mercoledì 17 luglio 2019

mercoledì 17 luglio 2019

MENU

La Villa Romana del Casale risplende
grazie a una partnership pubblico-privato

Sicilia antica

Grazie a un accordo tra l’assessorato ai Beni Culturali della Regione Siciliana e il Sicilia Outlet Village nei prossimi mesi partirà il progetto di restauro e valorizzazione del sito di Piazza Armerina


di Redazione SicilyMag

Dare nuova luce all’eccezionale ricchezza della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina, restituire al pubblico il fascino degli incantevoli mosaici di uno dei siti più preziosi dell’antichità, affinché la cultura diventi motore di sviluppo economico e sociale, e pilastro di sostegno per la crescita di un’Isola come la Sicilia. Sono questi gli obiettivi al centro del nuovo progetto di rilancio portato avanti da Sicilia Outlet Village in partnership con l’assessorato ai Beni Culturali della Regione Siciliana.

I mosaici della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina necessari di restauro

La dimora imperiale di Piazza Armerina - la casa patrizia romana costruita tra il I e III secolo, e ampliata nel IV, in cui sono custoditi intatti 3700 metri quadri di mosaici, affreschi, utensili e persino impianti termali - inserita nella World Heritage List dall’Unesco, rinascerà nel nome della valorizzazione del patrimonio territoriale e del turismo esperienziale grazie all’impegno e al valore etico che hanno da sempre caratterizzato l’identità del Village.
Un connubio che darà il via per i prossimi tre mesi ad un programma d’interventi di conservazione e manutenzione ordinaria degli apparati decorativi musivi della Villa Romana, che verranno eseguiti dai tecnici restauratori della cooperativa Properart - Professionisti per l’arte: un atto importante che rientra nella mission di Sicilia Outlet Village, punto di riferimento per lo shopping esclusivo ma anche player responsabile dell’esigenze del territorio che lo accoglie, capace di coniugare il meglio della cultura e della leisure di alto livello.

Lo stato attuale dei mosaici della Villa Romana del Casale

Il progetto di sponsorizzazione prevede la costituzione di un’operazione conservativa effettuata sugli apparati decorativi pavimentali e parietali della Villa, secondo quanto concordato con il polo museale di Piazza Armerina. Il team di restauratori, abilitati ai sensi del d.lgs n.42/2004 e composto da Raffaella Greca, Roberta Campo, Angelina Castiglia, Marina Di Majo, Gianfranco Di Miceli e Ginevra Lo Sciuto, eseguirà una serie di operazioni manutentive che consentiranno in primo luogo l’eliminazione di depositi e materiali pregiudizievoli quali polvere, detriti, alghe e batteri, per poi procedere alla messa in opera di attività di preconsolidamento e ristabilimento dell’adesione delle tessere dei mosaici. In tutti gli ambienti della Villa, infatti, in maniera diffusa e più o meno evidente, si sono verificati fenomeni di sollevamento e distacco delle tessere musive dalle malte di allettamento, che verranno stabilizzate e opportunamente protette.
Un’iniziativa fortemente voluta dal Sicilia Outlet Village che riesce ad abbattere il dualismo pubblico/privato con l’obiettivo di promuovere il turismo ed avviare un dialogo che renda possibile la comprensione e la divulgazione dei valori storici e archeologici siciliani. La comunità locale e i turisti interessati, inoltre, avranno l’opportunità di conoscere e monitorare lo sviluppo dei lavori attraverso l’iniziativa “Cantiere aperto” e i canali social di Sicilia Outlet Village e di Properart.

Un dettaglio dei mosaici della Villa Romana del Casale di Piazza Armerina

La Villa Romana del Casale è una struttura di epoca tardo imperiale. Per la sua eccezionale ricchezza di elementi architettonici e decorativi, è divenuta oggetto di particolare rilievo all’interno del programma di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio della regione siciliana, la cui gestione è oggi affidata al Parco Archeologico della Villa Romana del Casale e delle aree archeologiche di Piazza Armerina e dei Comuni limitrofi, Istituto dell’Amministrazione Regionale dei Beni Culturali. La Villa, tutelata dall’Unesco dal 1997, è appartenuta ad un esponente dell’aristocrazia senatoria romana, forse un governatore di Roma (Praefectus Urbi); secondo alcuni studiosi fu, invece, costruita e ampliata su diretta committenza imperiale. Per la sua bellezza e complessità, può considerarsi uno degli esempi più significativi di dimora di rappresentanza rispetto ad altri coevi dell’Occidente romano. L’alto profilo del suo committente viene celebrato, in modo eloquente, attraverso un programma iconografico, stilisticamente influenzato dalla cultura africana, che si dispiega, con ricchezza compositiva, in una moltitudine di ambienti a carattere pubblico e privato.



Il Sicilia Outlet Village, punto di riferimento per lo shopping di lusso in Sicilia, conta più di 140 negozi delle più prestigiose firme nazionali e internazionali, tra cui: Gucci, Prada, Polo Ralph Lauren, Versace, Armani, Tod's, Hogan, Fay, Michael Kors, Etro, Hugo Boss, Trussardi, Iceberg, M Missoni, Abercrombie&Fitch, Ferrari Store. Meta per chi ama lo stile e le ultime tendenze, dove esclusività e risparmio si concretizzano con prezzi ridotti fino al 70% tutto l’anno, e cornice suggestiva di relax e divertimento dove trascorrere preziosi momenti.

© Riproduzione riservata
Pubblicato il 19 ottobre 2017
Aggiornato il 27 ottobre 2017 alle 14:33





TI POTREBBE INTERESSARE

«La torre ottagonale di Enna? Fu costruita dai Siculi, non da Federico»

La prima "imbeccata" risale al 1979, ma solo dopo vent'anni di ricerche l'ennese con la passione per l'inchiesta storica è riuscito a trovare ciò che cercava, e a pubblicare anche un libro in cui sostiene, documenti alla mano, che la Torre ennese, ritenuta medievale, sarebbe in realtà un osservatorio astronomico-geodetico costruito dai Siculi

Nuovo vincolo della Regione su Casa Cuseni, a Taormina

La raccolta libraria della sede del Museo delle Belle Arti entra nel Registro delle Eredità Immateriali della Regione siciliana. Parallelamente il Castello di Donnafugata si prepara a far parte dell'Ecomuseo di Ragusa. Entrambe le dimore fanno parte della rete nazionale Case delle Memorie

A Palermo tornano a "ruggire" i leoni del Palazzo Reale

Presentate le due statue marmoree del XII secolo che, dopo il restauro, dal 14 febbraio sono esposte nella sala di Re Ruggero

Ponti sul Simeto, millenni di storia nel culto dell'acqua

Leggere i territori attraverso le infrastrutture antiche. Nel periodo romano c'è stata la prima regolamentazione delle acque delle sorgenti della Valle del Simeto che sono state incanalate in acquedotti e convogliate in stabilimenti termali. Il più importante acquedotto della Sicilia romana nel periodo imperiale, conduceva l'acqua da Santa Maria di Licodia a Catania

Uscibene, un pezzo di storia palermitana alla mercé dell'abusivismo

Nonostante sia un bene vincolato dalla Soprintendenza, il complesso monumentale del capoluogo siciliano, risultato di una stratificazione plurisecolare che probabilmente inizia nel periodo romano e vede i migliori risultati con la cultura musulmana, dopo aver vissuto varie fasi di abbandono e di restauro è stato abbandonato al degrado di oggi

L'Oro di Atlantide è in mostra a Gela

Al Museo archeologico regionale la Soprintendenza del Mare presenta i reperti subacquei recuperati durante le campagne di indagine, tra cui i lingotti che facevano parte di un prezioso carico e due elmi corinzi