L’Ateneo palermitano contro la fuga dei cervelli

Video "Ribelli sempre", lo spot dell'Università di Palermo per incoraggiare i giovani a studiare in città

Due storie di “ribellione” e di coraggio per incoraggiare i giovani a rimanere a studiare in città e arrestare la fuga dei cervelli. Le racconta “Ribelli sempre”, il nuovo spot per le iscrizioni 2015/2016 dell’Università di Palermo, presentato allo Steri nell’ambito del programma di Univercittà.
Nello spot si intrecciano le storie di Rosa – personaggio ispirato alla figura di Rosalia Sinibaldi, venerata oggi come Patrona dalla città di Palermo – e Lia, due giovani donne che, in epoche diverse, scelgono di intraprendere un percorso di vita coraggioso e fuori dagli schemi. Il video è stato ideato e realizzato anche quest’anno dagli studenti di Scienze della comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità dell’Ateneo.
Rosa, interpretata da Francesca Madonia, studentessa del terzo anno di Scienze della comunicazione per le culture e le arti, nel corto trova la forza di dare ascolto alla propria vocazione rifiutando il matrimonio impostole dalla sua famiglia. A vestire i panni di Lia, una giovane dei giorni nostri che decide di rimanere a studiare nella propria città, è Roberta Benigno, classe 1990, che lavora nel campo della fotografia e organizza festival musicali. «Nell’ambito delle attività di comunicazione dell’Ateneo – ha dichiarato il rettore Roberto Lagalla – viene realizzato ogni anno, con il diretto intervento degli studenti, lo spot promozionale destinato a sostenere la campagna di iscrizioni. Quest’anno esso è significativamente dedicato alla scelta universitaria consapevole e al valore speciale racchiuso nell’optare per lo studio nella propria terra, consegnando a questa scelta la speranza di futuro e di progetto»

Prodotto dall’agenzia di comunicazione Feedback con la regia di Sergio Cannella, lo spot ha visto gli studenti in prima linea: dall’ideazione in aula ai ciak. Il video è stato girato a Palermo all’interno della riserva naturale di monte Pellegrino e in diversi luoghi di viale delle Scienze, tra cui il Polididattico e l’aula magna Vincenzo Li Donni. Il cortometraggio è stato realizzato grazie al supporto di Banca Nuova – che riserverà agli studenti che intendono iscriversi all’Università degli Studi di Palermo la possibilità di usufruire di un finanziamento a tasso zero per il pagamento delle tasse universitarie – ed R. Star, la concessionaria ufficiale Mercedes–Benz di Palermo che ha messo a disposizione la nuova Mercedes Classe A 160, utilizzata per alcune riprese dello spot. I costumi d’epoca utilizzati durante le riprese, invece, sono stati concessi dall’Associazione Palio dei Sestrieri di Misilmeri. Lo spot, messo in Rete dal Rettore Roberto Lagalla al termine della presentazione, sarà veicolato attraverso Internet, mirando a diventare virale come le produzioni degli anni precedenti attraverso gli hashtag #ribellisempre, #unipa e #noidiunipaviralciak, che già circolano da giorni sui social network.

«Nell’ambito delle attività di comunicazione dell’Ateneo – dichiara il rettore Roberto Lagalla – viene realizzato ogni anno, con il diretto intervento degli studenti, lo spot promozionale destinato a sostenere la campagna di iscrizioni. Quest’anno esso è significativamente dedicato alla scelta universitaria consapevole e al valore speciale racchiuso nell’optare per lo studio nella propria terra, consegnando a questa scelta la speranza di futuro e di progetto»
La presentazione di “Ribelli Sempre”, è stata anche l’occasione per ripercorrere le tappe del progetto “Noi di Unipa Viral Ciak”: sono stati proiettati, infatti, gli spot che – dal 2011 fino ad oggi – sono stati realizzati dagli studenti di Scienze della comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità.
«Da anni parliamo di Univercittà – ha spiegato Gianfranco Marrone, delegato del rettore per la comunicazione durante la presentazione – di intreccio felice fra ateneo e città, e questo spot lo ridice pienamente. Non solo perché usa come testimonial storico Rosalia Sinisbaldi, icona cittadina, ma anche per il messaggio che propone: quello di vivere come ribellione il fatto di restare a Palermo. Non è un paradosso ma una realtà. In una terra e in un’epoca in cui ci sono molti, troppi motivi per andarsene, rimanere a studiare da noi è un gesto fortemente simbolico. E anche un segno di speranza»

Contestualmente alla presentazione degli spot, si è tenuta anche la premiazione dei vincitori del concorso letterario e fotografico “Racconti da Unipa”, organizzato in collaborazione con l’Ersu di Palermo con l’obiettivo di raccontare per parole e immagini la vita quotidiana dell’Ateneo. Premiati, tra una cinquantina di lavori inediti di storytelling candidati, Lorenzo Avola (primo nella sezione testi con “Fiamma di Nerone”) che vince l’esonero dalla tasse fino alla laurea, Leandro Spilla (secondo nella sezione testi con il lavoro “#mainagioia – il giorno prima dell’esame”) che vince un anno di mensa gratuita e Alberto Di Franco (primo nella sezione fotografia con il progetto “Portami a…unipa”, ispirato alle opere di Murad Osmann, noto blogger e fotografo russo che lavora per invogliare i giovani a seguire e scoprire i luoghi dell’Università) che vince l’esonero dalla tasse fino alla laurea. Alla presentazione dello spot sono intervenuti, tra gli altri, i professori Maurizio Carta e Patrizia Lendinara; il presidente dell’Ersu Palermo Alberto Firenze; il presidente di Banca Nuova Martino Breganze; il Sales Manager di Smart R. Star S.p.A. Lorenzo Miraglia; il regista Sergio Cannella; i responsabili della casa di produzione Feedback di Palermo. Al termine della presentazione si è svolto un aperitivo al cortile Abatelli offerto dalla concessionaria R. Star.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.