Palermo, riapre la Palazzina Cinese

Beni culturali L'antica dimora reale dei Borbone realizzata da Giuseppe Venanzio Marvuglia a partire dal 1799 riapre dopo la risoluzione di alcune criticità riguardanti i servizi igienici e l’adeguamento ai protocolli antiCovid

Da sabato 3 luglio la Casina Cinese di Palermo sarà riaperta al pubblico. Comunemente nota come Palazzina Cinese, è un’antica dimora reale dei Borbone realizzata da Giuseppe Venanzio Marvuglia a partire dal 1799 su commissione di Ferdinando III di Sicilia. L’opera si presenta con uno stile estremo orientale: il corpo centrale termina in alto con un tetto a pagoda sorretto da un tamburo ottagonale. La Casina cinese si trova margine del Parco della Favorita, ai confini della Riserva di Monte Pellegrino.

La riapertura avviene dopo che sono state risolte alcune criticità riguardanti i servizi igienici e l’adeguamento della struttura ai protocolli antiCovid. In attesa della realizzazione di una soluzione permanente, infatti, si è provveduto a collocare delle strutture mobili che consentono di riprendere le visite.
«In attesa di trovare una soluzione definitiva al problema dei servizi igienici – dice l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – ho richiesto alla Soprintendente dei Beni culturali di Palermo, Selima Giuliano, di trovare una soluzione temporanea che consentisse di restituire alla pubblica fruizione il pregiato edificio, espressione dell’eclettismo siciliano. Tenere chiusa la Palazzina Cinese sarebbe stato assurdo in un periodo di ripresa delle attività culturali e nel quale, finalmente, anche i turisti hanno ricominciato a frequentare Palermo e gli altri luoghi della Sicilia»

Casina Cinese
Viale Duca degli Abruzzi, 1, Palermo
Aperto dal martedì al giovedì dalle ore 9.00 alle 13.00 (ultimo ingresso);
venerdì e sabato dalle 9.00 alle 18.00 (ultimo ingresso);
prima domenica del mese ore 9.00-13.00 (ultimo ingresso).
Lunedì chiuso
Ingresso gratuito

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.