Recuperate a Santa Flavia cinque anfore databili tra il I e il III secolo a.C.

Sicilia antica I reperti archeologici, recuperati dai Carabinieri, sono stati affidati in custodia alla struttura museale del parco archeologico Hymera, Solunto e Jato e, secondo le prime dichiarazioni, sembrano essere stati rinvenuti sul fondale marino nel corso di una battuta di pesca

Preziosi reperti archeologici databili, ad una prima analisi, tra il I e il III secolo a.C. e illecitamente detenuti nelle abitazioni di privati a Santa Flavia, sono stati affidati in custodia alla struttura museale del parco archeologico Hymera, Solunto e Jato. Le cinque anfore in terracotta e i frammenti di anfore di grande interesse storico-artistico, secondo le prime dichiarazioni, sembrano essere state rinvenute sul fondale marino nel corso di una battuta di pesca.

L’operazione di recupero è stata compiuta dai Carabinieri della Compagnia di Bagheria, con la collaborazione del nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Palermo, che hanno recuperato i beni. «Grazie all’azione di contrasto dei Carabinieri che hanno agito attraverso il Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale – ha dichiarato l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – sono stati recuperati preziosi reperti archeologici. È attraverso l’opera di contrasto quotidiano svolta con efficacia di strumenti ed interventi mirati, che abbiamo possibilità di arginare l’allarmante fenomeno della depauperazione del nostro territorio»

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.