Il regista Paolo Taviani sceglie Catania per il suo nuovo film “Leonora Addio”

Visioni Il regista, da sempre legato alla Sicilia, gira all'interno del monastero dei Benedettini e nelle biblioteche riunite "Civica e Ursino Recupero" di Catania un dramma surreale ispirato ad una novella di Luigi Pirandello

Il regista Paolo Taviani ha scelto Catania per girare alcune scene del suo ultimo film “Leonora Addio”, prodotto da Stemal Entertainment con Rai Cinema, da Donatella Palermo, Serge Lalou, in coproduzione con Les Films d’Ici. Il set del lungometraggio, un dramma surreale ispirato ad una novella di Luigi Pirandello, è stato allestito all’interno del monastero dei Benedettini e nelle biblioteche riunite “Civica e Ursino Recupero”.

Paolo Taviani durante le riprese del film “Leonora Addio” a Catania

E’ nella prestigiosa sala Vaccarini che il vicesindaco Roberto Bonaccorsi ha incontrato il regista per rivolgergli il saluto e il benvenuto della Città. Erano presenti l’assessore Sergio Parisi, le responsabili della biblioteca, Rita Carbonaro, e della Catania Film Commission, Sabina Murabito, che hanno supportato le riprese, il direttore di produzione Giovanni Marchese.
Il maestro Taviani, nel ringraziare per l’ospitalità, ha messo in risalto il proprio amore per la Sicilia, condiviso con il fratello Vittorio, scomparso nel 2018: «In Sicilia abbiamo girato un documentario negli anni ’50 – ha sottolineato -. Siamo stati qui un mese, abbiamo scoperto mondi inaspettati e quando abbiamo deciso di fare il nostro primo film, che fu quindi l’esordio, abbiamo detto: lo facciamo in Sicilia. Io dunque sono toscano ma sono anche siciliano».

Le riprese del film “Leonora Addio” al Monastero dei Benedettini

Nell’Isola Paolo e Vittorio Taviani avevano inoltre girato “Kaos” (1984) e “Tu ridi” (1998).
Riguardo in particolare alla biblioteca del complesso benedettino, sul libro d’onore il regista ha scritto: «E’ di una bellezza commovente questa biblioteca. Spero che le immagini del film le rendano il giusto omaggio».
“Leonora Addio”, regia e sceneggiatura di Paolo Taviani, annovera tra gli attori Fabrizio Ferracane e Massimo Popolizio. Tutto il cast è di prim’ordine. Le musiche sono di Nicola Piovani, la fotografia di Simone Zampagni e Paolo Carnera, il montaggio di Roberto Perpignani, i costumi di Lina Nervi Taviani, la scenografia di Emita Frigato. E ancora, suono presa diretta Maximilien Godiet, organizzazione Simone Bachini, distribuzione internazionale Fandango.

Commenti

Post: 0

SicilyMag è un web magazine che nel suo sottotestata “tutto quanto fa Sicilia” racchiude la sua mission: racconta quell’Isola che nella sua capacità di “fare”, realizzare qualcosa, ha il suo biglietto da visita. SicilyMag ha nell’approfondimento un suo punto di forza, fonde la velocità del quotidiano e la voglia di conoscenza del magazine che, seppur in versione digitale, vuole farsi leggere e non solo consultare.

Per fare questo, per permettere un giornalismo indipendente, un’informazione di qualità che vada oltre l’informazione usa e getta, è necessario un lavoro difficile e il contributo di tanti professionisti. E il lavoro in quanto tale non è mai gratis. Quindi se ci leggi, se ti piace SicilyMag, diventa un sostenitore abbonandoti o effettuando una donazione con il pulsante qui di seguito. SicilyMag, tutto quanto fa la Sicilia… migliore.