allargare ulteriormente la platea dei potenziali viaggiatori attraverso opuscoli e social, con hashtag dedicato, sia in italiano e che in inglese».
Info e prenotazioni sul sito di www.trenitalia.com


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 26 aprile 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

Le Vie dei Tesori, nel secondo weekend
170 luoghi da scoprire in 10 città

Dai campanili alle ville nobiliari, dagli ipogei alle antiche torri. Sono stati 18mila i partecipanti al primo fine settimana della manifestazione che punta a far scoprire luoghi inediti e nascosti della nostra Isola. E dal 20 al 22 settembre si fa il bis con tante altre visite guidate a Messina, Caltanissetta, Trapani, Marsala, Sambuca, Sciacca, Naro, Acireale, Siracusa e Noto

Acireale debutta a Le Vie dei Tesori

La città delle 40 chiese e delle 100 campane apre ai visitatori per tre week end, da 13 al 29 settembre, 11 luoghi di straordinaria bellezza, tra cui il complesso del Palazzo Vescovile

Oliveri, borgo marinaro tra buone pratiche ed eccellenze del gusto

Dal Mamertino Doc alle granite "più buone del mondo", dai formaggi a chilometro zero alla cucina che profuma di mare: il piccolo centro sulla costa tirrenica, a pochi passi dal promontorio di Tindari e dalla Riserva dei Laghetti di Marinello, si distingue per il senso civico della sua comunità. Un luogo dove vivere una vacanza dai ritmi lenti, assaporando i colori della natura

Il rumore del silenzio all'Eremo di San Felice: «Il fascino del luogo parla un linguaggio antico»

Al Km 18, della regia trazzera che collega Trabia a Ventimiglia di Sicilia, inizia il viaggio alla scoperta di «un posto vicino ma che porta lontano», linea di confine immaginaria tra il caos e la quiete. L'Eremo è un “cameo” di cui si prendono cura gli Amici di San Felice che martedì 27 agosto organizzano "Sotto lo stesso cielo", 15° viaggio nella musica e nelle parole, al chiaro di luna

Alla scoperta della Sicilia più autentica, a passo (molto) slow

A bordo di un treno degli Anni 30, avvolti in un'atmosfera d'antan, abbiamo attraversato lentamente il paesaggio rurale della Sicilia per raggiungere da Palermo la provincia agrigentina più recondita: prima San Biagio Platani e poi Sant'Angelo Muxaro. Merito del primo dei 52 itinerari dei Treni storici del gusto, dedicato ai pani votivi e ai formaggi dell'agrigentino

Con le Giornate del Fai
la primavera profuma di bellezza

Sabato 23 e domenica 24 marzo in tutta la Sicilia il Fondo per l'Ambiente Italiano apre al pubblico 122 siti in 45 località di cui fanno parte alcuni luoghi simbolo della contaminazione tra culture, che saranno raccontati da volontari di origini non italiane, come il giardino di Villa Genuardi ad Agrigento, le Latomie dei Niccolini di Marsala, la Cappena Bonajuto a Catania