Stellato, il panettone limited edition di Amara, firmato da Ciccio Sultano

Dolci Il dolce di Natale è stato pensato da Amaro Amara, l'amaro artigianale siciliano di Arance Rosse di Sicilia IGP, in collaborazione con lo chef Ciccio Sultano, anima e mente creativa del Duomo di Ragusa Ibla, ristorante due stelle Michelin tra i più apprezzati in Italia

Si chiama Stellato ed è il dolce di Natale pensato da Amaro Amara in collaborazione con Ciccio Sultano, anima e mente creativa del Duomo di Ragusa Ibla, ristorante due stelle Michelin tra i più apprezzati in Italia.  L’iconico amaro artigianale siciliano di Arance Rosse di Sicilia IGP incontra la maestria dello chef Ciccio Sultano che ha realizzato un panettone artigianale con fragranze, sapori e profumi che esprimono a pieno la territorialità siciliana.

Stellato nasce da una collaborazione pensata per esaltare ingredienti e materie prime d’eccellenza come le arance rosse candite le mandorle e la tradizionale ricetta viene reinterpretata dall’aggiunta di Amara nell’impasto. Un ingrediente prezioso che in cottura aromatizza e custodisce i sentori agrumati e al taglio rivela intensi profumi di macchia mediterranea, sprigionando un ventaglio di fragranze spiccatamente siciliane che rimandano immediatamente ai paesaggi olfattivi dell’ Etna. La maestria dello chef Sultano, gli ingredienti della sua ricetta, e il tocco di Amara rendono Stellato il dolce delle feste perfetto per assaporare tutto il bello e il buono della Sicilia in un morso.

Stellato, il panettone di Amara firmato da Ciccio Sultano

Stellato nasce da un’attenta lavorazione artigianale e dalla cura per un impasto lento e da una ricetta attenta che prevede l’utilizzo di farina zero molita a rulli leggeri, lievito naturale, rossi d’uovo, burro, zucchero, vaniglia, latte siciliano e cannella. La lievitazione di 36 ore è garantita da un processo a due fasi: la prima, dove l’impasto riposa e cresce per 24 ore e la seconda che prevede un rimpasto e che porta la massa a lievitare per altre 12 ore, ad una temperatura controllata tra i 27° e i 28° con un’umidità tra gli 80 e i 90 gradi.

Una ricetta creativa che dà forma e sapore ad una nuova idea di sicilianità, un dolce che va oltre la scelta e il rispetto per la migliore materia prima e abbraccia la territorialità e la storicità dell’isola dando una forma contemporanea ai suoi sapori più iconici.

Ciccio Sultano al lavoro sul panettone Stellato

Un progetto pienamente coerente con la filosofia di Amaro Amara, l’azienda di Misterbianco, alle porte di Catania, che parte da un ingrediente semplice come l’arancia rossa di Sicilia IGP e da un antico frutteto di famiglia, e dona a questo agrume tradizionale una veste tutta nuova, più elegante e contemporanea.  Amara, è l’espressione autentica del territorio etneo  e racconta una Sicilia dalla grande potenza narrativa, in grado di affascinare chi la gusta attraverso pochi ingredienti, tutti naturali e rigorosamente autoctoni: scorze di arance rosse di Sicilia IGP, erbe aromatiche dell’Etna e acqua purissima delle sorgenti vulcaniche. L’unicità di Amara nasce da una lavorazione artigianale, che dal campo arriva sino alla bottiglia, ed è enfatizzata dall’inconfondibile ceralacca rossa che celebra l’autentica artigianalità siciliana su ogni bottiglia.

Un’identità unica e inconfondibile quella di Amaro Amara, che calza a pennello all’eccellente interprete contemporaneo della tradizione gastronomica siciliana: lo Chef Ciccio Sultano. Stellato è una limited edition che potrà essere acquistata in esclusiva solo sull’e-commerce di Amara al prezzo di € 80. Il panettone da 750 grammi è racchiuso all’interno di un’elegante confezione e include anche una bottiglia di Amara, ideale per esaltare le caratteristiche del panettone in un abbinamento godurioso.

Panettone Stellato di Amara

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.