L’itinerario arabo-normanno di Palermo e Monreale si rifà il look

Beni culturali Previsti interventi per migliorarne la funzionalità e la fruizione al Castello della Zisa e al Complesso monumentale di San Giovanni degli Eremiti di Palermo e al Complesso monumentale del Chiostro dei Benedettini di Monreale

Partono i cantieri al Castello della Zisa, al Complesso monumentale di San Giovanni degli Eremiti a Palermo e al Complesso monumentale del Chiostro dei Benedettini di Monreale per realizzare lavori di miglioramento della funzionalità degli edifici e garantire una migliore fruizione da parte dei visitatori.
I tre siti, che rientrano nell’itinerario arabo-normanno patrimonio dell’UNESCO, saranno interessati da opere che prevedono una durata massima di tre mesi. Gli interventi, che incideranno complessivamente per 221.516 euro, sono stati progettati dalla Soprintendenza dei Beni Culturali di Palermo che seguirà anche i lavori, e finanziati grazie alla legge regionale n. 9 del 2020 destinata proprio ai beni riconosciuti dall’UNESCO.

Palermo, Castello della Zisa

«Le opere che andremo a realizzare – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – sono funzionali alla buona manutenzione dei beni e a consentire una migliore fruizione da parte di tutti i visitatori. Si tratta di opere che dalla Soprintendente dei Beni culturali, Selima Giuliano e dai nostri tecnici sono state ritenute necessarie per migliorare le condizioni di luoghi riconosciuti da tutto il mondo come unici e che, grazie ai lavori che andremo ad effettuare, potranno aumentare la loro capacità attrattiva. È proprio su questo che possiamo costruire circuiti virtuosi che inducano il visitatore ad allungare la propria permanenza in Sicilia alla scoperta dell’inesauribile patrimonio che la nostra Terra è in grado di offrire»

Palermo, Complesso monumentale di San Giovanni degli Eremiti

In particolare, le opere da realizzare riguardano il Castello della Zisa di Palermo – che già nel novembre scorso ha ricevuto dall’Assessorato dei Beni culturali un intervento di ristrutturazione per un milione di euro (primo intervento dopo trent’anni) – e che sarà ora interessato da opere che riguardano la realizzazione di un piano inclinato per superare il dislivello esistente tra il piano del viale d’ingresso ed il piano di calpestio del Castello così da adeguare il sito alla normativa in materia di abbattimento delle barriere architettoniche e consentire l’accesso ai soggetti con disabilità motorie. È prevista, inoltre, la manutenzione degli infissi in legno, il restauro delle vasche e il ripristino del funzionamento della Fontana. Le opere, per quasi 35 mila euro, saranno realizzate dalla Pugliesi Costruzioni s.r.l. di Alcamo. Sempre a Palermo, il Complesso monumentale di San Giovanni degli Eremiti verrà dotato di un ascensore esterno per abbattere le barriere architettoniche e consentire l’accesso ai soggetti con disabilità. L’intervento, per poco più di 30.000 euro, sarà realizzato dalla Ditta Sansone Lift s.r.l. di Palermo.

Monreale, Complesso monumentale del Chiostro dei Benedettini

Per quanto riguarda, infine, il Complesso monumentale del Chiostro dei Benedettini di Monreale, verranno effettuati interventi di miglioramento del percorso di visita all’interno dell’ex Dormitorio dove sono previsti interventi sugli impianti di illuminazione e climatizzazione. Inoltre verrà adeguato l’impianto di videosorveglianza esistente e saranno realizzate nuove vetrine espositive per ospitare parati, paliotti e manufatti di varia natura. Lo spazio prospiciente il chiostro, infine, verrà allestito con apparecchiature per video-proiezioni. L’intervento inciderà per complessivi 153.500 euro e sarà realizzato dalla ditta Busarredi s.n.c. di Palermo.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.