domenica 27 maggio 2018

domenica 27 maggio 2018

MENU

Roberto Lipari: «Vivo il palcoscenico come terapia... per liberarmi»

Sugnu sicilianu

Dopo i piccoli locali, la ribalta televisiva di "Eccezionale veramente" e l'esperienza sul set cinematografico, il comico palermitano è in questi giorni in scena alla Sala Harpago di Catania (fino al 18 febbraio) con il suo fortunato "Battipanni Lipari tutto", un gioco di parole che è la metafora della liberazione nel gioco nascondino... ma solo a Palermo


di Maria Enza Giannetto

«Sono un comico e trovo sia bellissimo fare un mestiere che si chiama con un aggettivo, come il “creativo”. Suona benissimo».
Il palermitano Roberto Lipari, 27 anni, è orgoglioso di essere riuscito, in pochi anni a fare della comicità la sua professione. Complici anche la vincita del talent Eccezionale veramente nel 2016 (programma che ha poi co-condotto insieme con Francesco Facchinetti) e l’approdo nel cast di Colorado nel 2017. Ironico, sagace, pungente, Lipari ha fatto dei suoi monologhi dei veri e propri sketch teatrali di divertimento e riflessione come nello spettacolo Battipanni Lipari tutto, monologo in scena fino al 18 febbraio alla Sala Harpago - Gatto Blu di Catania.

«Ora che giro per l’Italia con questo spettacolo - racconta - mi è stata smontata la teoria che avevo sin da piccolo quando credevo che Battipanni liberi tutti fosse la frase internazionale usata quando chi gioca ad acchiapparello salva tutti. Ho scoperto che non è affatto così. Mi piaceva, comunque, il gioco di parole tra il mio cognome e liberi e poi la metafora della liberazione nel nascondino rende benissimo l’idea di quello che avviene durante lo spettacolo quando, io che vivo il palcoscenico come terapia, riesco a liberarmi di quello che ho dentro»

Una terapia che riesce a liberare anche dai mal di pancia di una realtà spesso difficile da gestire e che, nello spettacolo del comico palermitano - accompagnato dalle musiche del chitarrista-spalla Roberto Anelli - si snoda tra monologhi, battute a raffica, pensieri e riflessioni. «Ho voluto incentrare tutto sulla notizia della nascita di un figlio e la possibile paternità a soli 26 anni – spiega Lipari –. È un modo per utilizzare il pubblico come valvola di sfogo e inserire le riflessioni sui temi più caldi quali la famiglia, il futuro dei giovani, la politica, il lavoro mescolati a momenti teatrali in cui si ironizza sui grandi temi che attanagliano la nostra Terra e la mia generazione».

Il successo ha confermato allo stesso Lipari di aver fatto la scelta giusta abbandonando gli studi di medicina al 3° anno. «Sin da piccolissimo – racconta – ero il simpaticone del gruppo, quello che faceva sempre battute ma, ammetto, che non riuscivo a considerarlo come un possibile mestiere. Divoravo, da spettatore, qualunque tipo di spettacolo comico, ma ho cominciato a pensare seriamente alla possibilità di salire su un palcoscenico a 17 anni, cominciando a fare spettacoli in pizzeria con un amico della parrocchia. Poi, a 23 anni, ho capito che dovevo tentare il tutto per tutto e ho lasciato l’università. Dico sempre che ho salvato più vite abbandonando Medicina che se avessi continuato».

Gavetta, passione e determinazione che però non lo fanno affatto sentire arrivato. «Sono e mi sento un esordiente . Non ho nulla da insegnare a nessuno. A dirla tutta, credo che rimanere esordiente nella testa sia davvero il segreto per non sentirsi mai appagati e aver sempre voglia di fare cose nuove. Quando per il pubblico diventi un dato di fatto cominciano i veri problemi perché significa che non hai saputo rinnovarti. E se proprio devo essere sincero, credo che la maggior preoccupazione debba nascere quando ti cominciano a chiamare "maestro"».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 12 febbraio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

«Sono tornato dall'Australia per raccontare la mia terra»

Il videomaker di Lacco, una contrada di Brolo, nel Messinese, dopo alcuni anni trascorsi fuori dall'isola è tornato a casa per dar vita a Sicilian Moments una raccolta di brevi video che vogliono documentare la Sicilia più spontanea, quella fatta di riti e quotidianità, in cui l'elemento principale è la gente comune, per approfondire i tratti dell’io siculo

Francesco Priolo: «Catania è uno dei poli più importanti della fisica internazionale»

Lo studioso di fotoni e nanotecnologie, da cinque anni presidente della Scuola Superiore di alta formazione dell'Università di Catania e tra i pionieri della "fotonica in silicio", spiega come la città etnea, grazie a una intensa collaborazione tra pubblico e privato, sia diventata un'eccellenza per gli studi e la ricerca scientifica, riuscendo a battere persino gli americani

«Sono un narratore di storia, spiego la Sicilia durante l'ultima Guerra»

Un po' giornalista e un po' scrittore, un po' fotografo e un po' storico, per l'etneo Ezio Costanzo l'amore per la sua terra vuol dire profonda passione per la storia. Nell'ultimo libro “L'istante e la storia. Reportage e documentazione fotografica. Dalle origini alla Magnum” ripercorre l'estro e il talento dei più grandi fotoreporter del Novecento

Lidù: «Ho dipinto il marrobbio, l'anima inquieta di Mazara»

L'artista mazarese Linda Denaro, nota come Lidù, è tra gli artefici della rinascità artistica e iconografica del centro storico della città dell'integrazione. Suo è l'omaggio su ceramica al fenomeno naturale che fa ingrossare le acque del fiume Mazàro: «Anche l'umore degli abitanti cambia con il marrobio. E’ un evento che inquieta ma i lupi di mare, sanno che non dura a lungo»

Pietro Bartolo: «Rosi è stato una lampada di Aladino per Lampedusa e i migranti»

Il medico lampedusano, che "Fuocoammare" di Gianfranco Rosi ha reso famoso nel mondo, ospite del Blue Sea Land a Mazara del Vallo, e forte del premio Brancati a Zafferana per "Lacrime di sale", parla del rapporto speciale, nato per caso, con il regista e della sua vita dopo il successo del film: «Continuo a fare il medico nella mia isola ma porto la mia testimonianza di uomo di frontiera nel mondo»

Daniele Petralia: «Mascalucia sarà fucina internazionale della classica»

Il pianista catanese ha un progetto ambizioso: far diventare l’orchestra San Nicolò di Mascalucia, il cui direttore artistico è la moglie, il soprano Alexandra Oikonomou, centro internazionale per la formazione con master class estivi e concerti: «Abbiamo decine di prenotazioni di studenti russi e americani che vogliono fare questa esperienza l’anno prossimo»