Le ricerche dell’Università di Catania su “Linea verde Life” di Rai Uno

L'Isola e i media I conduttori Marcello Masi e Daniela Ferolla hanno intervistato docenti e studenti su alcune ricerche condotte dall’ateneo catanese che saranno presentate nella puntata che andrà in onda sabato 23 novembre su Rai Uno

Le ricerche dell’Università di Catania approdano su “Linea Verde Life”, la nota trasmissione di Rai 1 dedicata alla sostenibilità urbana in tutte le sue accezioni: dall’eco al bio, dallo smart al green. Nei giorni scorsi i conduttori Marcello Masi e Daniela Ferolla – insieme con l’autrice del programma Isabella Perugini, il regista Fabrizio Settimio e gli operatori della trasmissione – hanno intervistato docenti e studenti su alcune ricerche condotte dall’ateneo catanese, che saranno presentate nella puntata che andrà in onda sabato 23 novembre su Rai 1 (dalle 12,20 alle 13,20).

Le riprese di Linea Verde a Catania: Marcello Masi e la dottoranda Martina Stagnitti

I conduttori di Linea Verde Life hanno approfondito, con la dottoranda Martina Stagnitti, al molo di Levante del porto di Catania, la ricerca dal titolo “Adattamento delle opere di difesa costiera ai cambiamenti climatici” condotta dal Dipartimento di Ingegneria civile e architettura dell’Università di Catania. Un progetto nato dalla collaborazione tra l’Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Orientale e il Dicar per studiare interventi di manutenzione straordinaria di strutture esistenti da sfruttare come soluzioni di adattamento ai cambiamenti climatici. Attualmente è in corso una campagna sperimentale su modello fisico nell’ambito dell’attività di ricerca per l’ottimizzazione del progetto di rifiorimento della mantellata del molo foraneo del porto di Catania.
Con il prof. Rosario Lanzafame, inoltre, le telecamere della Rai si sono soffermate su “Vulcan-Fury”, il prototipo di auto ibrida realizzato dal team etneo “Eco Hybrid Katane” che è stato ripreso in azione sulla pista “Santa Venera – Circuito dell’Etna” di Acireale. Il modello di auto a trazione interamente elettrica – realizzato dal team composto da trenta studenti dei dipartimenti di Ingegneria dell’Università di Catania -, grazie al nuovo sistema di alimentazione “Ibrido Serie”, trasforma l’energia meccanica di un motore a combustione interna in elettricità immagazzinata in super condensatori, potrebbe cambiare la mobilità urbana. Nel luglio scorso, a Londra, in occasione della “Shell Eco Marathon”, il prototipo “Vulcan Fury” è riuscito ad entrare nella top ten delle vetture Urban-Concept di tutto il mondo.
Infine, la troupe di Linea Verde Life ha ripreso la Test Box di Archicart alla Cittadella universitaria, il primo prototipo abitativo al mondo con struttura portante in cartone ondulato, costruito da 31 studenti di Ingegneria edile-architettura dell’Università di Catania a conclusione di un progetto di alta formazione promosso dal Dicar in partnership con la start up innovativa Archicart. Nel corso del “viaggio” etneo spazio anche al luogo simbolo della città, l’Etna, con le attività di monitoraggio che svolge l’Ingv alle pendici del più grande e più alto vulcano d’Europa. E ancora argomenti come la coltivazione in acquaponica, la forestazione urbana e i dromedari allevati alle pendici dell’Etna.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.