Sicilian Rapsody III

Eventi Dal 4 dicembre al 9 gennaio alla Galleria La Piana Arte Contemporanea di Palermo le opere di 14 artisti siciliani: una selezione di lavori pittorici e grafici eterogenei e dinamici

William Marc Zanghi, Sibermonkey, vernici su tela

William Marc Zanghi, Sibermonkey, vernici su tela

La Galleria La Piana Arte Contemporanea di Palermo ospita dal 4 dicembre al 9 gennaio Sicilian Rapsody III, una mostra che raccoglie le opere di quattordici artisti siciliani, una selezione di lavori pittorici e grafici eterogenei e dinamici che proprio come in una rapsodia guideranno i tempi emozionali del fruitore. In musicologia il termine “rapsodia” viene utilizzato per definire una composizione con un test tematico fisso, attorno al quale si sviluppano un insieme di spunti melodici, anche molto diversi tra loro per ritmo ed armonia.

Linda Randazzo, Mondello, olio su tela

Linda Randazzo, Mondello, olio su tela

Mutuando il termine ed eleggendo la sicilianità a comune denominatore degli artisti, ogni poetica è il tassello di una rapsodia che racconta l’isola e i suoi abitanti. In esposizione le penne a sfera sognanti di Paolo Amico, gli acquerelli musicali di Riccardo Brugnone, i monocromi di Tommaso Chiappa, il caos ordinato di Nuele Diliberto, la streetart di Ian ed Enne, le tonnare di Marco Fratini, le trasparenti velature di Simone Geraci, gli interni muti di Emanuele Giuffrida, la poesia dei nudi di Giovanni Iudice, il surrealismo concreto di Igor Scalisi Palminteri, i paesaggi mnemonici di Linda Randazzo e della sua Mondello, i graffi di Croce Taravella e le isole ed i reperti di William Marc Zanghi. La mostra è ideata, organizzata e curata da Massimo La Piana. Durante il vernissage (ore 18) sarà possibile degustare i vini dell’azienda Fondo Antico di Trapani, partner dell’evento.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.