La poesia è morta? W la poesia

Eventi Per il festival NaxosLegge, il 27 settembre a Capo d'Orlando conversazione con lo scrittore Paolo Di Stefano

“La poesia è morta? W la poesia” è il titolo della conversazione con lo scrittore Paolo di Stefano, in programma martedì 27 settembre alle 17,30 a Villa Piccolo (Strada Statale 113, km. 109). Interverranno Pietro Cagni, Antonio Di Mauro, Aldo Gerbino, Alfio Grasso, Maria Grazia Insinga, Carmelo Panebianco, Alberto Samonà. Introduce Aurelio Pes. Coordina Fulvia Toscano. Ingresso libero.

Dall’articolo pubblicato da Paolo di Stefano sulla Lettura del Corriere della Sera il 9 agosto del 2015 dedicato alla “presunta morte” della poesia, è trascorso poco più di un anno e l’eco di quella provocazione ancora resiste e impone una continua riflessione sullo stato di “salute” della poesia e dell’editoria di poesia nel nostro Paese.

Il festival letterario Naxoslegge, grazie alla collaborazione di Antonio di Mauro e della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, invita Paolo di Stefano a riprendere in Sicilia le fila di quel dibattito, in un confronto a più voci, che vede coinvolti alcuni dei poeti e degli intellettuali più significativi della nostra isola, espressione di generazioni ed esperienze diverse, chiamati a interrogarsi sul tema aperto del destino della poesia. Un’occasione per ascoltare la voce di poeti e critici, in un luogo straordinario, la casa di Lucio Piccolo, luogo di incanto poetico e di inveterata bellezza.

Paolo Di Stefano

Paolo Di Stefano

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.