martedì 12 dicembre 2017

martedì 12 dicembre 2017

MENU

Riapre a Palermo il Teatro Nuovo Montevergini

Teatro

Lo spazio teatrale fondato da Alfio Scuderi torna a vivere con "#cittàlaboratorio-Teatro e idee in movimento", progetto che intende valorizzare il patrimonio di scritture e tracciare una mappa della nuova creatività


di Redazione SicilyMag

Sotto l’egida dell’Assessorato alla Cultura del Comune e del Teatro Biondo, nasce a Palermo, al Teatro Nuovo Montevergini (lo spazio teatrale creato nel 2005 da Alfio Scuderi nella chiesa del convento di Santa Maria delle Grazie di Montevergini ) il progetto #cittàlaboratorio – Teatro e idee in movimento.
Partendo simbolicamente dalla forte identità culturale generata da autori che hanno raccontato Palermo, #cittàlaboratorio intende valorizzare il patrimonio di scritture e, al contempo, tracciare una mappa della nuova creatività, coinvolgendo e sostenendo concretamente le energie artistiche, le commistioni culturali e stilistiche, i giovani artisti. In occasione di Palermo Capitale dei Giovani 2017 e in vista di Palermo Capitale della Cultura 2018, #cittàlaboratorio avvia un laboratorio creativo, uno spazio aperto di discussione e di produzione.

Il Teatro Nuovo Montevergini

«Con questo progetto il Nuovo Montevergini rientra nel circuito culturale della città – dice il direttore del Teatro Biondo, Roberto Alajmo – Un obiettivo conseguito nel momento di massima espansione del teatro cittadino, per consentire a tutti gli operatori di guardare al futuro senza dimenticare le proprie radici culturali».
«Già sede della Scuola dei Mestieri dello Spettacolo del Teatro Biondo diretta da Emma Dante, che ha portato grandi successi nazionali ed internazionale ai giovani allievi, con Città Laboratorio il Teatro Montevergini conferma la propria vocazione alla sperimentazione ed alla formazione all’arte teatrale, con particolare attenzione ad i giovani talenti del territorio – dichiarano il Sindaco Leoluca Orlando e l’Assessore alla Cultura Andrea Cusumano – L’inserimento nel copioso programma di una sezione dedicata ai drammaturghi della città, Gennaro, Licata, Perriera, Scaldati, collega la storia del teatro palermitano alle nuove generazioni ed anticipa in tal modo uno degli obiettivi fondanti il progetto di Capitale Italiana della Cultura, che è lo sviluppo a base culturale del territorio attraverso la valorizzazione del proprio patrimonio culturale materiale ed immateriale ed al contempo la promozione delle eccellenze locali in un’ottica di rinnovamento. Percorso per altro tracciato dalla staffetta tra Capitale Italiana dei Giovani 2017 e capitale Italiana della Cultura 2018».

Roberto Alajmo - ph Rosellina Garbo

Il progetto è partito nei giorni scorsi con il laboratorio di teatro sensoriale La poetica dello spazio, lo stupore, il rischio e la trasformazione condotto da Gabriel Hernández e Pancho García, membri fondatori del Teatro de los Sentidos, al quale hanno preso parte venti giovani performer (under 35) e che si è concluso con una presentazione al pubblico emozionante e partecipata.
Il 14 dicembre #cittàlaboratorio entrerà nel vivo affrontando il tema “La poetica della città attraverso lo spazio teatrale”, con la messa in scena di Ai quattro punti del mondo, muovono arcangeli il vento ed i colori (in scena fino al 16 dicembre), drammaturgia in quattro quadri dedicata all’opera di Vincenzo Consolo. Un progetto teatrale di Alfio Scuderi con Filippo Luna, Stefania Blandeburgo, Gaia Insenga, Chiara Muscato, con la danzatrice Giovanna Velardi e le musiche eseguite dal vivo da Gianni Gebbia e Dario Sulis; le scene e le installazioni video sono di Enzo Venezia.

Ai quattro punti del mondo… è un percorso drammaturgico disegnato proprio negli spazi del Nuovo Montevergini, una creazione originale e inedita dedicata all’opera di Consolo, le cui parole risuoneranno nei diversi ambienti evocando una città che l’autore siciliano spesso ha raccontato. Un racconto duro, emotivo, che traccia la storia drammatica di una città lacerata dalla guerra di mafia, divisa dalle sue stesse contraddizioni, travolta dalla politica degli anni neri. Tuttavia le parole di Consolo, adattate nel percorso drammaturgico dal regista, ci guidano verso una fisiologica reazione, l’ideale catarsi di una città che si rialza e reagisce.
Il 17 dicembre, alle 18.00, la platea del Montevergini accoglierà una giornata di riflessione su I drammaturghi di Palermo, dalla memoria al futuro, curata da Guido Valdini, alla quale prenderanno parte Matteo Di Gesù, Roberto Giambrone,Salvatore Rizzo, Piero Violante, che parleranno di quattro autori esemplari: Nino Gennaro, Salvo Licata, Michele Perriera e Franco Scaldati.

A seguire, alle 21.15, andrà in scena la performance Palermo d’autori: Gennaro/Licata/Perriera/Scaldati; gli attori Serena Barone, Aurora Falcone, Costanza Licata, Salvo Piparo, Giuditta Perriera, Gianfranco Perriera, Massimo Verdastro ricorderanno i quattro autori palermitani, attraverso i loro testi, con le musiche di Salvatore Bonafede eseguite dal vivo, le luci e video curati da Michele Ambrose e la regia di Umberto Cantone.
Gli incontri, i laboratori, il premio e le performance hanno l’obiettivo di immaginare un archivio vivente del patrimonio drammaturgico palermitano, nella convinzione che l’essenza di Palermo è in primo luogo la propria lingua, che ha trovato nella forma teatro una delle sue più dinamiche espressioni. Un progetto articolato, che intende avviare una ricognizione critica delle poetiche espresse da un gruppo di drammaturghi, che tale identità hanno contributo a far emergere e a diffondere, inaugurando tendenze e fondando metodi ispiratori delle più significative esperienze della nuova scena. La loro eredità, assimilata, dibattuta, ripensata, è il punto di partenza per le nuove generazioni di scrittori e drammaturghi.

Palermo Capitale dei giovani 2017 e Palermo Capitale della cultura 2018, trovano una sintesi nel Premio teatrale Città di Palermo #cittàlaboratorio, che si rivolge agli artisti siciliani under 35, con lo scopo di premiare, attraverso la produzione dello spettacolo, il progetto ritenuto più interessante da un osservatorio critico. Una vera opportunità creativa e produttiva per i giovani artisti siciliani che, grazie al premio, potranno entrare in relazione con due prestigiose istituzioni teatrali: le Orestiadi di Gibellina e il Teatro Biondo. Il progetto vincitore, infatti, riceverà una quota di produzione pari a 10.000 euro così suddivisi: 2.000 euro per presentare un’anteprima del lavoro alle Orestiadi di Gibellina nel luglio 2018 e 8.000 euro per presentare il lavoro definitivo presso il Teatro Biondo di Palermo nell’ottobre 2018.

Sono 13 i progetti selezionati, che presenteranno i loro studi al Nuovo Montevergini il 18 e 19 dicembre, nel corso delle selezioni aperte al pubblico.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 05 dicembre 2017





TI POTREBBE INTERESSARE

Con "MusT" si riapre il sipario del Teatro Musco di Catania

Presentato il nuovo progetto teatrale ideato dal regista Giuseppe Dipasquale con l'attrice Valeria Contadino e i produttori Salvo Costantino, Marco Vinci e Roberta Russo, che rimette in gioco il palcoscenico catanese, per molti anni uno dei teatri in uso al Teatro Stabile, chiuso da un anno

Mario Incudine e Teatro di Enna, una sinergia che durerà altri tre anni

Per il Teatro Garibaldi, l'Amministrazione comunale ennese ha riconfermato come direttore artistico il poliedrico artista, figlio illustre della città, fino al 2019/2020. Dal 29 novembre si riparte con "Filumena Marturano" con Geppi Gleijeses e Mariangela D'Abbraccio. Incudine: «Al di là dei titoli importanti, il teatro sia luogo radicato nel territorio»

Verga in scena al Bellini che guarda al festival nel segno del Cigno

Presentata la stagione lirica dell'ente lirico catanese alla presenza del ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini. In cartellone 5 opere (tra le quali un'inedita Storia di una capinera firmata da Gianni bella e Mogol) e due balletti. E, grazie al sostegno ministeriale, punta al progetto del "Teatro Bellini festival"

Ecco il bando per il nuovo direttore dello Stabile di Catania

Già annunciato, il Cda del Teatro Stabile di Catania, presieduto da Carlo Saggio, ha indetto il bando per trovare il nuovo direttore dell’ente. Candidature e curricula dovranno essere inviati via pec entro del 18 del 15 novembre. E' richiesto un progetto triennale che deve far mantenere all'ente la qualifica di “Teatro di rilevante interesse culturale”

Il Centro Zo porta Daniel Pennac in scena a Catania

Lo spettacolo con lo scrittore francese fa parte della 12esima edizione della rassegna di teatro contemporaneo Altrescene che da ottobre a maggio propone 16 spettacoli

Regina Margherita, Moni Ovadia passa il testimone a Aldo Rapè

Presentata la stagione 2017/2018 del teatro comunale nisseno firmata per il terzo anno consecutivo dallo strepitoso interprete della cultura yiddish che si è congedato da Caltanissetta a conclusione del suo incarico triennale, proponendo come suo successo l'attore e regista nisseno, che vanta un'esperienza internazionale