L’1 novembre replica straordinaria per il “Marchese di Ruvolito” con Tuccio Musumeci al Brancati di Catania

Dopo lo strepitoso successo che si è confermato ad ogni chiusura di sipario con un grandissimo riscontro di pubblico, Il Marchese di Ruvolito, commedia in tre atti di Nino Martoglio, ritornerà in scena al Brancati di Catania con una replica in via del tutto straordinaria martedì 1 novembre alle ore 21. Questa sarà anche l’ultima settimana che includerà l’ultimo ciclo di repliche della commedia che vi ricordiamo andrà in scena nei seguenti giorni: giovedì alle 21, venerdì alle 17.30, sabato alle 17.30 e 21, per concludersi il 6 novembre alle 17.30. Sul palco di via Sabotino, accanto all’ applauditissimo Tuccio Musumeci nei pannid ell’astuto marchese, ci sono Rossana Bonafede, Turi Giordano, Maria Rita Sgarlato, Riccardo Maria Tarci, Roberta Andronico, Fabio Costanzo, Antonio Castro, Donatella Liotta, Enrico Manna, Savì Manna, Claudio Musumeci, Luigi Nicotra, Marina Puglisi, Raniela Ragonese, Giovanni Strano. La regia è di Giuseppe Romani, i costumi sono di Mela e Rosa Rinaldi, le scene di Susanna Messina, i movimenti coreografici di Silvana Lo Giudice.

Tuccio Musumeci nei panni del Marchese di Ruvolito

Tuccio Musumeci nei panni del Marchese di Ruvolito

La trama: l’astuto Marchese, maestro nell’arte di arrangiarsi, grazie alla profonda conoscenza dell’aristocrazia, riesce a far guadagnare a nuovi signori un titolo nobiliare, anche laddove non vi sono origini di sangue blu. Grazie anche all’occhio sarcastico di Martoglio, il Marchese di Ruvolito riuscirà attraverso una serie di esilaranti siparietti a dimostrare la propria nobiltà d’animo.

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.