martedì 23 luglio 2019

martedì 23 luglio 2019

MENU

Umbertata, la piazza della solidarietà di Catania

Volontariato e Onlus

Il 18 e il 19 maggio il grande evento di solidarietà, giunto alla sua ottava edizione, che riunisce migliaia di persone per raccontarsi, stringersi e imparare insieme da “Chi cuce il filo della speranza”, slogan della manifestazione, come costruire un domani migliore per tutti


di Redazione SicilyMag

Spettacoli, musica, laboratori, incontri, dibattiti: piazza Ettore Majorana, l'ex piazza Vittorio Emanuele (o piazza Umberto per i catanesi), la piazza che si affaccia su via Umberto a Catania, si veste di colori sgargianti e tante associazioni cittadine riunite in un abbraccio immaginario per cucire insieme la rete della speranza: ecco l'Umbertata 2019. È iniziato il conto alla rovescia per il grande evento di solidarietà, giunto alla sua ottava edizione, che il 18 e il 19 maggio, riunisce migliaia di persone per raccontarsi, stringersi e imparare insieme da “Chi cuce il filo della speranza”, slogan della manifestazione, come costruire un domani migliore per tutti. Quasi 48 ore di emozione senza fine, al centro della città di Catania, dove, in un percorso sensoriale tra testimonianze di vita, si spazia dall’animazione negli stand, all’area sportiva; dall’area ludica a quella artistica. Sabato 18 maggio alle ore 18 al via i laboratori della speranza; alle ore 20.30, grande novità di questa edizione, la tavolata sociale e, alle ore 21.30, una serata di musica e di arte di strada.

Umbertata

«La tavolata sociale dell'Umbertata 2019 – afferma Francesco Patanè, responsabile dell’evento e del progetto - è stata pensata come lo spazio di incontro per le associazioni, i volontari e tutti quei cittadini che impegnano la propria vita per costruire storie di speranza a Catania: l'occasione per raccontarsi e condividere esperienze e progetti ma anche soltanto per riconoscere nell'altro la stessa certezza nel valore dell'impegno e della testimonianza. Invitati ad essere i commensali di questa Tavolata sociale, essenziale nel cibo ma abbondante di relazioni, sono pertanto tutti coloro che sentono di voler contribuire a tessere i fili della delicata trama della speranza in questa città, tante volte disperante».

A imbandire questa tavola di buoni sentimenti e di gusti semplici, con il loro generoso apporto, sono: l’ASSIPAN - associazione panificatori e Affini Sicilia, Coop Alleanza 3.0, Motta Supermercati, Sibeg ed ENMO di Enzo Mosca. Un’occasione per centinaia di persone per condividere insieme allo stesso tavolo, lungo 100 metri, pane e companatico, sperimentando appartenenze e similitudini e ispirandosi a una società sostenibile; ai partecipanti sarà infatti consegnato un Kit di materiale ecologico ed a basso impatto ambientale, offerto da Tusibio.

Tutti e quattro gli angoli della piazza sono collegati dallo stesso filo della speranza che in tanti tra cantanti, attori, artisti, ballerini, animatori si impegnano a cucire insieme in una comunione di intenti. Domenica, già dalle 10:00 del mattino, prenderanno vita tutte le attività all’interno degli stand e le mostre. Grande attesa per l’incontro/dibattito dal titolo “Chi cuce il filo della speranza?”, delle 18:00 con Don Ciotti, il presidente di Libera e, a seguire, la serata di festa conclusiva con tanti ospiti, artisti, testimoni di speranza.

Adulti e bambini si metteranno in gioco attraverso tante attività che valorizzano le loro capacità e la loro voglia di donarsi. «Desideriamo – continua Francesco Patanè - che la gente venendo in piazza possa incontrare chi, nel capoluogo etneo, ogni giorno realizza, talvolta in modo discreto, buone pratiche di volontariato, cittadinanza attiva, solidarietà, accoglienza, lotta alla corruzione, rinnovamento degli stili di vita. E siamo certi che dall’incontro con queste esperienze la gente potrà percepire che la speranza è ancora possibile». Saranno infatti circa 70 le associazioni che durante la mattinata di domenica 19, proporranno in piazza delle attività di informazione e animazione rivolte a tutti: dai più piccoli ai giovani, dagli adulti agli anziani.

Ad arricchire la due giorni, la collaborazione del comitato promotore di WonderTime, che, grazie alla presenza del fotografo catanese Giovanni Ruggeri, lungo le vie limitrofe, permetterà di ammirare la bellezza autentica di volti che raccontano speranza.

Un progetto straordinario, promosso dalla Parrocchia del Crocifisso dei Miracoli di Catania, finora retta da Padre Gianni Notari, che ha da poco concluso il suo mandato: «Ogni volto ha una storia e nella storia di ciascuno, anche triste, c’è un seme di speranza. Stretti tra noi, accomunati dal desiderio di lavorare insieme, possiamo costruire strade di futuro per tutti e affrontare i problemi che ci troviamo davanti. È questo il messaggio che vogliamo lanciare a tutta la città e a tutti coloro che, a livelli diversi, si adoperano per costruire la speranza».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 16 maggio 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

«Accoglieteli a casa vostra!». Lucia e Salvatore lo hanno fatto

A Siracusa c'è una famiglia di quattro persone che sa cosa significa aprire le braccia ed accogliere. Si tratta dei coniugi Lucia e Salvatore Messina e dei loro figli (neanche adolescenti) che da sei anni hanno aperto la loro casa - che non è una "casa famiglia" non nel senso classico del termine - ai bisognosi, agli ultimi, a tutti coloro che necessitano di aiuto

«Opera Commons, filantropia culturale per importanze alternative»

Creato più di 5 anni fa dalla dalla sociologa e socioterapista catanese in una residenza familiare di Aci Bonaccorsi salvata dall'abbandono, il progetto terapeuticamente vuole produrre a partire dalla difficoltà scegliendo la via della creatività, dell’arte e della comunicazione: «Verità rivelate e altalene anarchiche, si tratta di non cedere all’ovvio, al semplice»

A Palermo l'alta cucina di Euro Toques a servizio della ricerca

A sostegno dell’attività di ricerca dell’associazione "Piera Cutino", che da vent’anni si occupa di migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da talassemia, il 14 gennaio si sono dati appuntamento a Palermo i migliori cuochi della cucina italiana ed internazionale di Euro Toques, l’associazione fondata dal Maestro Gualtiero Marchesi, che prepareranno 30 portate per l'esclusiva cena di gala

Fortunato Di Noto: «Gli abusi sessuali sui neonati non fanno più notizia»

Per toccare con mano questa strage di innocenti dei nostri giorni, bisogna andarci nella sede dell’associazione Meter di Avola, dove lavorano tecnici informatici, psicologici, operatori sociali. Don Di Noto: «Bambini senza giustizia». Un'operatrice: «Ascoltare al telefono chi grida e chiede aiuto diventa una missione, prima ancora che lavoro o volontariato»

Dopo il rogo dell'ex Midulla, in strada per chiedere civiltà

Gli attivisti del Centro polifunzionale San Cristoforo, dopo il rogo che ha distrutto l'ex cinema riconvertito a centro di quartiere, hanno indetto una manifestazione per giovedì 26 luglio, alle 18.30, per denunciare lo stato di assoluto degrado in cui versa lo storico e popolare quiartiere di Catania

Medici senza quartiere la "rivolta" dei camici bianchi

Stanchi delle lunghe liste d'attesa del sistema ospedaliero, grazie a un'idea del medico otorinolaringoiatra Federico Sireci, una squadra di giovani professionisti della salute si è messa a disposizione dei cittadini: in una villa confiscata alla mafia alla periferia nord di Palermo offrono visite specialistiche gratuite e informano sulla prevenzione