venerdì 20 settembre 2019

venerdì 20 settembre 2019

MENU

"La mafia non è più quella di una volta" vola a Venezia

Visioni

Il nuovo film di Franco Maresco, di cui sono protagonisti la fotografa Letizia Battaglia e l'impresario di cantanti neomelodici Ciccio Mira, è stato selezionato in concorso alla 76a Mostra del Cinema di Venezia


di Redazione SicilyMag

“La mafia non è più quella di una volta”, il nuovo film di Franco Maresco, cofinanziato dall’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana attraverso la Sicilia Film Commission, nell’ambito del progetto Sensi contemporanei, è stato selezionato in concorso alla 76ma Mostra del Cinema di Venezia.
«Un nuovo capitolo di quell’indagine antropologica su Palermo e la Sicilia, condotta da Maresco con la capacità di provocare che lo contraddistingue, e che non risparmierà risvolti grotteschi ed esilaranti» come lo ha definito Alberto Barbera, direttore della Mostra, presentando il film alla stampa.

Ciccio Mira in La mafia non è più quella di una volta

Protagonisti de “La mafia non è più quella di una volta”, prodotto da Rean Mazzone per Ila Palma, sono la fotografa Letizia Battaglia e Ciccio Mira, l’impresario di cantanti neomelodici già protagonista di “Belluscone”.
«È una gran bella notizia – afferma Manlio Messina, Assessore al Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana. – La selezione de “La mafia non è più quella di una volta” alla prossima Mostra del Cinema di Venezia conferma la validità delle azioni svolte a sostegno della filiera dell’audiovisivo in Sicilia. Sostegno confermato anche dalla recente pubblicazione del nuovo Avviso Pubblico destinato alle produzioni audiovisive che sceglieranno la Sicilia come location per le loro narrazioni e per la definizione dei propri progetti creativi. La presenza a Venezia del film di Maresco è dunque una preziosa ulteriore occasione per ribadire il ruolo dell’audiovisivo come importante motore di sviluppo culturale ed economico e la sua centralità per la promozione del territorio siciliano».

«La selezione in concorso del film di Franco Maresco, autore dallo sguardo e dal pensiero mai banale, e la presenza costante di autori e film siciliani nei festival nazionali e internazionali di maggiore rilievo – aggiunge il Direttore della Sicilia Film Commission Alessandro Rais – conferma l’attenzione data dalla Regione Siciliana, attraverso l’azione della Sicilia Film Commission, a un cinema rigoroso e di qualità, con l’obiettivo di valorizzare i migliori talenti siciliani che operano all’interno della filiera dell’audiovisivo».

LA MAFIA NON E' PIU' QUELLA DI UNA VOLTA
un film di Franco Maresco
una produzioneIla Palma Dream Film con Tramp Lmd
Produttori associatiDaniele Moretti / Moretti & Petrassi Holding Marco Milone / AmateruLuca Formenton / Il Saggiatore Stefano Casertano / Daring House (Berlin)
con l’amichevole collaborazione di Paolo Benzi / Okta Film Pietro Marcello / Avventurosa
distribuzione italianaIstituto Luce Cinecittà
vendite internazionaliFandango Sales

SINOSSI Nel 2017, a 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, Franco Maresco decide di realizzare un nuovo film. Per farlo, trova impulso in un suo recente lavoro dedicato a Letizia Battaglia, la fotografa ottantenne che con i suoi scatti ha raccontato le guerre di mafia, definita dal New York Times una delle “undici donne che hanno segnato il nostro tempo”. A Letizia, Maresco sente il bisogno di affiancare una figura proveniente dall’altra parte della barricata: Ciccio Mira, già protagonista nel 2014 di Belluscone. Una storia siciliana. “Mitico” organizzatore di feste di piazza; nei pochi anni che separano i due film Mira sembra cambiato, forse cerca un riscatto, come uomo e come manager, al punto da organizzare un singolare evento allo Zen di Palermo, “I neomelodici per Falcone e Borsellino”. Eppure le sue parole tradiscono ancora una certa nostalgia per “la mafia di una volta”. Intanto, visitando le celebrazioni dei martiri dell’antimafia, il disincanto di Maresco si confronta con la passione di Battaglia.


© Riproduzione riservata
Pubblicato il 25 luglio 2019





TI POTREBBE INTERESSARE

Taormina FilmFest, il grande cinema è nella Perla dello Jonio

Dal 30 giugno al 6 luglio al Teatro antico di Taormina le anteprime dei grandi film di stagione e durante il giorno una serie di masterclass con i protagonisti del cinema italiano e internazionale

Nicole Kidman a Taormina ospite del Film Fest

L'attrice australiana riceverà il Taormina Arte Award. Oliver Stone presiederà la giuria. Madrina della kermesse cinemataografica, in calendario dal 30 giugno al 6 luglio, l'attrice spagnola Rocio Muñoz Morale. Tra le proiezioni speciali sul grande schermo ci sarà la prima italiana di "Yesterday", film di Danny Boyle sui Beatles

Ciak per "Le Sorelle Macaluso" secondo film di Emma Dante

Iniziate a Palermo le riprese del secondo lungometraggio della regista palermitana scritto con Elena Stancanelli e Giorgio Vasta, e prodotto da Rosamont e Minimum Fax Media con Rai Cinema

Catania è set di “Tuttapposto”, il primo film di Roberto Lipari

Per cinque settimane la città ospiterà la troupè del film, atteso per il prossimo autunno, diretto da Gianni Costantino, che vede coinvolti Luca Zingaretti, Monica Guerritore, Viktoria Pisotska, Silvana Fallisi, Ninni Bruschetta, Gino Astorina e lo stesso Roberto Lipari

La Siracusa tra fantascienza e storia di Paolo Boriani: «È più importante ciò che non filmo»

Il regista lombardo, dopo l'inaccessibile Saviano a New York di "Faccia gialla", nel docu-film "Accolla (e il cavallino rosso a Siracusa)" parte dalla luce acceccante della città aretusea e, citando Kubrick, narra la vicenda umana del pittore outsider: «Ho tolto tutto il folcloristico della città. Salvatore vive in una sua Siracusa vissuta nelle ore più solitarie, proprio per non vederla»

Nanni Moretti e quella storia umana che diventa gesto politico

Dall'alto di Belvedere di Siracusa si vede la Sea Watch 3 col suo carico di disperati ostaggio di un'Europa indifferente. Al cine Aurora di Belvedere, intanto, il regista presenta "Santiago, Italia", il docu-film su quella "bella Italia" che accolse i cileni orfani di Allende, fuggiti dalle torture di Pinochet. Moretti, però, ci ricorda che "L’Italia di ora assomiglia al Cile di allora, del golpe"