Il trionfo della granita, ad Acireale la gara tra 15 maestri gelatieri

Tutto fa panza Nella centralissima piazza Duomo, dal 25 al 27 maggio, torna l'appuntamento con la Nivarata, il Festival internazionale della granita siciliana

100 nuovi gusti di granita dalla prima edizione di Nivarata, 100mila visitatori, 25mila coppette distribuite solo lo scorso anno. Sono i numeri del successo del Festival internazionale della granita siciliana che, dal 25 al 27 maggio, in piazza Duomo ad Acireale, ritorna a deliziare i palati di turisti e appassionati. Si comincia venerdì 25 maggio con la cerimonia di apertura alle ore 10 e la nomina di Giovanna Musumeci quale “Ambasciatrice della Granita Siciliana nel Mondo”.

Il trionfo della granita, ad Acireale la gara tra 15 maestri gelatieri

A seguire la degustazione dei nuovi gusti di granite proposti da 15 maestri gelatieri in concorso: Giuseppe Arena – gelateria “Export”(ME); Gentian Ashiku -“Mil sabores” Pontenure (Piacenza); Alessandro Attilio per “Insisto” di Savona; Luigi Beretta – azienda agricola “Beretta Luigi” Zeccone (Pavia); Seb Cole – “Boho Gelato” Brighton (United Kingdom); Salvatore Fasolo – “Langolo delle delizie” Piraino (ME); Peppe Flamingo – “Tasta” Modica (RG); Fabio Marconi – “Gelaterie Marconi” Chiavari (GE); Giovanna Marsilio – “Koala” Legnago (VE); Mariko e Shoei Nakagawa – “Sinpachi Chaya” Kyoto (Japan); Chiara Saffioti – “Granitiamo” Palmi (RC); Ilaria Scarselli – “La fonte del gelato” Fucecchio (Firenze); Aurelio Seminara – “Nevaroli” Acireale (CT); Alessandro Squatrito – “Ritrovo orchidea” Oliveri (ME); Guido Zandona – “Chokkolatte” Padova.

La giuria della scorsa edizione

La giuria della scorsa edizione

Sara’ possibile degustare (e votare) le granite in concorso presso gli stand dalle ore 10 di venerdi mattina sino alle ore 23 di domenica 27 (salvo esaurimento scorte).
«La selezione non è stata semplice – spiegano gli organizzatori dell’evento Angelo Fichera, Tiziana Privitera e Vincenzo Pappalardo – Quest’anno, infatti, sono stati tanti i nomi importanti che si sono proposti. Abbiamo voluto dare risalto all’aspetto culturale degli ingredienti utilizzati, ai sapori, all’internazionalità e all’innovazione. E, in questa edizione, grande protagonista sarà, in generale, il patrimonio enogastronomico e culturale siciliano. Il turista sarà accompagnato alla scoperta della città, della sua cultura, arte e segreti enogastronomici. Perché la granita rappresenta l’esaltazione di un territorio nella sua versione più ampia che abbraccia l’intera provincia etnea».

La premiazione della scorsa edizione

La premiazione della scorsa edizione

Ed ecco alcuni degli appuntamenti in programma. La mostra, a cura di Tiziana Privitera, realizzata in collaborazione con Luigi Romana e la mostra documentaria “La via del ghiaccio: percorsi di turismo e didattica” di Alberto Traina e Ester Barone. “Nivarata Kids Festival” a cura di Aci Cafè & GiocAnimazione e anche il Live Food Show con laboratori per i bambini “Impariamo il buon gelato” a cura dei Gelatieri per il Gelato. Presente anche la Scuola Internazionale di Alta Gelateria con i suoi mini corsi di produzione della granita aperti al pubblico e la spiegazione di importanti ingredienti e presidi slow food. E ancora, un’estemporanea di sculture di ghiaccio a cura di Free Ice e numerosi live food show.

Immancabili le moto e auto d’epoca che faranno bella mostra sulla location dell’evento, e il concorso fotografico a tema Granita Siciliana curato da ACV. Grande novità di Nivarata 2018, uno spazio gourmet a cura degli “Chef con la Coppola”. Tra le tipicità siciliane da degustare gli hamburger con porchetta di maialino nero, composta di cipolla giarratana e salsa tartata, Montanara siciliana classica e alla Norma, Su-shiciliano fritto con tonno, cipolla di Tropea e arancia e le famose crispelle alla ricotta e alle acciughe. Gli chef a lavoro in questa area sono Simone Strano, Giuseppe Raciti, Giovanni Grasso, Giuseppe Torrisi e Orazio Cordai.

Clicca qui per il programma completo della Nivarata 2018

Commenti

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.