domenica 15 settembre 2019

domenica 15 settembre 2019

MENU

Silvio Laviano fa rivivere Enoch Arden. Pura poesia

Recensioni

L'attore catanese, giunto alla sua maturità artistica, per la rassegna “Il Bellini nel Barocco – Poesia in Musica” ha donato al pubblico nell’incantevole scenario del cortile di Villa San Saverio, una vera e propria chicca


di Silvana La Porta

Quando la poesia si sposa con la musica ritorna davvero alla sua dimensione primigenia e regala emozioni antiche e forti. La rassegna “Il Bellini nel Barocco – Poesia in Musica” inserita nel calendario di "Porte aperte Unict" ha donato al folto pubblico, lo scorso 10 luglio nell’incantevole scenario del cortile di Villa San Saverio, una vera e propria chicca, una delle pagine più alte della letteratura d’amore di tutti i tempi, un poema osannato sin dalla sua prima apparizione, se solo pensiamo che alla sua pubblicazione vendette 17mila copie in un giorno, quell’Enoch Arden del poeta vittoriano Alfred Tennyson, che a fine ‘800 Richard Strauss musicò in modo incantevole.

Il melologo Enoch Arden a Villa San Saverio

Un melologo affascinante e straziante, come ha ben sottolineato il maestro Francesco Nicolosi, direttore artistico del Teatro Bellini, all’avvio della performance, una partitura che più si esegue, più commuove, ogni volta come la prima. E il concerto si è aperto con una didascalica quanto dotta presentazione proprio del bravissimo pianista, che ha accennato per gli ascoltatori i leit motiv dell’opera, i temi dell’Amore, della Rassegnazione, dei Personaggi e della romantica Natura.

Silvio Laviano e Lucia Cammalleri

Poi sono stati momenti di pura poesia. Silvio Laviano, un attore (vanto tutto siciliano) giunto alla sua piena maturità artistica, capace di modulare la voce con assoluta padronanza, in un incalzante susseguirsi di toni e stati d’animo, ha impresso alla struggente vicenda di Enoch Arden (mercante marinaio coraggioso e intraprendente, profondamente innamorato della moglie fin da bambino, ma costretto per un durissimo gioco del Fato a perderla e a donarla, in un supremo anelito al sacrificio, all’amico d’infanzia) tutta la sua magia, punteggiando la sua recitazione con sapienti ed espressive pause; Lucia Cammalleri ha incantato tutti con la sua dolcezza e la sua struggente espressività, sottolineata dall’interpretazione al piano del maestro Nicolosi, che ha rivelato, con la sensibilità del tocco, tutto il suo amore per una pagina pianistica stupenda, capace di evocare il mare, col suo muggito inquietante e ossessivo, e la natura profonda, ineluttabile, dei sentimenti e del destino umani.

Grazie alla proficua sinergia tra il Teatro Massimo Bellini, il Teatro Stabile e l’Università di Catania in una serata attraversata da un caldissimo vento sahariano sulla scena sono state suggerite atmosfere nordiche e brumose inglesi. Anche queste sono le misteriose magie dell’Arte…


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 12 luglio 2019





Silvana La Porta

Docente di Italiano e Latino al Liceo Scientifico Leonardo di Giarre, è giornalista, opinionista e collaboratrice del quotidiano La Sicilia


TI POTREBBE INTERESSARE

L'emotiva e fragile Turandot di Elina Ratiani

Bella e convincente l'opera messa in scena al Teatro antico di Taormina lo scorso 3 settembre, a cominciare dalla regia di Enrico Stinchelli, ma la grande rivelazione è stata il soprano georgiano che si è rivelata più di una virtuosa del canto

Una messa in scena poco incisiva l'Orfeo di Mitoff

La piéce che al Castello Ursino di Catania ha aperto la rassegna dedicata al teatro classico, riletta e adattata da Salvatore Guglielmino, prometteva di essere interessante ma non ha convinto del tutto

Il carisma e il tocco cristallino di Marta Argerich incantano Taormina

Al teatro antico la celebre pianista svizzero-argentina ha chiuso il Taormina Opera Stars di Davide Dellisanti eseguendo il sul Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra di Franz Liszt. Con lei il pianista italo-argentino Daniel Rivera che ha eseguito il Concerto in la minore per piano e orchestra op.16 di Edvard Grieg. Il M° Gianna Fratta ha condotto l'orchestra del Taormina Opera Stars

Odissea alle Gole Alcantara: «Uomo in mare si salva sempre…»

Un palcoscenico naturale e magico per il capolavoro di Omero diretto dal regista Giovanni Anfuso. Un'ottima squadra e uno splendido cast per portare in scena gli insegnamenti immortali della letteratura classica. Repliche fino al 25 agosto

Monica Guerritore a Taormina, mattatrice dall’alba al tramonto

Grandi applausi per l'attrice romana protagonista di due spettacoli al Teatro antico, due spettacoli diversi legati dal medesimo fil rouge: il racconto interiore e la discesa nell’anima del mondo

'A Muntagna è viva. Come il teatro a Catania

Repliche a Catania fino all'8 agosto per "ETerNA. A vucca l'amma", testo di Luana Rondinelli e regia di Nicola Alberto Orofino, dove la vera primadonna è stata la bella e terribile Etna di cui un cast di grandi attori narra tutti i sentimenti di una tragedia storica, l’eruzione del 1669 che distrusse Catania