domenica 17 febbraio 2019

domenica 17 febbraio 2019

MENU

Roberto Lipari: «Vivo il palcoscenico come terapia... per liberarmi»

Sugnu sicilianu

Dopo i piccoli locali, la ribalta televisiva di "Eccezionale veramente" e l'esperienza sul set cinematografico, il comico palermitano è in questi giorni in scena alla Sala Harpago di Catania (fino al 18 febbraio) con il suo fortunato "Battipanni Lipari tutto", un gioco di parole che è la metafora della liberazione nel gioco nascondino... ma solo a Palermo


di Maria Enza Giannetto

«Sono un comico e trovo sia bellissimo fare un mestiere che si chiama con un aggettivo, come il “creativo”. Suona benissimo».
Il palermitano Roberto Lipari, 27 anni, è orgoglioso di essere riuscito, in pochi anni a fare della comicità la sua professione. Complici anche la vincita del talent Eccezionale veramente nel 2016 (programma che ha poi co-condotto insieme con Francesco Facchinetti) e l’approdo nel cast di Colorado nel 2017. Ironico, sagace, pungente, Lipari ha fatto dei suoi monologhi dei veri e propri sketch teatrali di divertimento e riflessione come nello spettacolo Battipanni Lipari tutto, monologo in scena fino al 18 febbraio alla Sala Harpago - Gatto Blu di Catania.

«Ora che giro per l’Italia con questo spettacolo - racconta - mi è stata smontata la teoria che avevo sin da piccolo quando credevo che Battipanni liberi tutti fosse la frase internazionale usata quando chi gioca ad acchiapparello salva tutti. Ho scoperto che non è affatto così. Mi piaceva, comunque, il gioco di parole tra il mio cognome e liberi e poi la metafora della liberazione nel nascondino rende benissimo l’idea di quello che avviene durante lo spettacolo quando, io che vivo il palcoscenico come terapia, riesco a liberarmi di quello che ho dentro»

Una terapia che riesce a liberare anche dai mal di pancia di una realtà spesso difficile da gestire e che, nello spettacolo del comico palermitano - accompagnato dalle musiche del chitarrista-spalla Roberto Anelli - si snoda tra monologhi, battute a raffica, pensieri e riflessioni. «Ho voluto incentrare tutto sulla notizia della nascita di un figlio e la possibile paternità a soli 26 anni – spiega Lipari –. È un modo per utilizzare il pubblico come valvola di sfogo e inserire le riflessioni sui temi più caldi quali la famiglia, il futuro dei giovani, la politica, il lavoro mescolati a momenti teatrali in cui si ironizza sui grandi temi che attanagliano la nostra Terra e la mia generazione».

Il successo ha confermato allo stesso Lipari di aver fatto la scelta giusta abbandonando gli studi di medicina al 3° anno. «Sin da piccolissimo – racconta – ero il simpaticone del gruppo, quello che faceva sempre battute ma, ammetto, che non riuscivo a considerarlo come un possibile mestiere. Divoravo, da spettatore, qualunque tipo di spettacolo comico, ma ho cominciato a pensare seriamente alla possibilità di salire su un palcoscenico a 17 anni, cominciando a fare spettacoli in pizzeria con un amico della parrocchia. Poi, a 23 anni, ho capito che dovevo tentare il tutto per tutto e ho lasciato l’università. Dico sempre che ho salvato più vite abbandonando Medicina che se avessi continuato».

Gavetta, passione e determinazione che però non lo fanno affatto sentire arrivato. «Sono e mi sento un esordiente . Non ho nulla da insegnare a nessuno. A dirla tutta, credo che rimanere esordiente nella testa sia davvero il segreto per non sentirsi mai appagati e aver sempre voglia di fare cose nuove. Quando per il pubblico diventi un dato di fatto cominciano i veri problemi perché significa che non hai saputo rinnovarti. E se proprio devo essere sincero, credo che la maggior preoccupazione debba nascere quando ti cominciano a chiamare "maestro"».


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 12 febbraio 2018





TI POTREBBE INTERESSARE

Davide Campisi, la musica come "pane quotidiano"

Il musicista folk ennese, suonatore di tamburi a cornice, forte di vent'anni buoni trascorsi a lavorare nell'azienda di panificio e pasticceria di famiglia, ha mantenuto saldo il rapporto con la gente che gli fa vivere con facilità il senso del popolare: «La musica è "pane quotidiano". L’hobby della musica non esiste. La musica è una vocazione, fa parte del tuo essere»

Roberta Urso: «Privilegiata perché lavoro nella mia terra e per la mia terra»

Giornalista mancata, la neo delegata siciliana dell'Associazione Donne del Vino, eletta all’unanimità dalle 17 socie dell'Isola - «Sentirete parlare di noi» afferma -, oggi è ben felice di fare la responsabile delle pubbliche relazioni di Cantine Settesoli, la più grande cooperativa vitivinicola d'Europa: «Sarà perché sono di Marsala, ma il vino ce l’ho nel sangue»

Giuseppe Rapisarda: «Portiamo i libri alle persone nella loro quotidianità»

Ha varcato i confini regionali contagiando anche il Nord Italia l'iniziativa "Lascia un libro, prendi un libro" ideata dal chimico belpassese, appassionato di viaggi. L'idea, mutuata da varie realtà simili sparse nel mondo, è stata personalizzata anche con fini sociali: «Meglio un libro che la ludopatia. L'operaio che trova un volume al bar o dal ferramenta, prima o poi lo sfoglierà»

Marco Consoli
il George Clooney d’Italia è catanese

Il bel brizzolato che campeggia nella cartellonistica pubblicitaria di cinque continenti è anche attore, produttore, promotore culturale ma, soprattutto, uno tra i 20 modelli over 50 più seguiti al mondo su Instagram. Ma non è sempre stato così, fino a 18 mesi fa la vita di Marco, siciliano di nascita ma trentino d'adozione, era un'altra...

Ezio Scandurra: «Mi sento più un giocoliere che un teatrante»

L'artista acese crea nella sua bottega di Guardia marionette mostruose ma divertenti (diavoli che ancheggiano, dee che ballano, mostri che ondeggiano) mescolando materiali e forme diverse e giocando sull’alterazione estetica: un inquinamento creativo che ha alimentato attraverso lo studio di materiali riciclati e nuove tecniche

Gabriella Anca Rallo è Commendatore della Repubblica

La signora "Donnafugata" viene insignita del prestigioso titolo per i suoi meriti non solo nell'affermazione del vino siciliano nel mondo, ma anche per la sua valorizzazione del ruolo della donna. La cerimonia domenica 4 novembre a Trapani, in occasione della giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate