giovedì 21 febbraio 2019

giovedì 21 febbraio 2019

MENU

Taormina Film fest al via anche se la guerra legale non è finita

Visioni

Videobank, che si è aggiudicato il bando di sponsorizzazione 2018, della Fondazione Taormina Arte Sicilia, si tuffa nella organizzazione del 64° festival del cinema, data di inizio il 14 luglio. Ma l'associazione Codici annuncia appello contro la sentenza del Tar di Catania che aveva escluso il suo ricorso


di Redazione SicilyMag

La guerra sulla organizzazione del Taormina Film fest non si è definitivamente chiusa, nonostante la sentenza del 27 giugno del Tar di Catania che ha rigettato il ricorso delle associazioni Codici di Cultura e Codici – Centro per i diritti del cittadino contro l'aggiudicazione da parte della società belpassese Videobank del bando pubblico di sponsorizzazione 2018 della Fondazione taormina Arte Sicilia. La vincitrice Videobank ha già annunciato le date della sessantaquattresima edizione del festival cinematografico, dal 14 al 20 luglio. L'associazione Codici, però, vuole ricorrere in appello contro la decisione del Tar di Catania che aveva escluso il ricorso delle due associazioni, collegate fra loro, perché “Le ricorrenti non hanno mai dichiarato di aver presentato domanda, o di voler partecipare alla procedura selettiva in esame, rendendosi pertanto del tutto estranee a tale procedimento; ne consegue che - non vantando alcun interesse proprio, connesso ad una possibile veste di “operatore del settore” – esse sono prive di legittimazione ad impugnare gli atti della procedura selettiva in contestazione. Non risulta dimostrata la legittimazione delle associazioni a ricorrere in veste di enti esponenziali di interessi generali o diffusi. Infatti, in nessuna parte del ricorso viene esplicitato che le associazioni siano titolari e garanti di interessi “altrui”, né viene esplicitata la loro ipotetica connotazione quale enti rappresentativi di interessi collettivi”.

Videobank va comunque avantinella organizzazione del Taormina FilmFest, da quest'anno con la direzione artistica di Silvia Bizio e di Gianvito Casadonte, prodotto e organizzato da Videobank. Nelle intenzioni dell'organizzatore Lino Chiechio, «Sarà un festival più rivolto ai giovani, ma soprattutto più vicino alla città di Taormina, con l'intento di rendere questo storico festival un evento più popolare e più vicino ai cittadini e ai turisti, con un maggiore coinvolgimento delle associazioni delle attività commerciali locali. Un evento che porterà le star ospiti in mezzo alla città, per incontrare direttamente il pubblico, seguendo l'idea del nuovo sindaco Mauro Bolognari, sensibile ai temi culturali e alla partecipazione della città. Ringraziamo inoltre per la collaborazione e l'impegno profusi per la realizzazione del festival, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci e l'Assessore al Turismo, Sandro Pappalardo».

«Videobank si è fortemente impegnata economicamente - sottolinea Maria Guardia Pappalardo, amministratore unico di Videobank – per rendere possibile questa edizione del festival, completamente sovvenzionata dall’azienda nell’ottica di un investimento che 'guarda avanti', già alla prossima edizione, che sarà sempre prodotta da noi, m con una tempistica adeguata».
«Sono felice – dichiara la direttrice artistica Silvia Bizio, giornalista di Repubblica - di condividere con Gianvito Casadonte la direzione artistica del Taormina Film Fest, un festival che ho seguito anche in passato portando nel prestigioso Teatro Greco ospiti come Robert De Niro, Colin Firth, Michael Douglas, Jessica Lange, Oliver Stone, per citarne solo alcuni. Siamo fieri dell’impegno di Videobank e grati della fiducia di Lino Chiechio nei nostri confronti. Siamo certi che, con la nostra professionalità ed esperienza nel mondo del cinema, potremo riportare Taormina al rispetto che merita nel panorama dei festival internazionali».
«Sono onorato – sottolinea Gianvito Casadonte, sovrintendente del Teatro Politeama di Catanzaro, direttore del Magna Graecia Film Festival di Catanzaro, del Premio Rotella a Venezia e che ha portato e premiato in Italia star del calibro di Al Pacino, Johnny Depp, Mel Gibson, Tim Roth e George Clooney - dell'incarico affidato a me e Silvia Bizio. Sarà un'edizione "di passaggio", ma creeremo comunque delle suggestioni per il pubblico e lavoreremo per riportare nella magnifica cornice del Teatro Greco di Taormina le star del grande Cinema nazionale e internazionale».

Dopo le dichiarazioni d'intenti, aspettiamo il programma.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 28 giugno 2018
Aggiornato il 06 luglio 2018 alle 20:26





TI POTREBBE INTERESSARE

La Siracusa tra fantascienza e storia di Paolo Boriani: «È più importante ciò che non filmo»

Il regista lombardo, dopo l'inaccessibile Saviano a New York di "Faccia gialla", nel docu-film "Accolla (e il cavallino rosso a Siracusa)" parte dalla luce acceccante della città aretusea e, citando Kubrick, narra la vicenda umana del pittore outsider: «Ho tolto tutto il folcloristico della città. Salvatore vive in una sua Siracusa vissuta nelle ore più solitarie, proprio per non vederla»

Nanni Moretti e quella storia umana che diventa gesto politico

Dall'alto di Belvedere di Siracusa si vede la Sea Watch 3 col suo carico di disperati ostaggio di un'Europa indifferente. Al cine Aurora di Belvedere, intanto, il regista presenta "Santiago, Italia", il docu-film su quella "bella Italia" che accolse i cileni orfani di Allende, fuggiti dalle torture di Pinochet. Moretti, però, ci ricorda che "L’Italia di ora assomiglia al Cile di allora, del golpe"

Alfredo Lo Piero spiega il dramma dei migranti agli studenti

Il regista catanese porta il suo docu-film "La libertà non deve morire in mare" nelle scuole di tutta Italia. Si comincia il 26 gennaio al Cine Star dei Portali di San Giovanni la Punta con gli studenti del De Nicola di Catania

Salvatore Greco, l'uomo che visse due volte

Esordio dietro la macchina da presa per l'autore, regista e produttore catanese: "Esame di lealtà" è un film dal taglio documentaristico-sperimentale, frutto di una ricerca filosofica e spirituale della vita: «E' meta-cinema. Partito da alcuni archetipi, durante la lavorazione ho pensato che questi si potessero rendere concreti attraverso la recitazione».

Franco Maresco: «Ho riscoperto il valore dell’immagine ferma»

Il regista palermitano è presidente di giuria della XVII edizione di Magma Festival, la mostra di cinema breve che si svolge ad Acireale dal 29 novembre al 2 dicembre

Sicilia Film Commission pubblica la graduatoria delle opere cofinanziate

Delle oltre 70 istanze pervenute sono state selezionate per il cofinanziamento 34 produzioni, di cui 20 lungometraggi, 9 documentari e 5 cortometraggi