domenica 27 maggio 2018

domenica 27 maggio 2018

MENU

Troina dedica tutto un museo agli scatti di Robert Capa

Fotografia

Il museo di rilevanza internazionale nascerà nel Palazzo Pretura, e consegnerà alla cittadina dell'Ennese il prestigio di custodire in modo permanenete 62 preziose stampe fotografiche, quasi tutte inedite, scattate in Sicilia nell’agosto del 1943


di Redazione SicilyMag

Presto a Troina, in Sicilia, nascerà un museo dedicato interamente a Robert Capa, il grande fotografo ungherese che ha documentato con le sue immagini lo sbarco Anglo-Americano in Sicilia, considerato il più grande fotoreporter di guerra di tutti i tempi, Nel museo saranno esposte permanentemente 62 preziose stampe fotografiche, quasi tutte inedite, scattate proprio in Sicilia, e in particolare a Troina, nell’agosto del 1943 durante la seconda guerra mondiale.

Il fotografo ungherese Robert Capa

L’idea, partita agli inizi del 2015 dalla proposta di “Soul Design” di Lucilla Caniglia e Alessandro Castagna, ha riscontrato subito l’interesse ed il sostegno del Sindaco di Troina Fabio Venezia, della Fondazione Famiglia Pintaura e dello storico locale Salvatore Barbirotto. Questa non facile impresa, che ha richiesto quasi tre anni di corrispondenza con l’International Center of Photography di New York (istituto proprietario dei negativi fotografici di Robert Capa e titolare di tutti i diritti), una approfondita selezione delle foto dai negativi originali di Capa direttamente presso la sede dell’ICP a New York, si è concretizzata nell’acquisizione da parte della Fondazione Famiglia Pintaura di 62 preziose fotografie, stampate direttamente dai negativi inediti di Capa, attraverso la tecnica tradizionale su carta fotosensibile agli alogenuri d’argento.
Le foto, che saranno esposte in uno spazio museale allestito nel Palazzo Pretura in Piazza Conte Ruggero a Troina, raccontano l’evento bellico del luglio-agosto 1943 in Sicilia attraverso la visione fotografica di Robert Capa e rappresenteranno un ricordo per la popolazione che ha vissuto l’evento e un’opportunità per portare consapevolezza nelle nuove generazioni veicolando la storia attraverso le emozionanti immagini del fotoreporter di guerra.

Truppe americane a Troina, agosto 1943 - ph Robert Capa

«Si tratta – dichiara Fabio Venezia, Presidente della Fondazione Famiglia Pintaura – di una grande operazione culturale di portata internazionale che richiamerà a Troina nei prossimi anni migliaia di visitatori e turisti. Dopo la prestigiosa mostra ospitata a Troina nel 2015 è maturata l’idea di creare uno spazio museale permanente esponendo gli scatti inediti del più grande fotoreporter di guerra di tutti i tempi, la cui carriera è stata segnata positivamente dagli scatti che realizzò proprio a Troina e che furono poi pubblicati dalla rivista americana Life».
Ecco cosa scrive Robert Capa a proposito della “Battaglia di Troina” nel suo diario personale: “Il reggimento stava proprio iniziando l’assalto per espugnare Troina, un paesotto allungato sulla cima di una collina. Troina fu dura. Ci vollero sette giorni per conquistarla e perdemmo una grande quantità di uomini. Era questa la prima volta che seguivo un attacco dall’inizio alla fine ma fu anche l’occasione per scattare alcune ottime foto. […] Pensavo che non avesse alcun senso questo combattere, morire e fare foto, quando il generale Teddy Roosevelt, sempre presente dove la battaglia era più dura, si avvicinò e puntando il suo bastone verso di me: “Capa, disse, al quartier generale di divisione c’è un messaggio per te. Dice che sei stato assunto da Life”.
Già nell’estate del 2015 la città di Troina aveva ospitato la mostra fotografica “Robert Capa in Italia 1943-1944”. Un evento organizzato in collaborazione con la Fondazione Alinari e il Museo Nazionale Ungherese di Budapest che ha permesso di esporre, dopo il successo della mostra a Roma, Firenze, Genova e Milano, nella prima capitale normanna di Sicilia 78 scatti del padre del fotogiornalismo mondiale.
Il museo, di rilevanza internazionale, consegnerà a Troina il prestigio di custodire gli importanti documenti fotografici, mai pubblicati, che sono il segno tangibile della storia vissuta dal popolo siciliano ei drammatici momenti della guerra. Sarà visitato da studenti, appassionati di storia e fotografia e da studiosi provenienti dall’Italia e dall’estero, rappresentando per Troina una straordinaria iniziativa per il rilancio culturale e turistico del territorio.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 17 novembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

World Press Photo, Alessio Mamo secondo nella categoria People

La fotografia dell'anno secondo il più importante concorso di fotogiornalismo mondiale è 'Venezuela Crisis' di Ronaldo Schemidt. Tutti gli scatti premiati saranno esposti a Palermo dal 14 settembre al 7 ottobre

Alessio Mamo, il catanese candidato al World Press Photo 2018

Con lo scatto di Manal, una bambina irachena sfigurata in viso e costretta a portare una maschera in attesa di un intervento di chirurgia plastica, il fotografo catanese attento ai temi sociali, politici ed economici contemporanei, è candidato a vincere uno dei più prestigiosi premi di fotogiornalismo internazionale per la categoria "People"

Antonio Presti dona "Il Cantico delle Creature" a Librino

Il mecenate messinese prosegue nel suo percorso artistico e spirituale volgendo lo sguardo a quella periferia catanese da vent'anni al centro dei suoi progetti culturali che a giorni ospiterà “Il Cantico di Librino”: una installazione fotografica monumentale di cui sono protagonisti gli stessi abitanti del quartiere, immortalati dai dieci fotografi siciliani

Armando Rotoletti: «Nelle piazze ho cercato l'anima dei luoghi»

E non c'è dubbio che l'abbia trovata il fotografo e scrittore messinese, milanese d'adozione, che nel suo ultimo volume "Sicilia in piazza" ha immortalato 82 luoghi storici e simbolici di tante "póleis" siciliane: «Lavorare in Sicilia ha per me una valenza intima che sto scoprendo sempre di più. Credo che il mio prossimo lavoro sarà ancora dedicato a questa terra»

Davide Bramante: «La mia sicilianità è la mia forza»

Il 47enne fotografo siracusano, noto a livello internazionale per i suoi paesaggi urbani sospesi immaginificamente tra sogno e realtà grazie alla tecnica della doppia esposizione, inaugura a Ragusa dal 16 dicembre la mostra "Armonica dissonanza" dove, insieme con immagini di varie città, espone 4 opere dedicate a Ragusa e Modica: «Giusto omaggiare la città che mi ospita»

Lo sguardo sul mondo di Vivian Maier, a Catania il suo diario segreto

La Fondazione Puglisi Cosentino ospita fino al 18 maggio una selezione di immagini della misteriosa fotografa statunitense in "Vivian Maier. Una fotografa ritrovata". Scatti in bianco e nero (soprattutto) e a colori di realizzati in un trentennio attraverso cui viene immortalata una umanità multiforme e da cui lo spettatore esce con più di un interrogativo