Valle del Belìce 1968, sui luoghi della memoria

Itinerari Martedì 2 giugno Legambiente e Salvalarte promuovono un itinerario storico-culturale ed enogastronomico alla riscoperta dei luoghi della memoria del terremoto del 1968 che colpì la Valle del Belìce

Il Viaggio nella Memoria giunge alla sua quarta edizione. L’appuntamento con l’itinerario per riscoprire la Valle del Belìce attraverso un percorso storico-culturale ed enogastronomico è fissato per martedì 2 giugno (raduno dalle ore 8.30) a Belìce/EpiCentro della Memoria Viva (Gibellina). L’evento, organizzato da Legambiente all’interno di Salvalarte Belìce con il coordinamento di Belìce/Epicentro della Memoria Viva e Legambiente Circolo Valle del Belìce, è parte integrante di “Voler Bene all’Italia. Festival dei Piccoli Comuni”.
Il viaggio che vuole far scoprire e riscoprire il percorso storico-culturale offrendo una visione unitaria della Valle del Belìce, diventa l’occasione per visitare le gost town, o meglio, i luoghi della memoria del terremoto del 1968, che oggi hanno assunto un valore che va ben aldilà delle apparenze.

Gibellina, Museo delle Trame Mediterranee

Gibellina, Museo delle Trame Mediterranee

Durante l’itinerario i partecipanti potranno conoscere le memorie storiche del territorio, le arti che contiene e le maestrie enogastronomiche che vi risiedono attraverso un percorso fisico e temporale che raccoglie più di cinquant’anni di storia fatti di lotte, sacrifici e ricostruzione dell’identità locale. Il programma prevede anche la visita guidata al Museo delle Trame Mediterranee della Fondazione Orestiadi per scoprire lo spirito e le opere d’arte contemporanea che fanno del Baglio di Stefano un’istituzione. Lasciata Gibellina si proseguirà verso il Centro Culturale Polivalente di Santa Ninfa per visitare il Museo Nino Cordio e il Museo dell’Emigrazione, in collaborazione con il progetto I-Art, ma anche per degustare i prodotti tipici locali a km/0 della Macelleria Gastronomia Palazzo e i vini di Trapani Vini.

Di seguito si passerà per i Ruderi di Poggioreale, meglio definita come Poggioreale Antica, la celebre ghost town siciliana utilizzata per famosi set cinematografici in collaborazione con l’Associazione Poggioreale Antica. La giornata terminerà con la visita al Museo della Memoria di Santa Margherita di Belìce allestito all’interno dei resti della “Chiesa, che poi era il Duomo di Santa Margherita. (…)grande e bella, in stile Impero con grandi brutti affreschi incastonati tra gli stucchi bianchi del soffitto” (G.Tomasi Lampedusa).
Non solo visite guidate e passeggiate quindi, ma anche narrazioni e musiche popolari, con Giacomo Guarneri e Fabrizio Tritico.
Il percorso è da effettuarsi con mezzi propri in carovana, prenotazioni entro il 31 maggio ai numeri 3396913416, 3897972795, 329 9498546 o via email info@epicentrobelice.net

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.