Lutto nel mondo dell’arte, è morto il pittore Piero Guccione

E’ morto all’età di 83 anni all’ospedale di Modica, dove era ricoverato da qualche giorno, il pittore Piero Guccione. Artista di livello internazionale anche per la sua sublime visione del Mediterraneo, era il punto di riferimento del ‘Gruppo di Scicli’ che raccoglie diversi pittori realisti. Nato a Scicli, è stato assistente di Renato Guttuso dal 1966 al 1969 per la cattedra di pittura dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Ha partecipato a importanti esposizioni pubbliche, nazionali e internazionali. Nel 1984 l’Hirshhorn Museum di Washington lo ha invitato alla mostra internazionale Drawings 1974-84. Nel 1985 è stato invitato dal Metropolitan Museum of Art di New York/The Mezzanine Gallery per un’antologica di grafica. Sue opere grafiche figurano nella collezione permanente del Museo. Ha partecipato alla X e alla XII edizione della Quadriennale (1972 e 1992). E’ stato invitato a diverse edizioni della Biennale di Venezia.

Piero Guccione

«La morte di Piero Guccione, oltre a lasciare un vuoto incolmabile nel panorama artistico italiano, si porta via un pittore che ha rappresentato in modo sublime il Mediterraneo – ha scritto in una nota Salvatore Piazza, Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa – Guccione sapeva infondere generosamente tutto se stesso nella sua arte: sentimenti, passioni, ideologia, spirito sempre fiero e coerente nella battaglia per il rinnovamento della pittura italiana e fino alla fine nella difesa e attuazione dei suoi principi ideologici e pittorici. I suoi dipinti , sia i maggiori sia i minori, riflettono il “fuoco della loro origine” e lasciano tralucere la sua anima poiché in essi è impressa profondamente la sua “umanità”, il suo modo d’essere uomo fra gli uomini»

Il funerale civile si terrà a Scicli, in piazza Municipio, martedì 9 ottobre alle ore 18. Le ceneri dell’artista saranno sepolte nel cimitero di Scicli.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.