giovedì 18 ottobre 2018

giovedì 18 ottobre 2018

MENU

Alessio Mamo, il catanese candidato al World Press Photo 2018

Fotografia

Con lo scatto di Manal, una bambina irachena sfigurata in viso e costretta a portare una maschera in attesa di un intervento di chirurgia plastica, il fotografo catanese attento ai temi sociali, politici ed economici contemporanei, è candidato a vincere uno dei più prestigiosi premi di fotogiornalismo internazionale per la categoria "People"


di Redazione SicilyMag

Ospedale di Medici Senza Frontiere di Amman. Manal è una bambina di 11 anni sfigurata in viso e costretta a portare una maschera in attesa che un intervento di chirurgia plastica le restituisca il volto. I suoi lineamenti sono sfregiati a causa di un’esplosione avvenuta nella città di Kirkuk, in Iraq. Lo scatto è di Alessio Mamo, fotografo siciliano, candidato a vincere il World Press Photo 2018 per la categoria “People”.

Lo scatto di Alessio Mamo candidato al World Press Photo 2018

Sono 312 in totale le fotografie nominate a vincere il più importante concorso di fotogiornalismo al mondo che, dopo il successo dello scorso anno, sarà allestito in una mostra il prossimo settembre ancora una volta a Palermo - in una location ancora top secret - grazie all’impegno di Cime. La giuria ha selezionato i candidati in otto categorie, tra cui la nuova categoria ambientale: sono 42 i fotografi in gara di 22 paesi. Soltanto 5 sono italiani e soltanto 1 siciliano, di Catania. 15 hanno già vinto precedenti premi World Press Photo, mentre 27 sono stati riconosciuti per la prima volta.
La fondazione olandese ha così annunciato i candidati alla 61esima edizione del World Press Photo (WPP). Per la prima volta, quest’anno sono stati presentati tutti i finalisti e non direttamente i vincitori (come accadeva negli anni passati), che saranno invece annunciati il prossimo 12 aprile in un’apposita cerimonia ad Amsterdam.
Le foto, come ogni anno, offrono uno spaccato del nostro mondo con le categorie Attualità, Ambiente, General News, Progetti a lungo termine, Natura, People, Sports, Spot News. Solo 1
50 immagini saranno le protagoniste del più prestigioso concorso di fotografia, nato ad Amsterdam nel 1955 e selezionate da una giuria internazionale presieduta da Magdalena Herrera, direttrice della fotografia a Geo France: in lizza c’è anche lo scatto di Alessio Mamo che, a luglio dello scorso anno, ha realizzato un reportage sull’ospedale di chirurgia ricostruttiva MSF ad Amman.
«Lei è una bimba sempre sorridente e felice nonostante la sua condizione non facile e partecipa a tutte le attività per bimbi in ospedale - spiega il fotografo che vive tra Palermo, Catania e il Medio Oriente -. Appena sono entrato nella sua stanza e l’ho vista con la maschera mi ha colpito molto e ho chiesto a lei e alla mamma se potessi fotografarla anche così. Essere candidato a ricevere uno dei premi più importanti di fotogiornalismo è un’emozione incredibile, soprattutto perché la categoria in cui la mia foto è candidata è ‘People’».

Il fotografo Alessio Mamo

Alessio Mamo è un fotografo freelance siciliano, nato a Catania. Laureato in Chimica, Alessio ha sempre preferito viaggiare alla vita chiusa all’interno di un laboratorio. Nel 2007 si è laureato in fotografia all'Istituto Europeo di Design di Roma. Nel 2008, ha iniziato la sua carriera nel fotogiornalismo volgendo il suo obiettivo verso temi sociali, politici ed economici contemporanei. È attento al fenomeno della migrazione, dei rifugiati, a partire dalla Sicilia fino al Medio Oriente e all'Asia. Le sue foto sono state pubblicate su importanti riviste internazionali come Times, Newsweek, Le Monde, Der Spiegel, The Sunday Times, Stern, National Geographic, Geo, L'Espresso, The Guardian, Le Nouvel Observateur, Focus Historia, Marie Claire e tra altri.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 15 febbraio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

«Un cantico per Librino, territorio abbandonato ma affamato di fiducia»

Il mecenate ha presentato il suo nuovo progetto socio-artistico, il "Cantico di Librino", allestimento di oltre mille fotografie di abitanti della città satellite di Catania che saranno esposte sui pali del quartiere: «Una purificazione nel segno della luce e della bellezza che nutre l’anima attraverso la consapevolezza di far parte tutti della stessa eternità»

Nino Costa: «Museo riflesso, il mio sguardo voyeuristico tra l'opera d'arte e lo spettatore»

Resta in esposizione fino al 15 luglio a Catania la mostra del fotografo acese, docente al liceo artistico di Catania, che nei suoi scatti intercetta il "momento sospeso", che fu di Luigi Ghirri, nel museo di una qualunque città, nelle visite a mostre temporanee e a collezioni permanenti: «Con un punto di vista ravvicinato, il tentativo è quello di isolare il rapporto più intimo»

World Press Photo, Alessio Mamo secondo nella categoria People

La fotografia dell'anno secondo il più importante concorso di fotogiornalismo mondiale è 'Venezuela Crisis' di Ronaldo Schemidt. Tutti gli scatti premiati saranno esposti a Palermo dal 14 settembre al 7 ottobre

Antonio Presti dona "Il Cantico delle Creature" a Librino

Il mecenate messinese prosegue nel suo percorso artistico e spirituale volgendo lo sguardo a quella periferia catanese da vent'anni al centro dei suoi progetti culturali che a giorni ospiterà “Il Cantico di Librino”: una installazione fotografica monumentale di cui sono protagonisti gli stessi abitanti del quartiere, immortalati dai dieci fotografi siciliani

Armando Rotoletti: «Nelle piazze ho cercato l'anima dei luoghi»

E non c'è dubbio che l'abbia trovata il fotografo e scrittore messinese, milanese d'adozione, che nel suo ultimo volume "Sicilia in piazza" ha immortalato 82 luoghi storici e simbolici di tante "póleis" siciliane: «Lavorare in Sicilia ha per me una valenza intima che sto scoprendo sempre di più. Credo che il mio prossimo lavoro sarà ancora dedicato a questa terra»

Davide Bramante: «La mia sicilianità è la mia forza»

Il 47enne fotografo siracusano, noto a livello internazionale per i suoi paesaggi urbani sospesi immaginificamente tra sogno e realtà grazie alla tecnica della doppia esposizione, inaugura a Ragusa dal 16 dicembre la mostra "Armonica dissonanza" dove, insieme con immagini di varie città, espone 4 opere dedicate a Ragusa e Modica: «Giusto omaggiare la città che mi ospita»