La Slc Cgil di Catania e il suo Dipartimento Artisti contro il Teatro Stabile: «Ignora gli artisti del territorio»

Teatro e opera La Slc Cgil di Catania segnala che a distanza di oltre 20 giorni dall’ultimo confronto con il presidente e la direttrice del Teatro Stabile di Catania, non è giunta alcuna risposta o controproposta da parte dell’ente tetrale etneo: «La direttrice del Teatro, Laura Sicignano, continua a ignorare gli artisti del territorio» dichiarano il segretario generale della Slc Cgil, Gianluca Patanè e il responsabile del Dipartimento degli artisti, Luigi Tabita

La Slc Cgil di Catania e il suo Dipartimento Artisti, segnala che a distanza di oltre 20 giorni dall’ultimo confronto con il presidente e la direttrice del Teatro Stabile di Catania, non è giunta alcuna risposta o controproposta da parte dell’ente tetrale etneo. In quell’occasione, il sindacato aveva presentato delle idee che puntavano al coinvolgimento degli artisti del territorio, visto che gli attori amati dal pubblico catanese, molti diplomati alla scuola d’arte drammatica “Umberto Spadaro” dello Stabile (scuola tra le più importanti e antiche d’Italia), sono costretti a lavorare altrove.

«La direttrice del Teatro, Laura Sicignano, continua a ignorare gli artisti del territorio – dichiarano il segretario generale della Slc Cgil, Gianluca Patanè e il responsabile del Dipartimento degli artisti, Luigi Tabita –. Considerazioni che tengono conto di alcuni dati significativi che abbiamo elaborato. Il nostro sindacato oggi ha più di 100 artisti iscritti. Di questi circa 6 hanno lavorato allo Stabile. Su 3 bandi per nuove produzioni, inoltre, per 2 di questi sono richiesti solo attori under 35, quando invece nel territorio la fascia di artisti più numerosa è quella dai 45 ai 60. Questa è l’ennesima conferma di come la direttrice Sicignano, a tre anni dal suo insediamento, non abbia contezza del territorio e della storia del nostro teatro».

La Slc Cgil di Catania segnala inoltre che tra i compiti richiesti dal bando per l’individuazione del direttore artistico del Teatro Stabile,  vi è il “mantenere un forte radicamento del Teatro nella città di Catania e nella regione siciliana, collaborando con le realtà del territorio. Questo ad oggi non si è realizzato – proseguono Patanè e Tabita – infatti la maggioranza delle compagnie del territorio hanno grandi difficoltà a farsi ricevere dalla direttrice. Ci auguriamo che al più presto, Sicignano possa darci delle risposte. Siamo fermamente convinti che per una nuova ripartenza, che diventi anche occasione di ‘rinascita’ per la nostra tradizione culturale, sia fondamentale veder coinvolti un maggior numero di artisti del territorio».

La Sala Verga del Teatro Stabile di Catania

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.