Nel week end i Treni storici del Gusto raddoppiano

Itinerari Domenica 18 ottobre dalla stazione di Palermo Centrale partirà il Treno del Fico d’India diretto a Roccapalumba ed Alia, mentre da Siracusa partirà il Treno della Ceramica con destinazione Caltagirone

Doppio appuntamento con i treni storici della Fondazione FS (Gruppo FS Italiane) in Sicilia domenica 18 ottobre. Dalla stazione di Palermo Centrale partirà il Treno del Fico d’India diretto a Roccapalumba ed Alia, mentre da Siracusa è in programma il Treno della Ceramica con destinazione Caltagirone.

Viaggi slow per riscoprire i sapori perduti. Durante il viaggio in treno storico, in entrambi gli itinerari, Slow Food Sicilia racconterà le specialità e i prodotti enogastronomici più rappresentativi dei territori attraversati mentre le guide turistiche, a cura del Dipartimento regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, ne illustreranno le eccellenze di interesse storico, artistico, architettonico e culturale.

Una giornata a contatto con la natura tra Roccapalumba e Alia.  Partenza del treno storico alle ore 10.15 dalla stazione di Palermo centrale, con fermate intermedie a Bagheria (10.31), Termini Imerese (10.53) con arrivo a Roccapalumba/Alia (11.42). Da qui i passeggeri raggiungeranno in pullman il mulino idraulico ottocentesco “Fiaccati”, tutt’oggi perfettamente funzionante, accompagnati dalle guide turistiche che illustreranno il funzionamento del mulino, la panificazione con le sue differenze organolettiche e le caratteristiche della macinazione a freddo rispetto alle tecniche moderne. Alle 12.50 trasferimento in pullman alla volta del suggestivo borgo di Alia con arrivo alle 13:10 mentre alle 14.20, sempre in pullman si raggiungeranno le grotte della Gurfa. Alle 16.00 transfer in bus alla stazione ferroviaria di Roccapalumba-Alia, con partenza del treno storico alle 16.30 e arrivo a Palermo Centrale alle ore 17.36.

Alla scoperta di Caltagirone, città della ceramica. Il treno storico, composto da automotrici in livrea d’epoca, partirà dalla stazione di Siracusa alle ore 8.30 ed effettuerà fermate intermedie ad Augusta (08.51), Lentini (9.27), Lentini Diramazione (9.44), Militello (10.21), Vizzini (10.40) con arrivo a Caltagirone alle 11.06, dove i viaggiatori saranno accolti dall’Amministrazione comunale. La giornata prevede un ricco programma alla scoperta del centro storico e dei principali luoghi e monumenti barocchi della città. Inoltre, sarà possibile visitare le mostre fotografiche “i treni\STORICI Breve viaggio nel mondo dei treni”  e “posti\OPPOSTI città metropolitane a confronto” entrambe allestite alla Galleria “Luigi Sturzo” con il patrocinio del Comune di Caltagirone. Nel pomeriggio, alle 14.40, visita alle botteghe artigiane delle ceramiche, e a seguire sarà possibile effettuare una visita guidata alla Scala Santa Maria del Monte e al Museo Regionale della Ceramica. Alle 17.30 trasferimento in bus per la stazione ferroviaria di Caltagirone, da cui alle 17.58 ripartirà il treno storico con arrivo alla stazione di Siracusa alle 20.23.

Info e biglietti
A bordo treno sarà garantita la distanza interpersonale per godere in piena sicurezza del viaggio e dei magnifici panorami.
I biglietti per viaggiare a bordo dei treni storici possono essere acquistati su tutti i canali di vendita di Trenitalia, biglietteria, app e sito ufficiale.
Maggiori informazioni sul sito fondazionefs.it o consultando le pagine ufficiali della Fondazione FS su Facebook e Instagram.

Il progetto dei “Treni Storici del Gusto” è promosso dall’Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana, in collaborazione con la Fondazione FS italiane e con la partecipazione di Slow Food Sicilia, con l’utilizzo dei finanziamenti del Programma Operativo FESR Sicilia 2014/2020.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.