Le Supplici

Eventi Moni Ovadia apre il 51° Ciclo di rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa: con lui sul palco, dal 15 maggio al 26 giugno, Angelo Tosto, Marco Guerzoni, Donatella Finocchiaro, Mario Incudine e il cantante Faisal Taher

Danao ed Egitto, figli di Belo, re d’Egitto,entrano in conflitto. Il primo è padre di cinquanta figlie e il secondo di cinquanta maschi che vogliono prendere per spose le figlie di Danao. Sia Danao che le figlie rifiutano il matrimonio e fuggono su una nave che li porta ad Argo, patria della loro progenitrice Io. I Pelasgi che occupano l’Argolide accettano di dare asilo ai fuggitivi e respingono un tentativo degli Egizi, sopraggiunti a loro volta, di impadronirsi delle cugine. Nelle tragedie successive che completavano la trilogia, e di cui ci sono arrivati pochissimi frammenti, Danao era costretto a cedere e le nozze si celebravano; ma la stessa notte ognuna delle figlie di Danao, su ordine del padre, sgozza il proprio marito. Una sola delle Danaidi, Ipermestra, risparmia il suo sposo, Linceo. Dall’unione tra Ipermestra e Linceo discende la dinastia dei re di Argo e da quel giorno i Pelasgi diventano i Danai. Le Supplici di Eschilo facevano parte di una trilogia composta da Supplici, Figli di Egitto e Danaidi, seguita da un dramma satiresco Amirnone. Fu rappresentata per la prima volta al teatro di Dioniso in Atene, probabilmente nel 463 a.C.

Moni Ovadia e i musicisti durante le prove de Le Supplici - foto Gianni Carnera

Moni Ovadia e i musicisti durante le prove de Le Supplici – foto Gianni Carnera

Le SUPPLICI di Eschilo

Traduzione Guido Paduano
Adattamento scenico in siciliano e greco moderno Moni Ovadia, Mario Incudine, Pippo Kaballà
Regia Moni Ovadia
Regista collaboratore Mario Incudine
Scene Gianni Carluccio
Costumi Elisa Savi
Musiche Mario Incudine
Movimenti coreografici Dario La Ferla
Assistente scenografo Sebastiana Di Gesù
Assistente musicale Antonio Vasta
Ingegnere del suono Ferdinando Di Marco
Progetto audio Vincenzo Quadarella
Progetto luci Elvio Amaniera
Costumista assistente e responsabile sartoria Marcella Salvo
Responsabile trucco e parrucco Aldo Caldarella
Direttore di scena Vincenzo Campailla, Ilario Grieco
Fotografi di scena Gianni Luigi Carnera, Maria Pia Ballarino

Con, in ordine di apparizione: Mario Incudine, Angelo Tosto, Donatella Finocchiaro, Rita Abela, Sara Aprile, Giada Lorusso, Elena Polic Greco, Alessandra Salamida, Moni Ovadia, Marco Guerzoni, e i musicisti Faisal Taher (voce egizia), Antonio Vasta(fisarmonica e zampogna), Antonio Putzu (fiati), Manfredi Tumminello (chitarra e bouzouki), Giorgio Rizzo(percussioni)
Accademia d’Arte del Dramma Antico, sezione scuola di teatro”Giusto Monaco”: Delfina Balistreri, Federica Cavallaro, Aurora Cimino, Carla Cintolo, Cinzia Coniglione, Eleonora De Luca, Alice Fusaro, Desiree Giarratana, Clara Ingargiola, Laura Ingiulla, Virginia La Tella, Maddalena Serratore, Nadia Spicuglia, Sabrina Sproviero ,Arianna Vinci, Claudia Zappia, Alessia Ancona, Cristina Coniglio, Giulia Goro, Giulia Navarra, Alfonso Maria Biuso, Andrea Cannata, Michele Cervello, Corrado Drago, Gabriele Formato, Gianni Luca Giuga, Marcello Gravina, Elvio La Pira, Marcello Manzella, Vincenzo Paterna, Paolo PIntabona, Bruno Prestigio, Francesco Torre, Antonio Bandiera, Dario Battaglia,Alessandro Burzotta, Matteo Francomano, Domenico Macrì, Vladimir Randazzo

Costumi Laboratorio di sartoria Fondazione Inda Onlus
Scenografie Laboratorio di scenografia Fondazione Inda Onlus

Repliche di Maggio, ore 18.45
Ven 15, Lun 18, Gio 21, Dom 24, Mer 27, Sab 30

Repliche di Giugno, ore 19
Mar 2, Ven 5, Lun 8, Gio 11, Dom 14, Mer 17, Sab 20, Mar 23, Ven 26

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.